The Now Now

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Gorillaz
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Plg
  • EAN: 0190295643430
Salvato in 7 liste dei desideri

€ 16,17

Venduto e spedito da SeaTownRecords

+ 4,99 € Spese di spedizione

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 15,75 €)

The Now Now è il titolo del nuovo album della band virtuale di maggiore successo al mondo. Prodotto dagli stessi Gorillaz, con James Ford e Remi Kabaka, è stato registrato interamente allo Studio 13 di Londra a febbraio di quest’anno. Nella registrazione di THE NOW NOW la band ha evitato le collaborazioni con delle guest star, preferendo riportare il tutto al gruppo creativo originale: alla voce il tenero sognatore dai capelli blu, 2D; alla chitarra la sfrontata ed insolente giapponesina, NOODLE; alla batteria il filosofo di Brooklyn e inventore di suoni RUSSEL HOBBS. E con Murdoc Niccals momentaneamente fuori gioco, nel nuovo album il basso è stato affidato al membro della Gangreen Gang ACE (la Gangreen Gang è un gruppo di attacca-briga dalla pelle verde, rivali delle Superchicche).
Disco 1
1
Humility - Feat George Benson
2
Tranz
3
Hollywood - Feat Snoop Dogg + Jamie Principle
4
Kansas
5
Sorcererz
6
Idaho
7
Lake Zurich
8
Magic City
9
Fire Flies
10
One Percent
11
Souk Eye
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giorgia

    20/09/2018 16:59:01

    Ultima fatica della virtual band più famosa del pianeta (dietro cui si nascono Damon Albarn e Jamie Hewlett) uscita a pochi mesi di distanza dal controverso lavoro precedente, Humanz. A differenza del predecessore, criticato fortemente per l'ingente presenza di collaborazioni, è quasi interamente cantato da 2D/Albarn (tranne che in Hollywood dove troviamo anche Jamie Principle e in Lake Zurich che è un instrumental). Nelle prime tracce sembra di tornare alle origini delle sonorità del gruppo, con motivetti elettronici apparentemente di facile digestione sotto i quali si nascondono però tessiture vocal/strumentali molto più complesse di quanto sembri, oltre che testi di denuncia (l'isolamento e alienazione provocata dall'uso massivo di tecnologia, le perverse dinamiche Hollywoodiane...). La seconda parte del disco scivola verso una malinconia che sembra più appartenere ad un Albarn solista che all'uomo dietro la cartoon band, ma che nell'interezza della tracklist non risulta comunque affatto fuori posto. Conclude la bellissima Souk Eye, a cui a mio parere spetta di diritto un posto nella lista dei pezzi memorabili dei Gorillaz. Anche la vicenda della band virtuale evolve con questo disco, con l'ingresso di un nuovo personaggio preso in prestito da niente meno che le Superchicche.

Note legali