La notte della grande tartaruga

Joseph Zoderer

Traduttore: G. Agabio
Editore: Einaudi
Collana: I coralli
Anno edizione: 1996
Pagine: 111 p.
  • EAN: 9788806141974
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 5,57

€ 8,78

€ 10,33

Risparmi € 1,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile


scheda di Morello, R., L'Indice 1996, n.11

L'ultimo libro di Zoderer è una sceneggiatura ideale, in attesa di un regista disposto a tradurla in immagini. Durante un viaggio in Messico il protagonista incontra una giovane donna affascinante e sensuale che scompare e riappare misteriosamente, coinvolgendolo in un gioco erotico allettante ma pericoloso, che a tratti si tinge anche di giallo. È l'epoca della 'beat generation', ci sono echi del '68, i giovani americani in cerca di avventura percorrono le strade messicane in autobus oppure in groppa a grandi motociclette rombanti. Il tema del racconto è il viaggio come metafora dell'abbandono erotico, l'attrazione e nel contempo il timore di fronte all'ignoto. L'atmosfera ambiguamente sospesa tra desiderio di evasione e riluttanza o impossibilità ad abbandonarsi totalmente a essa richiama certi film di Antonioni oppure i romanzi di Frisch. Nonostante questa sensazione di 'déjà vu', la storia è ben congegnata, una sapiente miscela di eros e sangue, sullo sfondo di una natura esuberante e insidiosa, che trascina il lettore in una spirale di indolenza e calura capace di inebriare e contemporaneamente ottundere i sensi. In uno sperduto villaggio sulla costa del Pacifico si svolge la grande festa per la cattura di una testuggine _ una specie di grande rito orgiastico collettivo con canti e balli _ che culminerà nel colpo di scena finale: l'irruzione della polizia, l'arresto del protagonista e la sua espulsione dal paese che segnano il brusco rientro nella normalità, rassicurante ma deludente. Come dire che non si sfugge al proprio destino, e ogni avventura, vera o immaginata, ha il suo inevitabile rovescio.