La notte

Elie Wiesel

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: D. Vogelmann
Editore: Giuntina
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 490,38 KB
Pagine della versione a stampa: 112 p.
  • EAN: 9788880577294
Salvato in 6 liste dei desideri

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Ciò che affermo è che questa testimonianza, che viene dopo tante altre e che descrive un abominio del quale potremmo credere che nulla ci è ormai sconosciuto, è tuttavia differente, singolare, unica. (...) Il ragazzo che ci racconta qui la sua storia era un eletto di Dio. Non viveva dal risveglio della sua coscienza che per Dio, nutrito di Talmud, desideroso di essere iniziato alla Cabala, consacrato all'Eterno. Abbiamo mai pensato a questa conseguenza di un orrore meno visibile, meno impressionante di altri abomini, ma tuttavia la peggiore di tutte per noi che possediamo la fede: la morte di Dio in quell'anima di bambino che scopre tutto a un tratto il male assoluto?"(dalla Prefazione di F. Mauriac)
4,84
di 5
Totale 37
5
34
4
2
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    IRENE

    19/09/2019 10:16:27

    Libro fondamentale. Tutti dovrebbero leggerlo, certe scene qui descritte non si sono viste neanche nei film, sarebbero troppo forti. Da far leggere nelle scuole, altro che revisionismo storico...!

  • User Icon

    Mik

    29/08/2019 18:00:32

    Lo dovrebbero leggere nelle scuole! Capolavoro, senza parole. Un libro che ti prende, ti emoziona, ti fa riflettere e ti catapulta in un vortice di emozioni.

  • User Icon

    Samuel

    03/04/2019 11:52:28

    Uno dei picchi più alti della letteratura concentrazionaria. Affilato e doloroso. Un capolavoro.

  • User Icon

    n.d.

    25/03/2019 16:14:28

    Un libro capace di toccarti nel profondo e trascinarti con sé in una notte oscura, triste e orribile, che mostra la natura umana in condizioni inimmaginabili. Lettura pesante ma dalla scrittura scorrevole. Un must per il suo genere.

  • User Icon

    Roberta

    12/03/2019 15:06:11

    Letto la prima volta quasi vent'anni fa all'università. Lo rileggo di tanto in tanto ed è sempre un pugno allo stomaco. L'uomo può raggiungere livelli di disumanità aberranti. Lo consiglierei ai ragazzi che, alle superiori, studiano quel periodo storico, per comprendere la portata dell'orrore, ma anche a tutti quelli che fingono di non vedere le atrocità di cui è capace l'uomo.

  • User Icon

    Tizy

    11/03/2019 06:55:49

    Libro toccante, commovente, sincero, amaro, disarmante, crudo e crudele. Il protagonista (premio Nobel per la pace) scrive pagine dove traspare tutta la sua rabbia per i torti subiti, il suo terrore alla sola vista dei camini che poi saprà essere quelli dei forni crematori , la.sua frustazione quando ad esempio non reagirà davanti le angherie dei Kapo', la sua sottomissione a ordini incomprensibili pur di accendere la speranza della salvezza sua e di quella del caro padre. È un libro importante, è il libro della memoria e del " mai più dimenticherò. ..." Consigliato...5 stelle meritatissime. Questo è il mio parere...

  • User Icon

    ali

    07/03/2019 21:04:54

    Il libro racconta la storia di un ragazzo deportato ad Auschwitz assieme al padre. Racconta l'orrore vissuto, la sofferenza, la lotta quotidiana per la sopravvivenza, il rapporto con il padre, non facile in un simile ambiente. Il libro, anche se non molto lungo, è davvero toccante e ci coinvolge non solo perché testimone di un tale orrore, ma anche per il fatto di avere i pensieri di un bambino, un adolescente che cerca di vivere in quel inferno e che si chiede sempre: dove è Dio? Infatti una delle domande ricorrenti del libro è proprio quella, dove è Dio quando un bambino viene ucciso? Quando un padre viene fucilato di fronte al suo figlio? Quando qualcuno muore per la fame e la stanchezza? Una domanda alla quale è difficile trovare una risposta.

  • User Icon

    n.d.

    18/11/2018 09:42:08

    Molto bello, molto toccante. In un'epoca dove qualcuno ha il coraggio di negare, andrebbe letto. Per ricordare e non permettere che si provi a dimenticare.

  • User Icon

    Gabrio

    05/11/2018 12:07:59

    Che dire che non sia banale? Che non sia già stato scritto? Andrebbe letto da molte persone, nelle scuole. Leggere per conoscere con gli occhi di chi l'ha vissuto sulla propria pelle e leggere per non dimenticare. Le 5* sono ovviamente praticamente tutte per la storia e la narrazione. Il resto, quando non è fatto male va tutto in secondo piano.

  • User Icon

    paolo stefani

    22/01/2018 07:59:34

    sarebbe sufficiente la descrizione della follia della donna che vede ovunque il fuoco durante il viaggio nel carro bestiame che porta gli ebrei ad Auschwitz, e del suo bambino che si stringe a lei, muto, a farne un capolavoro.

  • User Icon

    Francesca

    08/12/2017 09:01:14

    Un buon libro

  • User Icon

    Fralb

    25/09/2017 10:03:31

    Storia e racconto di poche pagine che portano direttamente il lettore negli orrori di quel periodo. Aiuta a riflettere sull'Olocausto e su vicende ancora attuali.

  • User Icon

    LEOPOLDO ROMAN

    04/09/2016 22:12:30

    Con "Se questo è un uomo" di Primo Levi, lo considero un capolavoro assoluto della letteratura su quell'immane tragedia che è stata l'olocausto. Mi chiedo solo come sia possibile, dopo la pubblicazione ed il successo di un libro così, accettare passivamente che nel mondo sgorghino e prolifichino un po' dappertutto rigurgiti fascisti e nazisti nell'indifferenza generale. Certo che trascorrere l'infanzia ad Auschwitz, Birkenau, Duna e Buchenwald e veder morire prima la sorellina e la madre, poi anche il padre; aver visto il corpo di migliaia di bambini come lui trasformarsi in volute di fumo, deve essere stata per il quindicenne Elie un'esperienza devastante. La centralità del racconto non sta però nella commovente e letterariamente sublime descrizione dell'accaduto, quanto nel parlare molto della rottura del suo rapporto fiduciario con Dio, nonostante fosse stato fin da bambino indirizzato alla vita religiosa. Per Elie ad Auschwitz Dio è morto. Scrive: "Mai dimenticherò quegli istanti che assassinarono il mio Dio e la mia anima, e i miei sogni, che presero il volto del deserto".

  • User Icon

    Egome

    30/08/2016 12:54:00

    Una testimonianza diretta di Eliezer (così chiamava Elie Wiesel suo padre), giovane ebreo rumeno di 15 anni e del padre sulle aberrazioni cui può andare incontro il genere umano (umano andrebbe fra virgolette). Ghetto, deportazione, esecuzioni, trasferimenti continui da un campo all'altro, crudeltà , privazioni e sofferenze (non solo fisiche) inenarrabili, che tolgono ogni speranza e ogni fede religiosa. Si parla spesso di olocausto. Queste poche intense e splendide pagine valgono più di ogni rendiconto storico e rendono drammaticamente rappresentato questo orribile momento storico.

  • User Icon

    enrico

    30/07/2016 17:54:07

    Un capolavoro.

  • User Icon

    angelo

    28/07/2016 15:38:15

    Ingredienti: la deportazione in un campo di concentramento di un 15enne ingenuo e inconsapevole, la lotta quotidiana e disumana contro fame, botte, fatica e selezioni, l'evacuazione inattesa come ultima prova di resistenza, una notte dell'uomo come assenza di solidarietà, dignità, libertà e speranza. Consigliato: a chi ha bruciato la propria fede davanti agli orrori del mondo, a chi ha amato "Se questo è un uomo".

  • User Icon

    Elena

    25/07/2016 21:34:34

    Ho letto molti libri sull'Olocausto, sotto ogni punto di vista, quello delle vittime e quello dei carnefici. Questo libro è finora quello che mi ha convinta di meno. Con il massimo rispetto per il protagonista e la sua vicenda, ho trovato questo un resoconto senza coinvolgimento e non ho condiviso alcune considerazioni presenti nel testo.

  • User Icon

    sergio

    06/07/2016 15:59:05

    Ora che purtroppo non c'è più, ho ripreso in mano questo libro di Wiesel e voglio comunicare a tutti una sensazione: nulla è più come prima dopo un libro come questo. Solo Levi con I sommersi e i salvati e Se questo è un uomo è riuscito a fare altrettanto. Assolutamente da leggere e rileggere.

  • User Icon

    massimo

    24/01/2016 20:45:06

    Capolavoro assoluto.Da leggere

  • User Icon

    franz

    27/01/2015 14:04:50

    Una lettura indispensabile in questo 27 gennaio 2015, 70esimo giorno della memoria, 70esimo anniversario della liberazione del campo di Auschwitz - Birkenau, per ricordare e non dimenticare mai. L'ho finito di rileggere, per la seconda volta, proprio oggi, per l'occasione del ricordo, lasciandomi nuovamente con l'amaro in bocca ed una lacrima sul viso.

Vedi tutte le 37 recensioni cliente
  • Elie Wiesel Cover

    Scrittore e giornalista statunitense di origini ebraico-ungheresi, nato a Sighetu nel 1928 e morto a New York nel 2016. Sopravvissuto ad Auschwitz e Buchenwald, dove perde i genitori e la sorella minore, nell’aprile 1945 viene assegnato a un orfanotrofio francese. Dopo gli studi di filosofia alla Sorbona si dedica al giornalismo. La prima prova letteraria è un lungo racconto della sua esperienza nei lager, scritto in yiddish e pubblicato in Argentina nel 1955; consigliato da Mauriac (con cui instaura una profonda amicizia) ne ha affronterà poi la riscrittura in francese, dando vita a uno dei capisaldi della letteratura dell’Olocausto, La notte (1958): in una prosa scarna e frammentata, il romanzo descrive il sovvertimento di ogni valore umano, fisico e spirituale,... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali