Le nuove teologie - Giorgio Straniero - copertina

Le nuove teologie

Giorgio Straniero

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Mondadori Bruno
Anno edizione: 2003
In commercio dal: 1 gennaio 2003
Pagine: 240 p.
  • EAN: 9788842493952
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 7,29

€ 13,50
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

€ 7,29

€ 13,50
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il discorso sulle nuove teologie, in senso specifico sulle teologie cristiane del pluralismo religioso, muove dalla considerazione che l'epoca attuale è caratterizzata sul piano spirituale e teologico da una forte tendenza al sincretismo, alla contaminazione in senso alto tra le diverse tradizioni. Il volume offre una documentazione di questo travaglio della teologia cristiana, sia in primo luogo quella cattolica, sia quella protestante, alla ricerca di equilibrio tra l'esigenza di mantenere la singolarità della Rivelazione cristiana e l'opera redentiva di Cristo, incarnazione del Logos, e il riconoscimento della presenza salvifica del Logos anche nelle religioni non cristiane.

Il discorso sulle nuove teologie, in senso specifico sulle teologie cristiane del pluralismo religioso, muove dalla considerazione di una chiara tendenza al sincretismo spirituale e alla contaminazione in senso alto tra le diverse tradizioni culturali, che caratterizzano l'epoca contemporanea. Intorno alla metà del Novecento, soprattutto l'impatto con l'Oriente ha indotto la teologia cristiana a rinnovarsi radicalmente e ad avviare un dialogo intenso con le realtà culturali originarie dei continenti extra-europei. Ciò ha comportato la messa in discussione di un'identità e di un impianto teorico-interpretativo consolidatosi nella tradizione, fino alla svolta decisiva realizzata dal Concilio ecumenico Vaticano II nella prima metà degli anni sessanta del secolo scorso.
Il volume offre un'ampia documentazione dei lavori preparatori e del grande travaglio della teologia cristiana, sia quella catttolica sia quella protestante, nella ricerca di un equilibrio tra l'esigenza di mantenere la singolarità della Rivelazione cristiana e l'opera redentiva di Cristo incarnazione del Logos da una parte, e il riconoscimento della presenza salvifica del Logos anche nelle religioni non cristiane dall'altra.
Con testi di: De Lubac; Congar; Danielou; Cullmann; Bultmann; Rahner; Merton; Schillebeeck; Teilhard de Chardin; Moltmann; Cox; Altizer; K_ng; Drewermann; Dupuis.

1. La svolta antropologica del Concilio Vaticano II. 2. Ecumenismo e nuova evangelizzazione. 3. La teologia dialettica. 4. La teologia dei generi letterari. 5. La teologia delle realtà terrene. 6. La teologia escatologica. 7. Un nuovo sincretismo.
Note legali