Le nuove musiche

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Giulio Caccini
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 18 febbraio 2019
  • EAN: 5028421957944
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 9,50

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Giulio Caccini (1551-1618) è stato un celebre compositore, cantante, strumentista e insegnante italiano. Il duca di Toscana, Giulio Caccini (1551-1618) è stato un celebre compositore, cantante, strumentista e insegnante italiano. Il duca di Toscana, Francesco de’ Medici, fu così colpito dalla voce del giovane che lo portò a corte con sé a Firenze. Il nuovo linguaggio musicale di Caccini cambiò il corso della storia della musica e pose le basi per l'Opera moderna. Nelle “Nuove Musiche" si è sottratto all’elaborazione di contrappunti complessi a favore di una nuova monodia accompagnata, ove il trattamento della voce solista, che porta in primo piano l'espressione della poesia e delle emozioni, è sostenuta da un basso continuo. Il tenore italiano Riccardo Pisani è l'interprete ideale di questa poetica, sostenuto da un continuo di violino, violone, liuto, arpa, tiorba e chitarra.
  • Giulio Caccini Cover

    Compositore e cantante. Visse prevalentemente alla corte medicea di Firenze. Educò alla musica la moglie Margherita e i figli Pompeo, Francesca e Settimia, esibendosi con essi in varie corti, fra cui quella di Parigi, come cantante, arpista e suonatore di viola. Membro della Camerata fiorentina, fu uno dei principali rappresentanti dello stile detto del «recitar cantando». Con J. Peri collaborò nel 1600 alle musiche per l'Euridice su testo di O. Rinuccini, che costituisce uno dei primi modelli di melodramma e che, nel 1602, ciascuno dei due musicisti completò separatamente in due opere distinte. Andarono perdute le musiche da lui composte, ancora nel 1600, per Il rapimento di Cefalo di G. Chiabrera, salvo il coro finale, pubblicato nel 1602 nella raccolta intitolata Nuove musiche. Dopo questa,... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali