Occhi di serpente

(Snake Eyes. Dangerous Game)

Titolo originale: Snake Eyes. Dangerous Game
Regia: Abel Ferrara
Paese: Stati Uniti; Italia
Anno: 1993
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 18 anni

€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    JD

    29/07/2008 23:47:02

    Tentativo riuscito in parte di teorizzare sul cinema come rischio e improvvisazione(c'è anche un frammento di intervista a Werner Herzog da "Burden of dreams").Coprodotto dalla Pentamerica di Cecchi-Gori,che però sì è trovato un prodotto non facile da smerciare.Di fatti il film è lento,prolisso,noioso e finisce con l'imbottigliarsi nella situazione che descrive.Ma vi si respira anche una furia genuina con qualche frecciata sui massimi sistemi,l'imbranataggine di Madonna è sfruttata con intelligenza,e pure il resto del cast funziona.Comunque,la discesa all'inferno dei protagonisti poteva essere un pò meno edulcorata(dov'è il marciume del "cattivo tenente"Keitel?).Il titolo originale si riferisce al numero due quando si tira a dadi,il punteggio più basso.C'è poi il titolo alternativo"Dangerous game".

  • User Icon

    stefanodisco70

    23/04/2007 18:58:52

    capolavoro da capire, trama disturbante ed onirica, grande come sempre Harvey Keitel, una sorpresa positiva è l'interpretazione di Madonna!

  • User Icon

    Marco

    29/03/2007 22:12:07

    IL FILM E' BUONO. FERRARA SA COSTRUIRE IL FILM NEL FILM, LASCIANDO CHE I LIMITI TRA REALTA' E FINZIONE DIVENTINO SEMPRE PIU' LABILI. CONFERMA DELLA BRAVURA DI KEYTEL, UNA SORPRENDENTE MADONNA.

  • User Icon

    perseo

    07/02/2005 02:02:04

    Madonna non viene considerata una grande attrice ma in questo film riesce a essere credibile e a dimostrare che sa recitare. Magari il merito va ad Abel Ferrara, che ha saputo creare un film molto particolare in cui il tema del cinema nel cinema viene smontato e ricomposto mischiando volutamente i piani della realtà e della finzione. Da vedere

  • User Icon

    Andrea Franceschi

    24/11/2004 21:44:14

    Il film di Ferrara è una cruenta riflessione sul mondo del cinema, un "film nel film" come solo lui poteva dirigere, ed ecco quindi crisi di coppia, droga, domande sul significato di vita e religione, dannazione e redenzione, tutto questo fuso in un montaggio che durante lo svolgersi della trama diventa volutamente confuso mischiando sempre più la finzione con la realtà. Tutto il cast è strepitoso: intenso l'occhio voyeur di Keitel, sorprendente la drammaticità di Madonna. Grande tensione assolutamente da riscoprire.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
  • Produzione: Cecchi Gori Home Video, 2004
  • Distribuzione: CG Entertainment
  • Durata: 114 min
  • Lingua audio: Inglese (Dolby Digital 2.0 - stereo);Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: Full screen
  • Area2