Non pensare all'elefante!

George Lakoff

Traduttore: B. Tortorella
Editore: Fusi Orari
Anno edizione: 2006
Pagine: 185 p., Brossura
  • EAN: 9788889674154
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 10,62

€ 12,50

Risparmi € 1,88 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lorenzo

    19/11/2008 12:37:45

    Gran libro, consigliato a chiunque si interessi di comunicazione politica. E' oltre tutto estremamente leggibile e scorrevole. Sulla stessa scia consiglio anche "La mente politica" di Drew Westen, che è in parte ispirata a questo libro di Lakoff.

  • User Icon

    HULK

    11/06/2007 14:51:12

    Faticosamente il prof. Lakoff sta facendo breccia come 'pensatore' progressista, schiacciato per anni da Chomsky e Gore Vidal. Il libro è senz'altro un punto di partenza, promettere 'Pane e ... per tutti', oppure dormite sonni tranquilli 'Il vostro denaro aumenta' caso Enron. Il discorso linguistico è senz'altro affascinante, ma è monco se non tiene conto di quanto accade in economia. Durante gli anni 70 , ed anche prima, con la tassazione progressiva del reddito, la classe media, l'architrave di ogni società occidentale finiva per pagare servizi che non utilizzava. Scuole private, assistenza privata, etc. Ronny ha tagliato tutto, 'Consumate', era l'edonismo anni 80. Il ragionamento delle tasse come investimento, dal nulla non si crea nulla, si basa su di una solidarietà tra generazioni, classi, che il pensiero non progressista rigetta a priori. Credo che non si possano considerare conservatori i repubblicani americani, tantomeno gli inglesi. Scardinare lo stato sociale, utlizzare il populismo 'Nel senso degenere', ma anche i progressisti chi sono??? Se vi fossero delle sostanziali differenze negli USA, i Democratici vincerebbero facilmente. Invece le basi elettorali vanno sempre più assottigliandosi, visto che gli schieramenti sono se non uguali, simili. Ceramente non pensaare all'elefante sifnifiaca proprio, non seguire i conservatori. Ma quale candidato progressista è contro la pena di morte, per l'aborto, per una redisrtibuzione delle risorse equo, per i controlli, onde evitare catastrofi tipo enron, vedi blak out in California. LO stesso libro, è contraddittorio. Prefazione di de Bortoli, cacciato dal Corriere per un articolo su Berlusconi, ora direttore del sole 24 ore, il quotidiano di Confindustria. Edito da Internazionale, non certamente vicina ad idee conservatrici. In casa nostra chi abbiamo, un buon parroco e l'unto . poche idee e piuttosto confuse Ennio Flaiano.

Scrivi una recensione