Recensioni Il nostro gioco crudele

  • User Icon
    12/05/2020 18:49:08

    bel thriller! A volte devo dire un po' ripetitivo

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    02/11/2019 13:46:56

    Sono rimasta un po' fregata perché avevo già letto questo libro, ma aveva un titolo diverso, "nessuno deve sapere", siccome mi era piaciuto, pensavo di aver comprato un secondo libro dell'autrice. Comunque equivoco a parte, è veramente un bel thriller psicologico che ci fa entrare nei meandri della mente di uno stalker che porta all'estremo conseguenze la sua ossessione verso la donna amata e perduta. La storia del suo passato getta una luce sulle ragioni della dipendenza affettiva e lo rende un personaggio più accettabile. Una riflessione profonda sulle conseguenze di un'infanzia senza certezze, ma anche sull'interpretazioni deviate operate da una mente che ama in modo malato. Molto profondo ed interessante, decisamente attuale.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    05/12/2018 12:30:44

    Il linguaggio è fatto solo di parole o sono i dettagli a dover essere interpretati? Il nostro gioco crudele è una lettura talmente particolare che è difficile da spiegare senza potervi raccontare la storia. L'autrice nelle note finali svela che ha tratto l'ispirazione da caso mediatico che ha fatto scalpore (a voi scoprire quale leggendo il romanzo) e in effetti pensandoci bene, a libro ultimato alcuni elementi vi si avvicinano. L'autrice ha uno stile intrigante, sa destare e mantenere l'attenzione necessaria, riesce a scandagliare al meglio la mente del protagonista e trasmetterne l'oscurità e l'ambiguità che l'attraversano. Ci sono stati alcuni aspetti del suo passato che avrei voluto fossero raccontati più nel dettaglio, in particolare l'infanzia di abusi e sofferenza, la sua adolescenza, aspetti che vengono presi in considerazione nella seconda parte del romanzo e grazie ai quali riusciamo ad avere un quadro più completo della personalità del protagonista. Sono molti gli argomenti che vengono messi in campo: stalking, preferenze sessuali, abusi, ossessioni e problemi psicologici. Elementi che sono trattati in modo da risultare particolarmente realistici, atteggiamenti che sono soggetti al giudizio e alla morale, gli stessi giudizi che ne condizioneranno molto l'epilogo. Il nostro gioco crudele è certamente un thriller dai tratti fortemente psicologici, leggere un'ossessione dall'interno della mente di chi la prova è tremendamente inquietante, mette davvero i brividi probabilmente ancor più di quando ci troviamo davanti storie in cui a farla da padrone sono i fatti, i colpi di scena. Qui i colpi di scena sono i pensieri, i comportamenti che ne scaturiscono, le interpretazioni che si danno ai dettagli, il tutto capace di instillare nel lettore i dubbi, la certezza di aver compreso dove sia la verità per poi non riuscire più a incastrare perfettamente i pezzi.

    Leggi di più Riduci