On An Island

Artisti: David Gilmour
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Plg Uk
Data di pubblicazione: 6 marzo 2006
  • EAN: 0094635569520
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 20,90

Venduto e spedito da IBS

21 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello
Disco 1
  • 1 Castellorization
  • 2 On An Island
  • 3 The Blue
  • 4 Take a Breath
  • 5 Red Sky at Night
  • 6 This Heaven
  • 7 Then I Close my Eyes
  • 8 Smile
  • 9 A Pocketful of Stones
  • 10 Where We Start

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    carlo

    08/01/2008 10:35:15

    Ascoltando questo cd,viene in mente il vero artista,che può suonare con chiunque,DAVID GILMOUR è maestro in questo.quando sfodera i suoi lunghi assoli capisci che ogni singola nota è melodia..E' semplicemente unico e inarrivabile.Nessuno come lui.DAVID GILMOUR è musica e al contempo stesso è storia.ogni suo cd è spettacolare.VAI DAVID CONTINUA A STUPIRE!!!.

  • User Icon

    giovanni

    11/11/2007 13:26:56

    nella canzone "on a island" la chitarra urlaaaaaaaaaaa!!!!!ma anche nelle altre non scherza..splendido.un pò lento, ma quando deve far gridare la sua chitarra...eheh..c'è!!!!

  • User Icon

    christian

    15/10/2007 13:11:46

    vorrei fare una distinzione di giudizio:da amante dei pink floyd, ed in genere da ascoltatore( buono) di musica. nel primo caso il giudizio mi pare logico: un album pessimo. cosa ha voluto trasmetterci david? che ora è un sereno 60enne?volente o nolente si porta dietro un fardello pesante.un passato ingombrante. i due album solisti superano quest ultimo per qualita e creatività di un abisso. non capisco l entusiasmo dei piu...l unica motivazione è secondo me la lunga attesa, si aspettava tutti un qualcosa a nome pink floyd che non è mai uscita e mai uscirà(oramai è palese). allora ci siamo buttati su questa uscita come fosse il gran ritorno del mitico gruppo. non diciamo sciocchezze. l album , anche riascoltandolo più volte, non da un minimo di emozione. non capisco sinceramente chi grida al capolavoro! evidentemente di musica buone non ne conoscono. i capolavori sono datati dal 1970al 1977. cercate e godete dei veri capolavori. secondo caso: da buon ascoltatore di musica potrei dire semplicemente che il brano trainante del disco, omonimo del titolo, è passato in radio qualche settimana. un po poco direi se cantanti( anche italiani) che non sto qui a nominare, ci tormentano per mesi con il loro trash. in sintesi: david, hai prodotto un album più per te stesso che per chi ti ama o ti conosce, e che spera in una reunion con gli altri 3. sii più morbido con roger. i fans vi aspettano. e voi lo dovete ai milioni di fans

  • User Icon

    EDO

    08/02/2007 06:33:07

    Ci risiamo le atmosfere sono Floydiane certo ma in fondo perchè no?! Gran Classe ma merita un ascolto approfondito un paio di pezzi sono veri capolavori... alcuni un po' troppo floydiani un consiglio Compratelo!!! non vorrete mica accendere MTV???

  • User Icon

    max

    04/12/2006 11:10:57

    Più di 60 recensioni?Per essere anziano David attira ancora l'attenzione del pubblico! Giù il cappello.Siamo al cospetto di un disco memorabile,epocale,colonna sonora ubiqua:in qualsiasi posto tu ti trovi la musica di Gilmour è il fruscio delicato che dolcemente ascolti,tra i granelli di sabbia,tra le lande desolate,tra le cime innevate che ti sovrastano. Perfetto e potenzialmente ripetibile se solo al grande chitarrista si associassero Wright,Mason,Waters. L'ho ascoltato sotto un salice piangente.Sono ancora lì disteso...

  • User Icon

    peppe

    29/11/2006 20:07:37

    Quest'album è stupendo!!! Si sente che c'è ancora qualcosa dei favolosi Pink Floyd!!! Sei sempre il migliore con la chitarra!!! Non sai che darei per vederti suonare dal vivo, oppure vedere in un concerto l'intero gruppo dei Pink Floyd! Venite a Marsala, vi prego!?!?!? Questa città deve svegliarsi, è fuori dal mondo!! Continua così David. Saluti da Marsala, Peppe...

  • User Icon

    michele 71

    20/11/2006 00:05:20

    La mia è una vera e propria "dipendenza". Nonostante, come tutti, abbia a disposizione un discreto numero di cd, non posso piu' fare a meno di ascoltare, possibilmente a volume alto, buona parte di "On an island" tutti i giorni. Questo sfruttando momenti di tempo libero e trasferimenti in auto per recarmi al lavoro. Le emozioni e le immagini che evoca sono una vera linfa che ti scorre nelle vene...incredibile.

  • User Icon

    claudio

    24/10/2006 09:40:02

    l'ho ascoltato diverse volte appena acquistato e non riuscivo a digerirlo, si...qualche sonorità ed assolo mi piacevano però lo trovavo noioso. L'ho lasciato li sulla scrivania per un paio di mesi dopo di chè l'ho riascoltato...magia, non so cosa sia successo ad un tratto è diventato l'album che ascolto piu frequentemente; ipnotico, poetico, malinconico, trasportatore, e chi ne ha piu nemetta. Album fantastico. A chi non piace consiglio di metterlo da parte per un po e poi ascoltarlo lasciandosi travolgere e sognando.

  • User Icon

    LeoStorm85

    20/10/2006 22:08:28

    Un disco intimo da sentire da soli e nn certamente nelle cuffie di un'i-pod...assoli da far venire la pelle d'oca, la Strato di Gilmour scintilla ancora come negli anni 70 e la luce nn è invecchiata. Sn necessario almeno 5 ascolti per fare entrare il disco in vena...cmq eccezionale

  • User Icon

    pinker14

    08/10/2006 14:32:35

    Se Gesu, ne fa' 500 miracoli al posto di 600, che vuol dire? que non è bravo? Gilmour lo odio, perche' riesce a colpirti li, li nel cuore, con 5 note........e 10 secondi tra una e l'altra........Island non rimarra' nella storia, ma quando canta WHERE WE START......sembra che capisca che ti colpisce............GILMOUR FOREVER

  • User Icon

    Elia

    06/09/2006 18:19:20

    Seguo i Pink Floyd da quando avevo 14 anni, adesso ne ho 33 e continuo ad ascoltare la loro favolosa musica fatta, sono un fedelissimo di David, la VERA ANIMA MUSICALE DEI PINK FLOYD ( nulla togliento a Nick, Rick e Roger) Trovo questo album favoloso, come trovo favoloso il modo di suonare la chitarra di un uomo di 60 anni! Favolosi i concerti! Continua a farci sognare David!

  • User Icon

    Giuliano

    29/08/2006 09:48:39

    E' un disco da intenditori, che per essere apprezzato in pieno va ascoltato almeno 4-5 volte, ma sa regalare emozioni uniche... Non possiamo fermarci agli anni '70: David Gilmour non lo ha fatto!

  • User Icon

    syd

    11/07/2006 22:28:14

    Sono affascinato dalla musica dei Pink dal 79 e sinceramente mi aspettavo qualcosa in piu' dal Nostro David ..pero' e' sempre un grande !! ..In questi giorni ci ha lasciato un'altro grande! Goodbye Crazy Diamond ..rimarrai nei nastri cuori !!

  • User Icon

    bellazio

    30/05/2006 18:01:18

    Questo album è l'essenza della musica. Ascoltatelo non come un semplice disco ma come una poesia. Grandissimo David, grandissimi PINK FLOYD

  • User Icon

    pino

    27/05/2006 19:29:31

    Dopo anni distratti in cui altro sembrava occupare il mio tempo, d'un tratto riscopro l'importanza della musica nella vita delle persone. E come per un sottile caso del destino, il grande David mi regala questo assoluto capolavoro. Le emozioni non si misurano con questo o quel parametro oggettivo. Le emozioni si sentono nella pelle. Anche se non avessi saputo che questo era il David della mia adolescenza, la pelle d'oca che m'è venuta già dal primo brano sarebbe bastata a dirmi tutto quello che questo disco contiene: la vita.

  • User Icon

    Chiara

    24/05/2006 13:07:11

    Si tratta di un album-capolavoro, realizzato con estrema maestria dal geniale Gilmour,ben congegnato in tutte le sue parti. I brani sono totalmente "immersi" nella solita atmosfera "onirica", ma questa volta, in maniera più intimistica e meno pinkfloydiana... ...non per questo l'album va penalizzato: è un "best", a prescindere da tutto... ..va ascoltato con estrema attenzione: nulla è lasciato al caso; ed è interamente rifinito dal lavoro di "cesello" della chitarra "parlante" di questo straordinario interprete e musicista... Album ELEGANTE, RAFFINATISSIMO ...da intenditori...e non da amanti-fanatici dei "vecchi" Floyd...

  • User Icon

    manlioporcelli

    09/05/2006 17:09:07

    trentacinque anni fa scoprii i pink floyd, avevo tredici anni, penso di poter dire che i pink e la loro psichedelia si è spenta con the dark side of the moon, quello antecedente al 1972 è stato un periodo bellissimo, ormai il gong percosso da roger waters nel settembre del '72 a pompei è tramontato per sempre.....

  • User Icon

    claudio

    05/05/2006 13:26:10

    Si tratta a mio avviso di un cd unico che regala emozioni non immediate, francamente ad un primo ascolto può sembrare noioso, anzi molto noioso, in realtà te ne innamori dopo averlo ascoltato 4 o 5 volte. E' l'unico cd che mi ha fatto questo effetto, sembra ipnotizzarti lentamente fino al punto di considerarlo uno dei più affascinanti che io abbia mai ascoltato. Molto bello ed emozionante, da intenditori.

  • User Icon

    angelo

    05/05/2006 12:41:31

    ...era meglio morire da piccoli. Questo disco di D.G. è molto peggio di quanto mi aspettassi. Sarebbe meglio evitare di pubblicare certi album se non si è certi di aver prodotto qualcosa di decente. I commenti giungono da una persona che ama e ascolta i P.F. dal 1978 e che ha tutti i loro dischi. Meglio quindi pensare a loro nel decennio mitico, quando sotto il sole di Pompei i quattro, ripresi dalle cineprese, sfornavano melodie, ritmi e atmosfere ormai passate alla storia......

  • User Icon

    Luca

    20/04/2006 01:10:04

    Seguo Dave ed i Floyd da 20 anni, suono la chitarra e quindi lo valuto anche dal punto di vista strumentale, qui siamo di fronte ad un album gioiello, ho avuto anche l'immenso piacere di vederlo dal vivo sia con i Pink che qualche settimana fa a Milano...magia pura, una sintesi di talento, esperienza e vena artistica inesauribile.Chi valuta negativamente questo album secondo me lo fa solo per vantarsi in giro trovando qualcosa da ridire anche su opere di palese maestosità e facendosi fighi nel criticare l'incriticabile.ALBUM ASSOLUTAMENTE DA AVERE NEL PROPRIO ARSENALE MUSICALE!!!

Vedi tutte le 67 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione