L'ITALIA IN MOSTRA

Da Milano a Roma, gli appuntamenti d’arte da non perdere! Salvador Dalì, Raffaello e Frida Kahlo.. scopri tutte le mostre più importanti del momento con cataloghi, biografie e i saggi dedicati agli artisti coinvolti.

Raffaello

Roma, Scuderie del Quirinale
5 marzo – 2 giugno 2020

Le Scuderie del Quirinale, in collaborazione con la Galleria degli Uffizi, organizzano un’esposizione dedicata al periodo romano di Raffaello, che lo consacrò quale artista di grandezza ineguagliabile. La mostra racconta tutto il suo complesso percorso creativo attraverso un vasto corpus di opere, per la prima volta esposte tutte insieme grazie al contributo di musei e gallerie internazionali.
 
Salvador Dalì
Monza, Villa Reale
dal 7 dicembre 2019 al 7 dicembre 2021

Le sale del Belvedere della Villa Reale di Monza ospitano un progetto biennale dedicato al celebre artista catalano. Oltre 270 opere tra volumi, litografie, serigrafie, xilografie, incisioni e pergamene che permettono di immergersi in un percorso dove sogno, simbologia e inconscio prendono vita nelle tematiche più disparate: religione, letteratura italiana e internazionale, poesie, amore e filosofia.
 
Disney
L'arte di raccontare senza tempo
Milano, Mudec
3 settembre 2020 - 14 febbraio 2021

L’esposizione racconta i capolavori di Walt Disney, riconducendo le storie alle antiche matrici di tradizione epica: sono i miti, le leggende medievali e il folklore, le favole e le fiabe che costituiscono da secoli il patrimonio narrativo delle diverse culture del mondo. Da queste tradizioni derivano le storie più famose da cui sono stati tratti i film Disney e vengono presentate in chiave narrativa attraverso l’esposizione dei bozzetti preparatori di ricerca creativa, incentrati sull’esplorazione di personaggi, ambientazioni e trame narrative.
 
Robert Doisneau

Bologna, Palazzo Pallavicini
6 marzo 2020 - 21 giugno 2020

La mostra, curata dall’Atelier Robert Doisneau, in collaborazione con diChroma photography, presenta nelle sale di via San Felice, ben 143 fotografie. L’esposizione è il risultato di un ambizioso progetto del 1986 delle figlie di Robert Doisneau, che hanno selezionato da 450.000 negativi, prodotti in oltre 60 anni di attività dell’artista. Doisneau non cattura la vita così come si presenta, ma come vuole che sia. Di natura ribelle, il suo lavoro è intriso di momenti di disobbedienza e di rifiuto per le regole stabilite.