Categorie

John D. Barrow

Traduttore: T. Cannillo
Editore: Mondadori
Collana: Oscar saggi
Anno edizione: 2004
Formato: Tascabile
Pagine: 326 p. , ill. , Brossura
  • EAN: 9788804532484

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Francesco

    08/10/2016 13.34.55

    Ammetto di non aver compreso tutto il contenuto di questo pur interessantissimo lavoro. Nelle sue oltre 280 pagine di testo (a parte note e quant'altro) Barrow è stato capace di farmi riflettere su una gran quantità di questioni di ordine fisico, astronomico, persino chimico e biologico, oltre che filosofico. Avrei preferito un'organizzazione più ordinata delle prime informazioni sulle costanti più note (il concetto di costante di struttura fine per esempio ancora non mi è chiarissimo), ma a parte questo in questo testo c'è davvero di tutto: mille spunti su cui soffermarsi, ma anche da approfondire ulteriormente. Sicuramente da leggere e rileggere.

  • User Icon

    Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico)

    27/07/2006 19.04.13

    I più recenti risultati della ricerca scientifica hanno portato all'identificazione di quei numeri misteriosi che stanno alla radice di tutti i fenomeni del mondo e ne determinano il ripetersi sempre uguale. Sono i numeri dell'universo: quei valori che definiscono l'intensità della forza di gravità e del magnetismo, la velocità della luce o la massa delle più piccole particelle di materia. Nel libro John D. Barrow conduce in un'emozionante esplorazione dei loro enigmi: perché hanno certi valori e non altri? Sono davvero "costanti", oppure, come nuove ricerche dimostrerebbero, evolvono nel tempo? Le costanti di natura sono allo stesso tempo l'espressione della nostra più vasta conoscenza e della nostra più profonda ignoranza del cosmo.

  • User Icon

    maurizio codogno

    12/01/2006 12.31.31

    Perché i numeri "naturali" - vale a dire non quelli antropomorfi, ma quelli ricavati dalle costanti di natura - sono così enormi o minuscoli? E queste "costanti", sono davvero costanti? Sono indipendenti tra di loro? E cosa succederebbe all'universo se i loro valori fossero diversi? A tutte queste domande cerca di dare una risposta John Barrow in questo suo saggio dal titolo purtroppo maltradotto che così ripercorre la fisica teorica del ventesimo secolo, fino ad un accento della teoria delle superstringhe, dove veniamo a scoprire che il nostro universo potrebbe avere tutta una serie di dimensioni spaziali "impacchettate". La prosa di Barrow è davvero accattivante e ben tradotta, e permette al lettore di farsi un'idea davvero chiara di quale sia il significato intrinseco delle varie teorie scientifiche, e di perché il principio antropico (il fatto cioè che viviamo in un universo perfettamente adatto alla vita) non sia necessariamente una stranezza. Mi resta però qualche dubbio su tutte le citazioni alle precedenti opere di Barrow, quasi come se volesse dire che non sta bene leggere questo suo libro senza sapere tutto il resto...

  • User Icon

    Silvio

    01/04/2005 23.48.15

    Riesce a spiegare in semplici parole concetti difficili e teorici. Se avete un minimo interesse per i fondamenti della fisica ma anche per le derivazioni filosofiche che essa implica, questo libro è un must. E' scritto così bene sì da coinvolgere anche neofiti e/o distratti.

  • User Icon

    Ennio

    20/12/2004 12.29.53

    Un ottimo libro su questioni centrali della fisica. Barrow ha una scrittura accattivante e grande capacita' divulgativa.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione