Categorie
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2015
Pagine: 314 p. , Brossura
  • EAN: 9788806227777

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ciro D'Onofrio

    26/03/2016 10.07.04

    La Notte di Roma si rivela il fiacco seguito di Suburra, libro molto più interessante:Vi si riconosce la scrittura sempre accattivante di De Cataldo, che con Bonini,offre comunque una lettura scorrevole, piacevole ma senza particolari enfasi. Il grande pregio del libro è creare quel "fil rouge" tra la più nera realtà e la più nera fantasia, in cui non è chiaro dove finisce l'una e comincia l'altra.Bello il finale senza speranza.

  • User Icon

    Andrea

    30/12/2015 15.27.36

    Nulla di rilevante, seguito di suburra con alcuni personaggi che ritornano. In generale il romanzo scorre senza colpi di scena , forse anche un pò piatto. Sembra scritto senza molta voglia. Libro che si può evitare

  • User Icon

    biagio micheletti

    28/11/2015 22.17.54

    Libro velocissimo da leggere che prende spunto, a piene mani, dall'attualità. Si capische che l'idea è di sceneggiare una serie televisiva caratterizzando alcuni personaggi. Romanzo criminale era, chiaramente, un'altra cosa. Errore imperdonabile: Pertini e la nazionale di calcio nel 1982 non si portano a casa la coppa Rimet vinta definitivamente (dopo tre volte) dal Brasile proprio con l'italia nel 1970. Ecco, da questa disattenzione si capisce il poco interesse per i particolari. Rinviati sullo sport e non solo. Molti personaggi funzionano nelle fiction ma respirano male in un romanzo. E l'editing Einaudi lascia molto a desiderare.

  • User Icon

    Marcello

    24/11/2015 20.57.27

    Meglio di Suburra ! Godibilissimo nella sua finzione e nella sua terribile realtà quotidiana. Roma è così, la cacca degli storni che blocca il lungotevere è un piacevole patè al confronto della commistione fra politica, palazzinari, clero affaristico e una spruzzata di criminalità romana e cosche. Tutto vero !!!!! Tutto ha un per cento sia che si faccia sia soprattutto che non si faccia, tutto è rackett e controllo economico e di potere. Bravi a scrivere di questa schifezza.

  • User Icon

    Fabio

    16/11/2015 15.51.11

    Non ho letto Suburra,ma i precedenti romanzi di De Cataldo mi sembrano considerevolmente superiori,confesso invece di non conoscere Bonini. Nel complesso mi pare un romanzo superficiale e scritto in fretta,con poca attenzione per i personaggi,tutti di maniera e prevedibili. Di notevole rimangono alcune anticipazioni dei fatti politici romani di recente memoria,con protagonisti reali facilmente riconoscibili e altri forzatamente caricaturali. Molta carne al fuoco,forse troppa per potere essere liquidata così rapidamente.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione