Non è un paese per giovani. L'anomalia italiana: una generazione senza voce - Elisabetta Ambrosi,Alessandro Rosina - copertina

Non è un paese per giovani. L'anomalia italiana: una generazione senza voce

Elisabetta Ambrosi,Alessandro Rosina

Scrivi una recensione
Editore: Marsilio
Collana: I grilli
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 17 giugno 2009
Pagine: 111 p., Brossura
  • EAN: 9788831797986
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 8,50

€ 10,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Da sempre sono i giovani la parte più dinamica di una società: sono loro a travolgere le barriere della tradizione, a proporre inedite letture della realtà. Eppure in Italia, per le nuove generazioni, questo non vale. Scopertesi improvvisamente "rapinate" del proprio futuro, non accennano a reagire. Il conflitto generazionale è disattivato. Manca la spinta al rinnovamento e la società rimane rigida, poco reattiva davanti alle grandi sfide. Gli autori analizzano senza sconti le responsabilità di due generazioni, in modo diverso protagoniste in negativo dell'Italia di oggi. Padri che monopolizzano spazi e risorse disponibili, senza curarsi del bene comune; figli che dipendono morbosamente dalla famiglia, senza coraggio né capacità di immaginare un futuro diverso: sono alcuni dei motivi che rendono l'Italia un paese che non cresce, dove i giovani hanno scarso peso e poca voce. Sullo sfondo un interrogativo ineludibile: è ancora possibile, per i figli, un pieno riscatto o appare sempre più concreta l'inquietante ipotesi di un "salto di generazione"?
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Fabrizio

    05/01/2010 09:49:41

    Un'analisi lucida dei problemi generazionali italiani. Che diventano problemi politici, economici, sociali. Arretratezza culturale e tecnologica, nepotismo universitario, politica bloccata, gerontocrazia imperante, debito pubblico esagerato, crescita demografica bloccata: tutti spiegati dall'accaparramento delle risorse da parte della generazione degli attuali sessantenni a spese del futuro e di una generazione di trentenni incapaci (e quindi complici di questa situazione) di rivendicare il proprio diritto ad esistere.

Note legali