Opere per pianoforte (Integrale)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Erik Satie
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 9
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 30 marzo 2016
  • EAN: 5028421953502

€ 33,90

Punti Premium: 34

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Satie divenne popolare negli anni '70 dello scorso secolo, soprattutto grazie ai pianisti Reinbert de Leeuw e Aldo Ciccolini. In particolare le Gymnopedies e le Gnossiennes vennero posate sui leggii di numerosi pianisti dilettanti. Questo cofanetto dimostra, tuttavia, che c’è molto oltre le due serie di brani citati entrando nel mondo creato da Satie, un’estetica rivoluzionaria, che mette a contatto il grave con l'assurdo, il senso e il nonsense, il surreale e il banale, esercitando anche una forte influenza su compositori successivi quali Cage, Glass e Nyman. Il pianista Jeroen van Veen, il “campione del minimalismo”, è l’interprete ideale di Satie nel proporre atmosfere naïve, ipnotiche ed entrando in altre dimensioni temporali e sonore.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Erik Satie Cover

    Pseud. di Alfred Eric Leslie Satie. Compositore francese.La formazione, tra medievalismo e cabaret. Iniziò bambino gli studi con un organista di provincia e li proseguì dodicenne a Parigi, prima con Guilmant, poi al conservatorio con Lavignac e altri, mostrandosi ribelle alle regole tradizionali. «Sono venuto al mondo molto giovane in un tempo molto vecchio», confesserà più tardi. Sin dal 1887 si interessò al movimento della Rose-Croix (Rosacroce) e al suo capo e «sacerdote», il Sar Péladan, che propugnava un misto di medievalismo, di teosofia e di misticismo; ma si trattava di un'adesione piuttosto enigmatica. Scriveva intanto pezzi per pianoforte con strani titoli: Ogives (1886), 3 Gymnopédies (1888), 3 Gnossiennes (1890); ai Trois Préludes du «Fils des étoiles» (1891), un lavoro teatrale... Approfondisci
Note legali