Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Salvato in 4 liste dei desideri
non disponibile non disponibile, ma lo cercheremo per Te!
Info
Onore e mestiere. Le riforme militari nel Piemonte del Settecento
21,25 € 25,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+210 punti Effe
-15% 25,00 € 21,25 €
non disponibile non disponibile
ma lo cercheremo per Te!
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
21,25 € Spedizione gratuita
Difficile reperibilità Difficile reperibilità
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
21,25 € Spedizione gratuita
Difficile reperibilità Difficile reperibilità
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Onore e mestiere. Le riforme militari nel Piemonte del Settecento - Paola Bianchi - copertina

Dettagli

2002
1 gennaio 2002
340 p.
9788871581033

Voce della critica

La ricerca di Bianchi appartiene a quel recente filone di storia militare che in Italia fa capo alle iniziative di Piero Del Negro e di Claudio Donati e che mira a utilizzare gli eserciti come chiavi di accesso alla conoscenza degli apparati statali e del sistema sociale degli onori. Alcuni imprescindibili modelli francesi e anglosassoni e in ambito piemontese diversi studi hanno di recente affrancato la storia militare dall'idea che dovesse venire trattata come tecnica e pratica della guerra. Si è invece messo l'accento su quegli elementi che collocandosi prima e fuori dalla guerra guerreggiata pongono l'organizzazione militare tra i pilastri dello stato moderno sia per la dimensione umana e finanziaria che assunse sia per i tanti legami che intrecciò con la politica e con la cultura. Da questo punto di vista il libro valuta analiticamente le trasformazione settecentesche indotte dalle riforme ideate da uno stato che nel mestiere delle armi vedeva realizzata una sua profonda e peculiare vocazione indipendentemente dai risultati concreti che seppe conseguire a lungo deformati dalla retorica militarista che accompagnò il Regno di Sardegna fino all'Unità. Trattare di esercito ha significato addentrarsi nei meccanismi sociali con cui interagiva l'apparato militare messo sotto osservazione nelle sue diverse articolazioni che si rifanno a un ampio ventaglio di temi quali la riorganizzazione amministrativa il diritto della guerra il reclutamento le scuole le carriere e le gerarchie. Particolarmente innovative le pagine sulle Reali scuole d'artiglieria costituite nel 1739 con notevole anticipo rispetto ad analoghe istituzioni europee e sulla prestigiosa Accademia reale fondata nel 1678 che richiamava rampolli di tutta l'aristocrazia europea i quali vi si recavano per apprendere il mestiere delle armi e i codici sociali del loro ceto.
Dino Carpanetto

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Paola Bianchi

Professoressa di Storia moderna nell’Università della Valle d’Aosta. Tra i suoi libri: Sotto diverse bandiere. L’internazionale militare nello Stato sabaudo d’antico regime (Angeli, 2012), Storia degli Stati sabaudi (con A. Merlotti, Morcelliana, 2017); per il Mulino ha curato Guerra ed eserciti nell’età moderna (con P. Del Negro, 2018).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore