Oltre Babilonia - Igiaba Scego - copertina

Oltre Babilonia

Igiaba Scego

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Donzelli
Collana: Mele
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 6 agosto 2008
Pagine: 459 p., Brossura
  • EAN: 9788860362629
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 14,88

€ 17,50
(-15%)

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Oltre Babilonia

Igiaba Scego

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Oltre Babilonia

Igiaba Scego

€ 17,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Oltre Babilonia

Igiaba Scego

€ 17,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Zuhra vive a Roma, fa la commessa in una mega libreria e parla romanesco. Ma la lingua a tratti s'inceppa, perché la sua radice è somala e la sua pelle è nera. Anche Mar è romana e nera, di madre argentina e padre somalo. Non si conoscono, ma entrambe partono per Tunisi a imparare l'arabo, lingua delle origini. Si avvia così una storia vorticosa in cui si mescolano linguaggi, epoche, suggestioni di tre paesi, Italia, Somalia e Argentina. Dalla Roma multietnica di oggi alla Buenos Aires anni settanta, dalla Mogadiscio tumultuosa degli ultimi vent'anni a quella dell'epoca coloniale e dell'indipendenza. A dipanarsi in questi luoghi è il filo di un racconto che passa di bocca in bocca: da Zuhra a Mar, da Maryam a Miranda, le loro madri, e a Elias, il padre di cui niente sanno e che le ha rese a loro insaputa sorelle. Un coro di voci che pagina dopo pagina invita a scoprire se Zuhra ritroverà i colori che non vede più da quando era bambina, se Maryam riuscirà a incidere su quel vecchio registratore le gioie e i rimpianti del suo amore perduto, se Elias saprà spiegare la sua smania di infondere l'Africa nelle stoffe e negli abiti che ne fanno uno stilista di grido. E poi Howa, Bushra, Majid, la Flaca e i cento personaggi che popolano questa Babilonia del terzo millennio.
4
di 5
Totale 2
5
1
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Nadia T

    08/09/2018 10:14:55

    Lei scrive molto bene, ma nonostante questo l'ho trovato molto frammentario, forse troppo corale.

  • User Icon

    massimo

    01/04/2010 09:10:51

    spontaneo, emozionante; per temi e linguaggio un testo molto duro, a volte assolutamente insopportabile, come deve essere, viste le storie che descrive. Ma anche un libro con pagine commoventi e di grande poesia. al racconto della tragedia del popolo somalo e di quello argentino si intrecciano storie personali di un mondo che a noi può sembrare molto lontano, quasi di favola, ma dove l'umanità (e disumanità) dei personaggi è tanto vicina a noi. La cosa più bella: scoprire che giovani generazioni di così grande sensibilità e con tante storie da raccontare hanno scelto il nostro paese e usano la nostra lingua, ne fanno tesoro e la sanno arricchire in modo magistrale.

La narrativa italiana di autori/autrici appartenenti alla cosiddetta seconda generazione di migranti, emersa in Italia con ritardo rispetto ad altre nazioni "ex imperiali", sta producendo in questi anni romanzi qualitativamente importanti che si segnalano per la forte aderenza alla realtà attuale e, al tempo stesso, per la conoscenza di un passato storico largamente rimosso o addirittura ignorato dai più giovani. L'esperienza che questi romanzi documentano è soprattutto quella della vita degli immigrati e dei loro background, una realtà che i media spesso presentano in maniera incompleta e imprecisa e che forse solo al cinema sta trovando rappresentazioni autentiche. Penso a film come Terra di mezzo di Matteo Garrone, Cover Boy di Carmine Amoroso, Come l'ombra di Marina Spada, Saimir di Francesco Munzi.
Alla sua seconda prova narrativa, Igiaba Scego, nata a Roma nel 1974 da genitori somali rifugiati in Italia in seguito al colpo di stato di Siad Barre, prolifica autrice di libri per ragazzi, di narrativa breve e collaborazioni per varie testate giornalistiche tra cui "Internazionale" e "l'Unità", ci dà, con Oltre Babilonia, un'opera matura e convincente. Due i punti di forza principali: l'intreccio multiplo e mobile, affollato di storie e personaggi, che collega continenti e scenari diversi, Italia, Somalia, Argentina, Tunisia, e soprattutto il linguaggio, "mescolato" e spumeggiante, ricco di contaminazioni e di invenzioni. Le voci narranti sono quelle dei cinque protagonisti – due giovani donne, le loro madri, un padre – che, nell'impossibilità di farlo a voce, si narrano l'un l'altro storie di perdita e di dolore. Le due ragazze si sono conosciute a Tunisi a un corso di arabo per stranieri, ignorano di essere sorelle, e hanno presto familiarizzato: Zuhra, l'inquieta "negropolitana", è romana, fa la commessa in un megastore di dischi ed è figlia di una somala ex alcolista, Maryam, detta la "Pessottimista"; l'altra è Mar, detta "Nus-nus", in somalo "mezza e mezza", figlia di Miranda, argentina, soprannominata la "Reaparecida", sta scrivendo la tesi di dottorato su Peter Sellers e la sua compagna è morta da poco suicida; l'uomo, Elias, è un somalo, ex sarto fantasioso, costretto all'esilio per motivi politici e "padre mancato" per ambedue le figlie, la prima abbandonata alla nascita, l'altra mai conosciuta.
Nel suo lungo monologo rivolto a Zuhra, Elias cerca di venire a capo della sua vita, ma perde presto il filo e le narra la storia dei suoi genitori, ripercorrendo varie fasi della storia somala. Anche le madri cercano, con difficoltà, di raccontare alle figlie una storia che non è solo la loro, ma faticano a trovare le parole o la voce, e lo fanno una in forma scritta, l'altra attraverso cassette registrate che rievocano il passato doloroso, le fughe, lo spaesamento, i sogni infranti, le umiliazioni, la rabbia. Le voci appaiono ben differenziate (alcune parlano in prima persona, altre attraverso un filtro narrativo), mettendo a nudo fragilità, insicurezze, ricordi traumatici difficili da dimenticare.
L'intreccio vorticoso di Oltre Babilonia cattura il lettore come un romanzo ottocentesco, in cui i legami tra i personaggi si svelano via via attraverso digressioni e dilazioni. Le storie si inseguono, si intersecano, si allontanano nel tempo e nello spazio per comporre alla fine un quadro complesso ed emotivamente forte dell'umanità che abita il mondo di oggi, quello fatto di emigrati, rifugiati, esuli, meticci. Il linguaggio, intensamente femminile, mette al centro l'esperienza del corpo della donna, la sua sessualità, le violenze subite, le sue ferite e i suoi umori, sangue mestruale e lacrime, nascite e morti. Se le madri – sopravvissute a guerre e dittature che dilaniano i paesi di provenienza – fanno fatica a staccarsi dal loro passato e vivono portando in faccia i segni di un dolore che non vuole scomparire, le figlie vivono nel presente pienamente inserite nella realtà urbana. È per questo che madri e figlie hanno difficoltà a trovare un linguaggio comune. Una difficoltà risolta, sul piano narrativo, attraverso i monologhi con cui Igiaba Scego inscena il dialogo tre le generazioni, impossibile nella realtà, consentendo così alle figlie il recupero di un'identità perduta o mai conosciuta.
In un capitolo finale, Zuhra, per molti aspetti alter ego della scrittrice, riflette sulla sua doppia identità linguistica, il somalo, lingua madre "spumosa, scostante, ardita", che conosce solo dalla bocca di sua madre, su cui la sua lingua incespica, e l'italiano, l'altra madre con cui è cresciuta, a scuola e in strada, che la fa a volte sentire straniera, ma è l'unica a permetterle di "tirare fuori l'anima". L'intera storia narra anche le conquiste di questa doppia lingua, il cui punto di arrivo è il parto metaforico del romanzo che leggiamo, una storia di metamorfosi, di nuovi approdi e di nuovi linguaggi. Perché la storia narrata vuole andare oltre il trauma, oltre Babilonia, come indica il titolo che rinvia alla Babele biblica e a Bob Marley, ma soprattutto alla babele indistinta di suoni e codici urbani. Un intenso ritratto di Roma emerge da queste pagine, che ne ridisegnano non solo la mappa odierna e l'intrico di strade e vicoli prossimi alla stazione Termini, ma anche quella degli anni settanta, gli anni di piombo, quando Roma cominciava a riempirsi di esuli argentini e di somali in fuga.
Paola Splendore
| Vedi di più >
Note legali