Categorie

Mauro Corona

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
Pagine: 272 p. , Brossura
  • EAN: 9788804566427

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lorena

    13/04/2015 22.03.59

    Sono una grande lettrice ma di Mauro Corona non avevo ancora letto alcun libro. Ho iniziato con questo e devo dire che fra tutti quelli che ho letto questo merita il primo posto! Meraviglioso!

  • User Icon

    francesco v

    06/10/2014 22.00.15

    Corona ci ha fotografato dentro. E descritto in maniera divina quell'ammasso di viscere che è emerso quando ha sviluppato la foto. Bellissimo e verissimo, nella mia top ten di modesto lettore

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    10/05/2014 19.08.46

    Dico in tutta sincerità che quando ho per le mani un testo di questo autore è come se la quotidianità venisse meno, é come se, all'improvviso, ritornando indietro nel tempo, annullassi la percezione temporale. E così le pagine scorrono come un torrente pacioso nel piano, di certo aiutate da un'invidiabile fluidità della scrittura, da una concatenazione di eventi che non lasciano tempi morti, dallo spettacolo forte, austero di una natura incontaminata che ormai sembra preistoria. In questa natura, aspra, selvaggia, a volte poeticamente fiabesca, si aggirano personaggi oggi introvabili, pure loro selvaggi, ancorati a tradizioni, riti e superstizioni proprie di una civiltà ormai scomparsa. E' un mondo dove tutto appare agli estremi, in cui le passioni, quali l'amore, sono violente, quasi animalesche, dove si nasce in miseria, si vive faticando e anche penando e si muore per disperazione. La storia di Severino Corona, che ha assassinato un uomo, marito della sua amante, un uomo che è sempre stato suo amico e che con il trascorrere del tempo vive nell'angoscia del rimorso è quanto di più realistico, e anche struggente, che mi sia capitato di leggere. E in questa trama si trovano personaggi che saranno i protagonisti degli altri due romanzi della trilogia, figure che accennano una luce al bagliore che invece esploderà quando a loro sarà dedicato un intero libro. Ci si commuove sin d'ora alla vicenda di Neve, di questa bimba unica nata in un inverno di copiose precipitazioni nevose, si resta fra l'incredulo e lo sgomento per la vecchia Melissa, la strega murata nel ghiaccio, si avverte il freddo dei gelidi inverni, si assapora l'aroma degli abeti tagliati, nelle orecchie risuona il fluire del torrente Vajont, si sogna a occhi aperti lasciando scorrere le immagini che le pagine propongono e alla fine, chiuso il libro, si ha una netta sensazione di appagamento, come se quella storia fosse la storia che da tempo si aspettava di leggere.

  • User Icon

    Botteon Graziella

    10/01/2014 18.35.48

    Sono affascinata da tutti i racconti che ho letto di Corona ma questo lo trovo particolarmente coinvolgente. Grazie Mauro Graziella -TV-

  • User Icon

    Fabrizio

    16/12/2013 15.58.39

    Un libro che ti prende e che non ti lascia più, l'ho letto in un solo giorno. Linguaggio crudo e diretto come la storia che racconta. Consiglio la sua lettura.

  • User Icon

    umberto73

    10/12/2011 15.34.42

    Una storia di altri tempi,fa riflettere sulla vita,come era appena 100 anni fa.Eccezionale trasmette emozioni uniche!!

  • User Icon

    Chiara Savorgnan

    30/08/2011 11.05.49

    Un libro che si legge d'un fiato, nonostante la prosa comunque piacevole e sciolta. Un libro denso di emozioni, crudo, ma vero!!! Bellissimo!!!

  • User Icon

    mrk

    08/09/2010 12.39.56

    violento e triste, crudo e appassionato, da leggere senza alcun dubbio.

  • User Icon

    Moreno C.

    01/09/2010 08.45.56

    Onesto romanzo di miserie, di gelosie e di vendette che riesce ad intrattenere e ad appassionare.

  • User Icon

    Michele Pizio

    19/05/2010 01.51.38

    L'inizio è folgorante e incisivo, come uno scalpello nel legno. Poi, rapidamente, diventa compiaciuto, ridondante, gratuitamente impudico, quasi granguignolesco, infine scontato nel continuo tentativo di colpire e stupire. E' il suo primo che leggo. Certo che per essere l'opera di uno che (rifiutando con fastidio l'etichetta di scrittore) teorizza sulla necessità di togliere nell'arte dello scrivere... Efficace la scelta linguistica a cavallo tra dialetto e italiano. Non perdete tempo, leggete Rigoni Stern.

  • User Icon

    Erica

    13/03/2010 23.42.20

    Uno dei più bei libri che abbia letto in questi ultimi anni; reale, diretto, una testimonianza di un uomo che nonostante visse tanti anni fa, non è kosi poi tanto diverso dall'uomo di adesso. Fino a dove una persona puo' spingersi nella vita?? una biografia avvincente, commovente, che ti lascia una marea di pensieri prima di andare a letto..consigliato!

  • User Icon

    r.b.

    28/09/2009 14.49.35

    Storia veramente triste, ma che ho letto in un fiato. È il classico esempio di come la realtà superi di gran lunga la fantasia. Mi ha fatto riflettere molto, sul fatto che spesso si pensa di essere più ‘buoni’ di quello che si è realmente. Mi ha fatto pensare che, a volte, per quanto ci si sforzi di essere onesti, la nostra natura prende il sopravvento e ci fa fare cose che non avremmo mai pensato di essere in grado di fare. E le conseguenze possono essere terribili. È un libro molto bello e toccante, che merita il massimo dei voti.

  • User Icon

    Enki22

    24/06/2009 16.01.26

    Aver incrociato durante l'ultimo salone del libro di Torino Maurizio Corona di fronte ad un bicchiere di vino Umbro, aver scambiato due rapide parole con quest'uomo che immaginavo più alto, ma, come mi ha confidato: "più si è bassi e meno si pesa e più si sale..", essere piombato in questa coincidenza (avevo appena acquistato un suo altro libro che mi ha autografato) ebbene, tutto questo mi ha spronato a scoprire questo "bastone" che avevo da un po' nella mia libreria e che stentavo a leggere. Certo non ho approfondito l'escamotage letterario che da origine alla particolare stesura di questo romanzo, ma l'ho trovato sincero e forte come la stretta di mano del suo autore. Ora, come sempre faccio, leggerò tutto ciò che l'autore ha pubblicato. Forse non è per tutti il libro con cui cominciare a conoscere Erto, comunque........ consiglio a tutti di cominciare da qualche parte!

  • User Icon

    Peter

    27/03/2009 22.48.05

    straordinario.. crudo, commovente, simpatico.. eccezzionale la facoltà di comunicarci i pensieri dei personaggi.. la loro semplicità, sofferenza e pazzia..

  • User Icon

    Max Lalo

    10/02/2009 13.24.17

    Libro molto bello anche se a tratti molto crudo e "colorito". Comunque una lettura scorrevole ed avvincente a metà tra la storia vera e la leggenda. E' il primo libro che leggo di Corona e sono curioso di vedere se gli altri libri da lui scritti sono avvincenti come questo.Vedremo…..

  • User Icon

    bandy

    20/01/2009 13.24.34

    un libro stupendo,una storia drammatica e toccante,non riuscivo a staccarmi dalla lettura per conoscere il finale della storia.Consiglio vivamente di laggere questo libro

  • User Icon

    steve

    07/01/2009 21.43.22

    ...Senza parole !!! Ho letto questo libro tutto d' un fiato con un pò di nodo alla gola !! Crudo ma nello stesso tempo di una tenerezza esagerata!! Penso sia uno dei romanzi letti che più mi ha segnato e credo che la scelta dello scrittore di lasciare la sintassi "quasi" originale sia più che vincente!! Punteggio massimo in assoluto !! ciao

  • User Icon

    ant

    05/11/2008 05.14.06

    Una storia tremenda, infarcita di disgrazie, ma narrata con uno stile così semplice e coinvolgente che merita un plauso. Bellissime anche le digressioni sulla vita dura della gente di montagna, e sulle tecniche di lavorazione del latte per la realizzazione di formaggi

  • User Icon

    marina

    14/11/2007 15.50.34

    Qundo la relata' supera la fantasia.... eccezionale

  • User Icon

    Dario

    29/09/2007 07.55.14

    Semplicemente un capolavoro

Vedi tutte le 25 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione