Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

L' ombra dello scorpione (The stand)

Stephen King

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Bompiani
Formato: Tascabile
In commercio dal: 12 luglio 2017
Pagine: 1376 p., Brossura
  • EAN: 9788845294976

10° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa straniera - Horror e narrativa gotica - Narrativa horror

Salvato in 396 liste dei desideri

€ 14,25

€ 15,00
(-5%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

L' ombra dello scorpione (The stand)

Stephen King

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


L' ombra dello scorpione (The stand)

Stephen King

€ 15,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

L' ombra dello scorpione (The stand)

Stephen King

€ 15,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (10 offerte da 14,25 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Mentre lavoravo a "L'ombra dello scorpione" il sentimento che mi ha guidato di più nella scrittura è stato il brivido di immaginare un intero, radicato ordine sociale distrutto in un solo colpo

L'errore di un computer, l'incoscienza di pochi uomini e si scatena la fine del mondo. Il morbo sfuggito a un segretissimo laboratorio semina morte e terrore. Il novantanove per cento della popolazione della terra non sopravvive all'apocalittica epidemia e per i pochi scampati c'è una guerra ancora tutta da combattere, una lotta eterna e fatale tra chi ha deciso di seguire il Bene e appoggiarsi alle fragili spalle di Mother Abagail, la veggente ultracentenaria, e chi invece ha scelto di calcare le orme di Randall, il Senza Volto, il Male, il Signore delle Tenebre.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,33
di 5
Totale 64
5
37
4
16
3
7
2
3
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Makaio

    04/01/2021 14:08:25

    Prima e terza parte eccellenti mentre la seconda parte nella media! Letta la versione integrale quella ambientata nel 1990, alcune inesattezze temporali nello spostamento della storia. Grande prima parte: "il cerchio si apre" e "Libro I", caratterizzazione dei personaggi accurata, nella seconda parte manca lo sviluppo dei personaggi di Las Vegas, non tutti preferiscono sempre e solo i buoni! Nadine e Harold, fino a quando sono stati a Boulder, erano delle figure centrali, appena fuori dalla città liquidate in tutta fretta! Frannie Goldsmith, quasi peggio di Skyler la moglie Walter "Heisenberg" White in Breaking Bad! Stu Redman il cavaliere senza macchia...viva Larry Underwood!!!

  • User Icon

    Bookworm

    15/11/2020 22:15:59

    Devo dire che se non fosse per il fatto che odio lasciare un libro a metà e per il fatto che chiunque io conosca mi abbia consigliato questo libro, probabilmente mi sarei fermata a metà della seconda parte. La parte che ho trovato più che degna delle 3 stelle che ho assegnato è stata la prima, dove le descrizioni sono terribilmente agghiaccianti e c'è un senso di ineluttabilità squisitamente reso. Poi però King si sofferma sempre di più sulla leggendaria lotta tra Bene e Male, di impronta categoricamente cristiana. Mi aspettavo divergenze tra i sopravvissuti, ma così... Ma' Abagail e Nadine detestabili e incomprensibili, mentre gli altri personaggi sono perfetti e a tutto tondo, specialmente Harold. Finale che, come in altri romanzi di King sul soprannaturale (vedi IT, La metà oscura e Cose preziose), lascia molto a desiderare. Come il Re dei Ghiaccioli ne Il trono di spade, tanto rumore per nulla...

  • User Icon

    Generoso

    04/10/2020 13:18:00

    Dire che questo libro è un capolavoro, non rende giustizia a quanto realmente sia più di un capolavoro. Un paio di cose da sapere: ci sono capitoli interi (e un capitolo può essere di una pagina come può esserne di 60) che parlano, o meglio raccontano solamente un personaggio. Questo libro, infatti, si basa sopratutto sui personaggi, che sono molti e sopratutto sono caratterizzati da Dio! Alcuni di questi hanno delle "evoluzioni" nel tempo che vi lasceranno a bocca aperta. Ed è proprio su questo che va forte il libro. Mi viene facile pensare che magari per la mole e per le tante descrizioni, una persona non si sente spinta a comprare questo romanzo. Io non la penso così, personalmente non mi ha mai annoiato e ad una certa si arriva a conoscere talmente bene i personaggi che pensare che possa accadere qualcosa di brutto fa venire davvero i brividi sulla pelle. Finale anch'esso molto bello. Questo è uno di quei libri da leggere almeno una volta nella vita! Inoltre il 17 Dicembre 2020 esce anche la serie però Shh...

  • User Icon

    Antonio Poso Zurlo

    01/06/2020 13:39:35

    Altro grandioso romanzo di formazione del Re dell'horror, travestito da storia noir. La sua più bella e intensa opera, dopo It. Lo scoppio di una pandemia, che decima la popolazione mondiale e annichilisce progressivamente i superstiti. L'eterna lotta tra il bene e il male. La rifondazione di una società (e tutti i correlati problemi deontologici) dalle ceneri, ancora calde, di quella precedente. Una narrazione intensa, anche nella minuteria di ogni singolo dettaglio. Da leggere assolutamente. E, ahinoi, di stringente attualità.

  • User Icon

    Francesco

    17/05/2020 08:37:45

    Uno dei capolavori del Re dell’horror, nonché il miglior romanzo da leggere in questo periodo di distanziamento sociale ed emergenza sanitaria (leggerlo per credere). Un intreccio di personaggi, dalle caratterizzazioni intense e particolareggiate; una narrazione appassionante, finanche nei passaggi più statici e descrittivi. Specialmente nella versione integrale, un racconto dettagliato e unico dell’eterna lotta tra il bene e il male, con gli umani sopravvissuti schierati come pedine dei due schieramenti, sul campo di battaglia, rappresentato da un pianeta fiaccato e desolato. Una sorta di epopea distopica, scritta ormai più di quarant’anni addietro, ma di un’attualità disarmante.

  • User Icon

    giulia

    16/05/2020 17:33:26

    Testo complesso e ricco di personaggi indimenticabili. Uno dei migliori del Re

  • User Icon

    gregory

    16/05/2020 15:28:26

    Opera d'arte. Splendido.

  • User Icon

    leobbry

    16/05/2020 14:13:58

    Letto tutto d'un fiato. Spettacolare è dir poco! Lo Zio Stephe qui si è superato. Questo non è un romanzo, né una banale storia, ma una vera e propria EPOPEA!!! 1376 pagine che non spaventano affatto...filano via lisce che non ti accorgi neanche. Lo rileggerei ancora...e ancora!!! Da avere...senza alcun dubbio!!!

  • User Icon

    Lorenzo

    16/05/2020 11:56:23

    Un romanzo sicuramente in tema con l'attuale pandemia. Rimane molto legato al periodo in cui è stato scritto, dato che King è solito fare molti riferimenti all'attualità, ormai un po' sorpassata. Punti forti sono sicuramente i personaggi, di cui qualcuno davvero indimenticabile. Può invece non piacere l'aspetto epico, ma anche un po' magico, della lotta tra Bene e Male. Di sicuro occorre prepararsi mentalmente all'estrema lunghezza del romanzo, anche se non è particolarmente prolisso. Il Passaggio di Justin Cronin deve a questo libro tutte le sue migliori idee.

  • User Icon

    Clarissa

    16/05/2020 10:26:57

    Questo libro è veramente enorme ma non mi sono spaventata e l'ho letto! E' veramente interessante, ricco di suspense e scene stupende. La scrittura è impeccabile.

  • User Icon

    danny

    14/05/2020 18:49:31

    Un vero capolavoro. Ineguagliabile.

  • User Icon

    andrea

    14/05/2020 10:54:08

    romanzo eccezionale,non perde mai il mordente

  • User Icon

    gionni

    14/05/2020 10:12:25

    Adatto ai tempi in cui viviamo. Oserei dire quasi profetico.

  • User Icon

    daniele

    14/05/2020 09:00:48

    A King non è mancata la sua proverbiale capacità di scandagliare la mente e l'animo umani, il libro, benchè molto lungo, si legge scorrevolmente senza pesantezza. Considerando il momento storico in cui King ha scritto questo libro, trovo che fosse straordinariamente avanti. D'altro canto, penso che certe tematiche siano assolutamente ricorrenti nella storia della letteratura e questo volume non fa testo: alla base di tutto, vi è lo scontro tra "bene" e "male", tra fede e scetticismo, tra protagonista buono e la sua nemesi; altro tema che forse ripesca da fonti antiche e a cui si ispira (mi viene in mente la celeberrima peste di Atene ma non vorrei esagerare in questa personalissima considerazione), è quello della "disgrazia" della pandemia quale perdita di qualsivoglia civiltà e convenzione sociale. Insieme a IT, secondo me il miglior romanzo di King.

  • User Icon

    filippo

    14/05/2020 08:17:40

    Un bel mattone da godersi pagina dopo pagina.

  • User Icon

    lucy

    13/05/2020 11:07:57

    Il mio primo King: grandiosa la complessità dell'opera, incredibilmente umani tutti gli abitanti. Una lettura quasi preoccupante durante la pandemia attuale..

  • User Icon

    maria

    13/05/2020 08:02:50

    forse il più grande capolavoro di King, o comunque alla pari di It, incredibilmente realistico visto anche il periodo che stiamo vivendo. Lo consiglio a tutti gli estimatori del Maestro del brivido e agli amanti del genere apocalittico

  • User Icon

    katy72

    12/05/2020 19:51:06

    Rimani con il fiato sospeso dall'inizio fino alla fine con sorprese e suspense senza fien

  • User Icon

    Francesco

    12/05/2020 18:12:53

    Lungi da me discutere i meriti e la bravura del maestro ma, anche e soprattutto a detta sua, non il suo romanzo più riuscito. Diciamo che personalmente non è riuscito a coinvolgermi come gli altri. Sarà anche per i bombardanti scenari post apocalittici a cui siamo stati oggetto nei 30 e passa anni da quando il libro è uscito (uno su tutti "the walking dead"). Ne consegue che il romanzo non riesce davvero a convincere come, immagino, abbia fatto quando è uscito negli anni '80. Per il resto l'ho trovato francamente davvero troppo lungo.

  • User Icon

    A proposito di pandemie

    12/05/2020 14:51:21

    In questa fase grigia e preoccupante segnata dall’epidemia del nuovo coronavirus merita forse rispolverare la lettura di un romanzo del 1975 un classico del Re dell’Horror Stephen King: “L’Ombra dello Scorpione”. Il romanzo che nella versione rivista ed integrale degli anni Novanta misura ben 1376 pagine è l’opera di più lunga gestazione di King, scrittore altrimenti prolifico quanto veloce, ben 16 mesi. L’Ombra dello Scorpione prende spunto da una spaventosa epidemia di un’arma batteriologica sfuggita al controllo dell’esercito, una mutazione letale della comune influenza che stermina oltre il 90% di tutta la popolazione mondiale. Il romanzo nella seconda parte intreccia le vicende drammatiche di alcuni sopravvissuti. Le loro vicissitudini però non finiscono con lo sconvolgimento delle loro vite e di tutto l’ordine sociale degli Stati Uniti dove è ambientata la vicenda. Essi dovranno scegliere se seguire il Bene e appoggiarsi alle fragili spalle di Mother Abagail, la veggente ultracentenaria, e chi invece ha scelto di calcare le orme di Randall, il Senza Volto, il Male, il Signore delle Tenebre. L’ombra dello scorpione è una delle poche opere di King a non aver avuto una trasposizione cinematografica ma ne è stata annunciata una a cui dovrebbe parteciperà Stephen King stesso. Ne è stata tuttavia tratta una miniserie televisiva con l’omonimo titolo, trasmessa nel 1994 e divisa in quattro puntate: scritta dallo stesso King che vi appare anche in un cameo con guest star del calibro di Ed Harris, Kathy Bates e l’ex stella NBA Kareem Abdul-Jabbar. Una lettura che ha tutte le caratteristiche avvincenti, ansiogene e sorprendenti del primo King, quello dove la sua creatività visionaria ha dato il meglio di se.

Vedi tutte le 64 recensioni cliente

Stephen King recupera il tema della fine del mondo per interrogarsi sui dubbi più profondi che si celano nell’uomo: Gli uomini sono per natura buoni o malvagi, e cosa sono disposti a fare per sopravvivere? La lotta fra il bene e il male passa necessariamente dal conflitto fra un Dio della luce e il suo antagonista? Ma soprattutto: quali regole governano una società, e cosa succede quando non si è più tenuti a rispettarle?

Un virus letale, sfuggito al controllo di un laboratorio, infetta la popolazione mondiale con una forma d’influenza che si rivela ben presto essere qualcosa d’infinitamente più micidiale. Solo l’un per cento della popolazione rimane in vita e decide di ricostruire una comunità pacifica intorno alla figura messianica di Abigail Freeman, veggente ultracentenaria.

Ma non tutti sono d’accordo: i reietti della società, gli esclusi, i ribelli preferiscono porsi sotto la protezione di Randall Flagg, l’Uomo Nero, che promette un destino di supremazia e dominio. L’ultima battaglia sta per iniziare, ma ogni combattente dovrà prima confrontarsi con se stesso.

L’ombra dello Scorpione è un libro epico, che tiene il lettore avvinto dalla prima all’ultima pagina, e lo costringe a guardare dentro di sé (come ogni buon romanzo dovrebbe fare) grazie ai personaggi perfettamente costruiti, altrettanti specchi in cui è impossibile non scorgere la propria immagine riflessa.
King torna ai livelli di profondità di cui si era già dimostrato capace in It e, ancora una volta, ci mostra quanto sia riduttivo definirlo semplicemente uno scrittore horror.
“Dammi cinque uomini, e uno lo metteranno fuori legge. Dammene sei e reinventeranno il pregiudizio. Dammene sette e in sette anni reinventeranno la guerra”.

Recensione di Alessandra Casati

A cura del Master in Editoria dell’Università degli Studi di Milano in collaborazione con la Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori

Il libro è diviso in tre parti.

Per chi come me ha letto o leggerà l’edizione integrale, il libro inizia con un prologo intitolato Il cerchio si apre che spiega, in 4 pagine, come la super influenza sia sfuggita dal laboratorio in cui era stata creata. E’ forse la più importante dell’intero romanzo perchè è qui che vengono descritti tutti o quasi i personaggi principali della storia e il loro modo di vivere dopo la catastrofe. Si fa la conoscenza di Frances Goldsmith, una studentessa universitaria incinta; Harold Lauder, uno studente insicuro, rancoroso e innamorato di Frances; Stuart Redman, un tecnico che lavora in un’azienda che produce calcolatrici del Texas; Larry Underwood, un musicista pop che subito prima dell’arrivo del virus era diventato improvvisamente famoso; Nick Andros, un sordomuto; Joe/Leo Rockway, un ragazzo selvaggio, smemorato e telepatico; Glen Bateman, un anziano professore di sociologia; Nadine Cross, un’insegnante vergine con un oscuro segreto; Ralph Brentner, un panciuto e gioviale agricoltore e Tom Cullen un uomo ritardato ma di buon cuore. Quasi dimenticavo, farete soprattutto la conoscenza dell’Uomo Nero, Randall Flagg. Le sue leggi sono tiranniche, punisce coloro che non le seguono con crocifissione ed altri tormenti. Mi sono innamorato delle loro storie e dei loro volti, astratti ma così reali nella mia mente da poterli immaginare come vicini di casa, colleghi di lavoro o amici. La maestria dell’autore nel renderli così vivi è fenomenale, a volte ti chiedi se per qualche strano motivo non siano realmente esistiti.

Il romanzo continua nella seconda parte con l’intrecciarsi delle odissee dei pochi sopravvissuti, tenuti insieme da un sogno condiviso in cui una centottenne di colore, Abagail Freemantle (nota anche come ‘Mother Abagail’), di Hemingford Home (Nebraska) si propone come rifugio per l’umanità sopravvissuta. Il nocciolo della storia è tutto qui, ogni collegamento, interazione e/o legame per il quale vi siete domandati un perché avrà una risposta, con non poche sorprese. Sì d’accordo, qualcuno può dire che la prima parte risulta noiosa con molte pagine superflue ma vi assicuro che, se arrivate qui (siamo intorno a pagina 550), vi ricrederete e non riuscirete a smettere di leggere. Nel frattempo un secondo gruppo di sopravvissuti viene guidato a Las Vegas da Randall Flagg.

Ci si avvia alla conclusione con il confronto finale, quando i due campi profughi vengono a conoscenza l’uno dell’altro, e ognuno vede nel suo avversario un pericolo per la propria sopravvivenza. Nell’edizione integrale è presente anche un breve epilogo intitolato “Il cerchio si chiude” dove si rivela quello che è successo a Randall Flagg dopo la battaglia finale di Las Vegas e Stephen King fa riferimento al Ka, argomento ampiamente trattato nella saga della Torre Nera.

Secondo me il RE è uno psicologo mancato, da questa opera affiora in modo prepotente la sua affinità con la materia. Mi ha colpito la sua profonda conoscenza della psiche umana, è in grado di trasmetterla al lettore in maniera fantastica, pulita e limpida con un linguaggio semplice benché l’argomento sia l’esatto opposto. Con questa storia, Stephen King, mi ha stregato, non è la classica narrazione di una serie di eventi con incroci di vite e personalità. Insomma, se non lo avete ancora fatto, procuratevene subito una copia e iniziate il viaggio, lo ‘scoglio’ delle oltre 900 pagine può spaventare ma non preoccupatevi, quel masso che vi blocca vi sembrerà sempre più piccolo man mano che vi immergerete nelle pagine.

  • Stephen King Cover

    Stephen King è autore di romanzi e racconti best seller che attingono ai filoni dell’orrore, del fantastico e della fantascienza, ed è considerato un maestro nel trasformare le normali situazioni conflittuali della vita – rivalità fra coetanei, tensioni e infedeltà coniugali – in momenti di terrore. Quando è ancora piccolo, sua madre deve far fronte a grandi difficoltà, perché il padre uscito di casa per fare una passeggiata non fa più ritorno. Nel 1962 inizia a frequentare la Lisbon High School e comincia a spedire i suoi racconti a vari editori di riviste, senza però alcun successo concreto. Conclusi gli studi superiori entra all'Università del Maine ad Orono, dove gestisce per un paio d'anni una rubrica... Approfondisci
Note legali