Novecento. Un monologo

Alessandro Baricco

Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 29 ottobre 2014
Pagine: 64 p., Rilegato
  • EAN: 9788807031212
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Il Virginian era un piroscafo. Negli anni tra le due guerre faceva la spola tra Europa e America, con il suo carico di miliardari, di emigranti e di gente qualsiasi. Dicono che sul Virginian si esibisse ogni sera un pianista straordinario, dalla tecnica strabiliante, capace di suonare una musica mai sentita prima, meravigliosa. Dicono che la sua storia fosse pazzesca, che fosse nato su quella nave e che da lì non fosse mai sceso. Dicono che nessuno sapesse il perché. Questo racconto, nato come monologo teatrale, è uscito per la prima volta nel 1994. Nel 1998 Giuseppe Tornatore ne ha tratto il film "La leggenda del pianista sull'oceano".

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 5,40

€ 10,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 10,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Francesca

    10/01/2019 10:14:44

    Un testo fresco che parla di come le decisioni possano dare forma ad una vita e di come scegliere sia la vera priorità per essere felici. Come Novecento che sugli scalini della nave ha imparato che la terra: "E' troppo grande per me. E' un viaggio troppo lungo. E' una donna troppo bella. E' un profumo troppo forte. E' una musica che non so suonare. Perdonatemi. Ma io non scenderò. Lasciatemi tornare indietro". Le scelte sono personali e la libertà è non farsi condizionare mai.

  • User Icon

    Lisa

    26/12/2018 11:46:57

    un monologo bellissimo che racconta la storia di un uomo fuori dalle righe, che conosce il mondo non avendolo mai visto e che suona in un modo tutto suo e bellissimo

  • User Icon

    furetto60

    12/12/2018 12:13:22

    Bello, senza dubbio, però ad alcune parti ispirate mi sembra che l'A. abbia accostato troppo mestiere e una certa dose di auto-compiacenza che ammoscia un pochino il tutto. Non vorrei dire un'eresia, ma alla fine preferisco il film che ne è stato tratto.

  • User Icon

    Consuelo

    08/12/2018 15:22:59

    Novecento l'ho letto d'un fiato e mi ha lasciata senza fiato. Lo consiglio veramente a tutti

  • User Icon

    Martina

    16/11/2018 17:23:35

    Un classico ormai. Libro fantastico nella sua brevità. Una storia commovente, realistica e coinvolgente. Un libro che tutti dovrebbero leggere almeno una volta nella vita.

  • User Icon

    Mariarca

    07/11/2018 16:26:31

    Letto e riletto decine di volte, ogni volta scopro qualcosa di nuovo e m'innamoro un po' di più.

  • User Icon

    Q.

    23/09/2018 13:37:57

    Novecento il pianista, Novecento di Baricco, Novecento Tim Roth, Novecento l'opera che, nella sua essenziale leggibilità, sarà forse il nuovo e mediterraneo Piccolo Principe: onnipresente nelle sue frasi facili, detestato da molti e amato da troppi.

  • User Icon

    Miriana

    23/09/2018 08:47:12

    Un libro che si legge in un fiato e ti lascia senza fiato, l'ho letto molte volte ed ogni volta mi ha sorpreso come se fosse la prima. Adoro Baricco, a molti il suo modo di scrivere potrebbe non piacere, io lo adoro. È particolare.

  • User Icon

    Ale

    22/09/2018 15:00:53

    Di un'intensità unica. Per me è stato il primo libro letto di Baricco e devo dire che mi ha colpito molto! Ho trovato la scrittura molto poetica e delicata e la storia in sè mi è sembrata meravigliosa. È un libro tanto breve quanto significativo, davvero stupendo!

  • User Icon

    Ula

    22/09/2018 10:03:43

    Prima avevo visto il film e poi in poche ore mi sono fatta trasportare dalla magica atmosfera di quest'opera breve, ma altrettanto intensa. Per alcuni versi, Novecento mi ricorda un pò il Suonatore Jones di Fabrizio De André, lui ha trovato la sua libertà in 88 tasti di pianoforte e la sua vita su una nave da cui mai ha voluto scendere perché in fondo in un certo senso ha visto tutto e se n'è andato senza un rimpianto, fedele fino alla fine alla sua casa. Davvero commovente.

  • User Icon

    Carlotta

    22/09/2018 09:48:00

    Libro da leggere tutto d'un fiato. Baricco ha uno stile tutto suo e riesce, in maniera impeccabile, a far immergere il lettore nel mondo di Novecento. Lettura consigliatissima, magari con la colonna sonora del film in sottofondo.

  • User Icon

    francesca

    22/09/2018 09:41:31

    Un capolavoro innegabile di Baricco che ci trascina all'interno di una nave dalla quale non vorremmo mai scendere. Considero 'Novecento' come uno di quei libri che ti cambiano la vita poiché è ricco di immagini e frasi meravigliose tanto che spesso sembra una poesia. Ho deciso di regalare una copia di questo libro a tutte le persone alle quali voglio bene perché ritengo che sia un libro che deve essere letto assolutamente almeno una volta nella vita. Anche per i non amanti della lettura questo testo è un gioiellino perché in poche pagine Baricco crea una storia eccezionale e commuovente. Veramente consigliato a TUTTI!!!

  • User Icon

    Giampiero

    22/09/2018 08:58:43

    Un grande monologo che si legge tutto di un fiato, senza interruzioni, sarete rapiti dalla storia di Danny Boodman T.D. Lemon Novecento il pianista che non scese mai dal Virginiam. Tutto il racconto gira intorno alla domanda finale, perche Novecento non è mai sceso dalla nave? Baricco filosofeggia sul controllo delle passioni, tema caro già ai filosofi greci, e lo fa con la storia di un uomo nato e vissuto sempre su una nave, ammaliando il lettore perchè “Non sei fregato veramente finché hai da parte una buona storia, e qualcuno a cui raccontarla”

  • User Icon

    alpy

    21/09/2018 13:15:03

    La storia di Danny Boodman T.D. Lemon Novecento mi ha affascinata fino all'ultimo: un timido, modesto ma straordinario e bravissimo pianista autodidatta che non abbandona mai la sua nave... Non toccherà mai il suolo terrestre, a costo di morire insieme alla nave che l'ha trasportato per tutta la vita... Mi sono commossa leggendo questo bellissimo racconto... Sentivo nella mia mente e nell'aria la musica suonata da Novecento, vedevo quel magnifico pianista suonare davanti a me... Mi ha veramente coinvolta fino all'ultimo (come pochissimi libri sanno fare). La versione cinematografica, inoltre, è fedelissima al libro (devo ammettere che mi è piaciuta un pochino di più del racconto di Baricco. A mio parere il film è più profondo e toccante e ha completamente indovinato la mia immaginazione, ma, in sostanza, libro e film sono entrambi fantastici!). Assolutamente da leggere e da non perdere.

  • User Icon

    Cristina

    21/09/2018 13:05:11

    Non mi stanco mai di leggerlo. Un monologo che ti cattura dall'inizio e ti trascina fino alla fine. Stile impeccabile.

  • User Icon

    Lara

    21/09/2018 07:11:59

    Libro breve ma intenso, storia di un musicista per passione.

  • User Icon

    maurizio

    20/09/2018 20:48:20

    Ricordo la prima volta che ho letto questo libro. Ero in pausa dal lavoro, volevo solo iniziarlo, ma l'ho terminato in 45 minuti. Si tratta di un piccolo capolavoro che, nel corso degli anni, ho voluto regalare a persone speciali dotate della sensibilità per poterlo apprezzare. Baricco ha senza dubbio scritto cose molto belle ed apprezzabili, ma credo che questa sia la sua opera più bella.

  • User Icon

    Giulia

    20/09/2018 16:45:38

    Letto tutto d'un fiato per la prima volta qualche anno fa, il mio primo in assoluto di Baricco e secondo me il perfetto per iniziare. Ogni tanto ci ritorno, consigliatissimo a chi cerca una lettura che faccia riflettere e lasci qualcosa, molto interessante ma non lunga o impegnativa.

  • User Icon

    Gabry

    19/09/2018 12:08:38

    Il libro è un monologo di un jazzista, ambientato su una nave che trasporta passeggeri da un continente all'altro nel 1900. Il protagonista non è il narratore, bensì un pianista, suo amico, nato e cresciuto proprio sulla nave. Questa condizione di "solitudine" lo porta ad avvicinarsi allo staff della nave, ma in particolare al gruppo musicale che intrattiene i passeggeri, scoprendosi poi un grande musicista. È proprio qui che si instaura il forte legame tra il protagonista è il narratore. Ritengo il libro molto profondo, soprattutto per il modo in cui vengono descritte dettagliatamente le emozioni del pianista e le sue vicende talvolta anche molto simpatiche! Lo consiglio perché è molto coinvolgente.

  • User Icon

    Anastasia

    19/09/2018 10:44:08

    Ho letto questo libro molte volte ed ho assistito a diverse messe in scena teatrali della sceneggiatura. Molto più di una storia, un viaggio all'interno di un mondo, un viaggio all'interno di noi stessi. Un libro che ti fa interrogare sui valori e sull'importanza delle scelte. DI facile e veloce lettura.

Vedi tutte le 44 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione