L' occhio cieco del mondo

Evelina Santangelo

Editore: Einaudi
Collana: I coralli
Anno edizione: 2000
In commercio dal: 4 aprile 2000
  • EAN: 9788806154639
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Usato su Libraccio.it - € 5,02
Descrizione

Bambini che costruiscono castelli in terra e in aria, una piccola carriola simile a un'utopia, una donna che ospita piccioni e malattie, due amiche invecchiate insieme ai loro desideri, un vedovo che per cinque anni attende una risposta dal mare, e altri uomini ancora, alle prese con la vita, sullo sfondo di paesaggi che sembrano destini. Undici racconti che danno voce a uno sguardo impossibile, rasente la terra, come quello di un angelo pietoso che ha perso le ali.

€ 5,02

€ 9,30

5 punti Premium

€ 7,90

€ 9,30

Risparmi € 1,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    giuseppe ferrata

    11/02/2001 00:24:43

    tra i libri peggiori del 2000. presuntuoso e noioso.

Scrivi una recensione


scheda di Bajani, A. L'Indice del 2000, n. 07

Lasciano perplessi i racconti di Evelina Santangelo, trentacinquenne scrittrice palermitana. L'occhio cieco del cielo riunisce undici storie brevi dal tono doloroso e velato d'angoscia, dove i personaggi sembrano parti, spurghi di una coscienza destabilizzata e febbrile. Forse Š proprio il timbro surreale quello che convince di pi—, soprattutto quando, come nel primo racconto (La "carriola", come la costru mamma Mattia), Š supportato da un senso di disperazione che bracca i gesti dei personaggi e li rende in qualche modo incomprensibili agli altri. Gli altri racconti sono storie esemplari di perdite e ritrovamenti, di uomini soli che fanno i conti, spesso, con la morte, con la scomparsa di persone o con lo svanire di un "se stesso" passato. L'esordiente Evelina Santangelo gioca carte alte, puntando a esplorare i recessi degli animi dei suoi personaggi, mirando all'Uomo con la U maiuscola, universalizzando il suo discorso. Il che pu• essere un grande pregio. O forse non lo Š se l'impressione che se ne ricava, a fine lettura, Š quella di un libro con poche storie da raccontare. Di una sfida lanciata dalla contemporaneit… e non raccolta dalla scrittura. Schivata. E, fondamentalmente, persa.

Andrea Bajani