Opere per Violino e Piano vol.3

Compositore: Bela Bartok
Interpreti: James Ehnes
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Chandos
Data di pubblicazione: 20 giugno 2014
  • EAN: 0095115182024
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

€ 21,90

Venduto e spedito da IBS

22 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione
Questo disco costituisce il terzo volume della splendida integrale delle opere da camera di Béla Bartók affidata dalla Chandos al grande violinista James Ehnes. I primi due volumi e il disco dedicato ai concerti per violino e orchestra hanno dato un contribuito determinante a rendere Ehnes uno dei più formidabili interpreti delle opere del compositore ungherese oggi in circolazione. In questo disco il grande violinista inglese è affiancato dal pianista Andrew Armstrong, dalla violinista Amy Schwartz Moretti e da Michael Collins, unanimemente considerato tra i clarinettisti più brillanti e carismatici del panorama concertistico internazionale. Composta in origine nel 1915 per pianoforte, la Sonatina è basata su una serie di melodie popolari che Bartók aveva raccolto nel corso dei suoi viaggi di studio in Transilvania. La bella trascrizione presentata in questo disco fu realizzata dieci anni più tardi dal suo giovane studente Endre Gertler. Bartók scrisse i Contrasti nel 1938 per il clarinettista jazz Benny Goodman e il violinista Joseph Szigeti, che gli avevano commissionato un’opera in due movimenti con una cadenza per ognuno dei loro strumenti. Dopo aver soddisfatto le loro richieste, il compositore ungherese aggiunse un movimento centrale lento intitolato Piheno (riposo). Il movimento iniziale Verbunkos allude invece a una danza dal tempo di marcia militare che veniva eseguita in Ungheria in occasione della coscrizione dei soldati. Il movimento conclusivo – intitolato Sebes (Veloce) – è un vivace divertimento al centro del quale si manifesta però una sezione pervasa da una meravigliosa serenità. Oltre a scrivere opere su commissione per artisti di altissimo livello come Szigeti e Goodman, Bartók compose anche moltissimi brani per gli studenti, tra i quali spiccano i quarantaquattro Duetti per due violini. Queste brevissime pagine traggono ispirazione da numerose tradizioni popolari, andando a costituire un ponte di contatto tra gli stili e le culture di popoli diversi.