Categorie

David L. Robbins

Traduttore: S. Altieri
Editore: Longanesi
Anno edizione: 2005
Pagine: 520 p. , Rilegato
  • EAN: 9788830422407

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Jean

    03/10/2015 17.42.35

    Devo dire che buona parte del libro mi è piaciuta particolarmente, visto che sono storico e appassionato della Seconda Guerra Mondiale. Verso la fine però questo romanzo mi ha profondamente deluso. In particolare, trovo che la narrazione dell'ultimo combattimento tra carri armati risulti molto "americanizzato"(o meglio "pro-alleati") e non super partes. D'accordo che è un romanzo, ma secondo me l'autore poteva trovare diverse soluzioni per rendere un pò più realistica la sua narrazione degli ultimi eventi. Ho comunque dato una valutazione discreta solo per la prima parte del libro. In definitiva lo consiglio con riserva.

  • User Icon

    Giancarlo

    10/01/2006 18.42.24

    Scritto bene avvincente, qualche sbavatura sui personaggi di contorno, ma che emozione la rievocazione dello scontro tra carri! (anche se ad essere pignoli vi sono delle veniali inesattezze tecniche)

  • User Icon

    Guido

    12/10/2005 11.09.54

    Bello e ben scritto come al solito, l'ennesima dimostrazione di come possa prenderti la storia...e coinvolgerti

  • User Icon

    max

    02/09/2005 23.23.55

    Come molte opere di Robbins si perde nella costruzione del quadro generale, con un filo conduttore spesso spezzettato. Ma gli scontri tra i carri e l'epica battaglia finale sono eccellenti.

  • User Icon

    maurizio

    07/07/2005 19.16.22

    Robbins fa delle ottime operazioni: ricostruisce in dettaglio un momento della seconda guerra mondiale, descrivendolo attraverso gli occhi di protagonisti fittizi . In pratica romanza (con maggiore libertà d'azione) ciò che faceva Cornelius Ryan da giornalista, che scriveva i suoi libri, sulla guerra vista dal basso, sulla base di centinaia di interviste di protagonisti. Il precedente volume era un po' stucchevole: la fine di Berlino è stata resa in maniera un po' confusa e asettica. Quest'ultimo lavoro è nettamente migliore. La descrizione dall'interno del più grande scontro tra mezzi corazzati della storia è molto ben fatta e realistica. Particolarmente sentito è il punto di vista russo, vissuto con gli occhi di una famiglia cosacca, con padre e figlio equipaggio di un T34 e la figlia pilota di bombardieri.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione