Non è per sempre

Artisti: Afterhours
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Virgin
Data di pubblicazione: 1 aprile 2013
  • EAN: 0094638106920

72° nella classifica Bestseller di IBS CD - Musica italiana - Pop Rock italiano

pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 10,50

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Disco 1
  • 1 Milano Circonvallazione Esterna
  • 2 Non È Per Sempre
  • 3 La Verità Che Ricordavo
  • 4 Oppio
  • 5 Non Si Esce Vivi Dagli Anni 80
  • 6 Baby Fiducia
  • 7 Tutto Fa Un Po' Male
  • 8 Superenalotto
  • 9 L'Inutilità Della Puntualità
  • 10 L'Estate
  • 11 Bianca
  • 12 Oceano Di Gomma
  • 13 Cose Semplici E Banali

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Aria

    22/09/2018 11:13:47

    Caratterizzato da un minor uso del cut-up e da una tendenza a sonorità maggiormente orientate verso il pop (“Baby fiducia”, “Bianca”) il disco, che vede l’entrata di Dario Ciffo al violino, riceve un’accoglienza generalmente positiva. Centrale il ruolo di Milano, presente già nella traccia di apertura (“Milano Circonvallazione Esterna”, esplicito tributo a “Frankie Teardrop” dei Suicide), ancora una volta sfondo metropolitano alienato ed opprimente di vicende raccontate in bilico tra delicata amarezza (la leggera e inesorabile “Oppio”, “Oceano di gomma”) e scatti rabbiosi degni eredi dei lavori passati (“La verità che ricordavo”, “Non si esce vivi dagli anni ’80").

  • User Icon

    Vision

    20/09/2018 13:16:39

    Caratterizzato da un minor uso del cut-up e da una tendenza a sonorità maggiormente orientate verso il pop (“Baby fiducia”, “Bianca”) il disco, che vede l’entrata di Dario Ciffo al violino, riceve un’accoglienza generalmente positiva. Centrale il ruolo di Milano, presente già nella traccia di apertura (“Milano Circonvallazione Esterna”, esplicito tributo a “Frankie Teardrop” dei Suicide), ancora una volta sfondo metropolitano alienato ed opprimente di vicende raccontate in bilico tra delicata amarezza (la leggera e inesorabile “Oppio”, “Oceano di gomma”) e scatti rabbiosi degni eredi dei lavori passati (“La verità che ricordavo”, “Non si esce vivi dagli anni ’80").

  • User Icon

    eros 88

    22/10/2009 14:40:47

    certo e' da m ettersi a piangere dopo aver ascoltato "germi" e "hai paura del buio" che sono due album di puro rock duro a ascoltare "non e' per sempre" che e' pop. ci sono belle canzoni uguale

Scrivi una recensione