Opere per pianoforte solo e a due

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Francis Poulenc
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Signum Records
Data di pubblicazione: 1 giugno 2016
  • EAN: 0635212045527

€ 21,90

Punti Premium: 22

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Francis Poulenc (1899-1963): Quinze Improvisations; Novelletta n. 1 in do maggiore; Novelletta n. 2 in si bemolle minore; Novelette sur un thème de Manuel de Falla; Sonata per pianoforte a quattro mani à Mademoiselle Simone Tilliard; L’embarquement pour Cithère per due pianoforti; Concerto in re minore per due pianoforti e orchestra

Francis Poulenc era un pianista di grande talento, che elaborò per tutta la sua carriera uno stile esecutivo caratterizzato allo stesso tempo da una ricchissima tavolozza di colori e da una meravigliosa trasparenza e possedeva una spiccata propensione per la melodia che lo rese uno dei più raffinati autori francesi di mélodies per voce e pianoforte dai tempi di Gabriel Fauré. Esaltata da Gramophone per «l’eleganza e la sublime raffinatezza delle sue interpretazioni, nelle quali il vigore e l’istintività coesistono in maniera molto armoniosa con uno stile e un’eloquenza molto naturali», la pianista canadese Lucille Chang esegue in questo disco della Signum le Improvisations e le Novelettes di Poulenc, per essere poi affiancata dal suo partner abituale – nonché marito – Alessio Bax nell’Embarquement pour Cithère, nella Sonata per pianoforte a quattro mani e nel Concerto per due pianoforti.
  • Francis Poulenc Cover

    Compositore francese. Studiò con il pianista R. Viñes e più tardi con C. Koechlin. Fece parte del gruppo dei Sei, portando un contributo originale a quella poetica neoclassica che si veniva formulando a Parigi negli anni del dopoguerra. Le sue composizioni, pervase da uno spirito e da una leggerezza squisitamente francesi, appaiono estranee alle contemporanee ricerche linguistiche delle avanguardie, mirando invece a tradurre in stagliata, ironica chiarezza le sfumate e indefinite atmosfere dell'impressionismo. Accanto al gusto dello scherzo e dello svagato umorismo è spesso presente una vena di meditativa malinconia, che si esprime tra l'altro nelle pagine più raccolte delle opere teatrali Les dialogues des carmélites (I dialoghi delle carmelitane, 1957, da Bernanos) e La voix humaine (La... Approfondisci
Note legali