La notte dei petali bianchi

Gianfranco Di Fiore

Editore: Laurana Editore
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 01/10/2011
Pagine: 239 p., Brossura
  • EAN: 9788896999110
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 14,02

€ 16,50

Risparmi € 2,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luca

    19/02/2012 23:26:48

    Mi e' piaciuto molto questo romanzo d'esordio di Gianfranco Di Fiore, ambientato nella produttiva provincia bresciana tra grandi fabbriche sotto un perenne cielo glaciale. Qui immigrati di varie etnie, vivono chiusi nelle loro solitudini e si guardano si tengono d'occhio a distanza in un'Italia che tollera tutti loro con diffidenza e rabbia silente. Su questo sfondo grigio e sterile nasce la storia tra Dante, una guardia notturna quasi cinquantenne, e Samira una ragazzina musulmana di soli quindici anni che vende fiori in un camper al cimitero. La storia e' ovviamente osteggiata con violenza dal padre e dal fratello di Samira. Potrebbe sembrare un rapporto pedofilo ma sarebbe troppo semplice prima di tutto perche' e' un rapporto corrisposto da Samira e poi perche' si scopre che Dante e' stato violentato dal padre appena ragazzino e magari ama le ragazzine semplicemente perche' la sua vita si e' fermata li' alla sua infanzia, come ibernata. La storia ha molte altre tematiche interessanti tra cui l'incomunicabilita' tra etnie e religioni diverse, la malattia, il rapporto con i genitori, l'estremismo religioso, l'alienazione. Ma non voglio rivelare altro per non rovinarvi la lettura. Nonostante sia il suo romanzo d'esordio mi ha davvero colpito la professionalita', l'originalita' e lo stile di Di Fiore, direi che non ha niente da invidiare agli scrittori professionisti gia' affermati. Sono curioso di leggere il suo prossimo libro.

  • User Icon

    pasquale barlotti

    24/12/2011 23:05:06

    opera di chirurgia estetica chiosata da cerusicheria legale, come autopta delle transumanze nomadi, culturali, introspettivamente veggenti. la lucidita' potrebbe trarre inganno....viene messa alla prova la capacita' di lettore......

  • User Icon

    Settimio

    05/12/2011 19:26:45

    Un qualsiasi lettore poco avvezzo a confrontarsi con capolavori letterari potrebbe incorrere nel grave errore di lasciarsi influenzare dalla recensione scritta sulla copertina di un libro e soffermarsi unicamente sulla trama del racconto; ciò potrebbe accadere leggendo la recensione del romanzo "La notte dei petali bianchi". La trama sembrerebbe scontata: la storia d'amore tra un quarantenne cristiano, Dante, e una sedicenne di famiglia islamica, Samira, contornata da elementi quali, ad esempio, l'odio razziale, l'ossessione patologica di Dante per le ragazzine, etc.; tuttavia Di Fiore, riesce con assoluta maestrìa ad andare oltre; riesce a trasportare il lettore al di là dei semplici avvenimenti, pur offrendo durante il racconto numerosi spunti di riflessione. "La notte dei petali bianchi" descrive un viaggio vissuto dall'interno, dalle più profonde emozioni di Dante; è un continuo alternarsi di stati emozionali, abilmente descritti da Di Fiore, che sembrano letteralmente materializzarsi intorno al protagonista; paesaggi, oggetti, etc., sembrano assecondare Dante, assumendo sfumature diverse, a seconda del suo stato d'animo. La tecnica scrittoria di Di Fiore rende il romanzo semplice, scorrevole, che si lascia leggere; tutto ciò "inchioda" al libro il lettore, trascinandolo lungo il racconto, i cui brevi capitoli sembrano delle vere e proprie scene di un film. Consiglio, quindi, vivamente la lettura di questo libro, che ha tutti i numeri per diventare un capolavoro della letteratura italiana e non solo.

  • User Icon

    gaia

    30/11/2011 17:46:00

    Ho finito di leggere il tuo libro,senza dubbi mi è piaciuto.Confesso di essere stata scettica all inizio per la scelta della storia narrata,temevo potesse essere qualcosa di "facilmente fruibile",ma poi pagina dopo pagina mi sono dovuta ricredere perchè le parole asciutte,ben assestate mi hanno catapultata nella neve.Tra il grigiore insulso del nord,tra le vite appena accennate di uomini che vivono a metà,senza sfumature.Con le vene otturate da grumi di sangue.Ho apprezzato la nudità delle descrizioni carnali,del sesso malato,mi ha conquistata il ritmo sobrio e al contempo incalzante della narrazione,la scarnificazione di Dante.L insostenibile illogica dell odio.é un libro asciutto,maturo,orfano di fronzoli,c è la disillusione di un umanità confusa,il dolore,lo smarrimento,il fastidio,lo sporco che ti fa grattare la pelle,la tristezza,l indifferenza, l ignoranza,l incomprensione,la paura e la rabbia.Sentimenti alla deriva eppure così grevi nell aria che a fatica spingiamo nei polmoni.

  • User Icon

    Dave

    03/11/2011 01:13:51

    Assolutamente da leggere!!!! Laurana editore ha fatto centro!

  • User Icon

    Wilson

    03/11/2011 01:12:43

    Una storia cruda e triste ma allo stesso tempo giovane e solare. La professionalità dell'autore può esser colta già dalle prime righe. IMMENSO!

  • User Icon

    Bogo

    03/11/2011 01:09:02

    Grande storia,immensa narrazione di un sublime narratore!

  • User Icon

    Karla Viva

    01/11/2011 13:18:04

    nonostante gli argomenti trattati non siano dei più facili non è stato per nulla pesante da leggere...anzi...lo consiglierei come libro per le vacanze da far leggere a scuola in quanto credo possa aiutare a comprendere la non facile "convivenza" di diverse etnie senza avere pregiudizi

  • User Icon

    Giorgio Sodano

    01/11/2011 13:12:24

    libro senza dubbio molto utile e dalla facile lettura resa tale dall'utilizzo di un registro per niente aulico ma mai banale

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione