Opere per pianoforte

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Giacinto Scelsi
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Tactus
Data di pubblicazione: 28 luglio 2017
  • EAN: 8007194106527
La sensibile e raffinata pianista Rossella Spinosa affronta l’arduo compito dell’esecuzione delle musiche di Giacinto Scelsi, particolarissimo musicista, cresciuto frequentando l’ambiente parigino reduce dall’impronta di Debussy, la generazione dell’Ottanta, la dodecafonia della scuola tedesca, e l’esoterismo di Skriabin, per poi approdare ad una personalissima idea di una globalità sferica del suono, dopo aver viaggiato in oriente, India e Tibet. Scelsi diviene dunque interprete di una nuova concezione di suono, che trascende il costrutto architettonico e formale rinunciando quasi a farsi musica, per divenire invece un puro collegamento tra il mondo terrestre e le forze cosmiche ultraterrene. Ne scaturisce una musica che richiede una grande sensibilità e uno stato d’animo particolare sia da parte dell’esecutore che da quella dell’ascoltatore, al quale è richiesta un’immersione totale, sonora, filosofica, e quasi religiosa, nelle vibrazioni del mondo Scelsiano.
Contiene:
Quattro Illustrazioni / Four Illustrations (1953)
per piano solo / for solo piano
Suite N. 9 “Ttai” pour piano / for solo piano
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Giacinto Scelsi Cover

    Compositore. Studiò prevalentemente a Ginevra con E. Koelher, che gli rivelò il sistema musicale di Skrjabin, e a Vienna con W. Klein (1935-36), che lo avvicinò alla tecnica dodecafonica. Dagli anni '50 si stabilì a Roma, dove aderì all'associazione Nuova Consonanza, ma si attenne perlopiù a un volontario isolamento, godendo soprattutto di notorietà all'estero (specie in Francia). Personaggio schivo, nutrito di cultura orientale, maturò presto un rifiuto del concetto tradizionale di «composizione», sostituendolo con l'idea di un'intuizione musicale che prescinde dallo sforzo tecnico per realizzarla. Il suo lavoro divenne allora una forma di «scomposizione» dei suoni, non già affidata al caso, ma sorretta da scelte architettoniche in continuo divenire che governano i vari parametri sonori (in... Approfondisci
Note legali