L' occhio del diavolo

Jason Goodwin

Traduttore: C. Mennella
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 16 ottobre 2011
Pagine: 408 p., Brossura
  • EAN: 9788806197438
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Istanbul 1839. Dopo aver dato all'impero ottomano selle francesi, una specie di costituzione e i fucili a percussione, dopo aver perso la Grecia, la Crimea, nonché l'Egitto, il sultano Mahmut II è morto. All'indomani della designazione del giovanissimo successore, un delitto raccapricciante scuote la città: nel pozzo di un monastero cristiano è rinvenuto il cadavere di un uomo sul cui braccio campeggia sinistra un'insegna bellica tatuata. Yashim, incaricato di seguire il caso, finirà a indagare all'interno del serraglio. Un mondo dominato dalla paura, l'ambizione e la superstizione, un mondo in cui i segreti sono quanto di più sacro ci possa essere, le leggi sono sospese e le donne possono semplicemente sparire nel nulla...

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giuliano Mandrini

    13/10/2012 13:18:38

    Grande narratore, riesce a farti respirare l'atmosfera di Istambul primi '800 ed anche i piatti cucinati dal protagonista.Purtroppo l'intreccio giallo, di per se stesso abbastanza intrigante e con una buona trama, non riesce assolutamente ad essere condotto e portato a termine con brillantezza.E' l'opera di un grande narratore ma di un pessimo giallista, che sbaglia a cimentarsi in questo settore; è già al quarto tentativo e tutti i suoi romanzi hanno gli stessi pregi e difetti di questo. Rimane nel complesso un libro che si legge abbastanza volentieri e di buona scorrevolezza, pur non apprezzando da parte mia i capitoli brevissimi, quasi minimalisti, troppo spesso presenti nel racconto, un po' alla Andrea Vitali per intenderci. Vi assicuro però che si trova in giro molto di peggio, mi sentirei comunque di consigliarlo.

Scrivi una recensione