Topone PDP Libri
Salvato in 5 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Orfana di mia figlia
15,20 € 16,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+150 punti Effe
-5% 16,00 € 15,20 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,20 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
15,20 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
16,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
16,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
16,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
16,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,20 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
15,20 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
16,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
16,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
16,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
16,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Orfana di mia figlia - Morena Fanti - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Orfana di mia figlia Morena Fanti
€ 16,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Dettagli

2007
1 gennaio 2007
200 p., Brossura
9788861240353

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(5)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(1)
Maria Di Lorenzo
Recensioni: 5/5

Quando muore un figlio la vita si ferma. E tutto si frantuma in quell'attimo che sembra moltiplicare all'infinito il dolore, senza vie di uscita. Federica, la figlia di Morena Fanti, viene falciata via a 24 anni, il 2 ottobre 2001, a un mese soltanto dalla laurea. È l'unica figlia di Morena e per quest'ultima, da quel giorno, non ci sarà più la vita che conduceva "prima", ma un "dopo" fatto di lacerazione e di dolore che frantuma tutta la sua esistenza, irrimediabilmente. Così nasce questo diario, questo singolare "compagno di viaggio" per un anno intero, il primo anno senza Federica, e con esso nasce anche la scrittura di Morena Fanti, che non scivola mai nel lamento, ma con tocco potente e al tempo stesso lieve, come il respiro di un vetro soffiato, sa scavare nel cuore e nella mente di un io che, da personale, si fa dolorosamente collettivo. "Orfana di mia figlia", il diario-testimonianza di Morena Fanti, non è un monologo, non uno sterile autoarrovellarsi sulle proprie disgrazie, ma al contrario assume fin dalle prime battute la dimensione del dialogo, franco e coinvolgente, con il lettore, anche lui partecipe, "abitante" di questa storia da lei raccontata, che forse ha già dovuto vivere sulla propria pelle, o che sente potrebbe vivere un giorno, giacché a nessuno è permesso in anticipo di sottoscrivere un patto di favore col fato. Una vicenda, la sua, che purtroppo è comune oggidì a tante persone, ma la sua esperienza di dolore, il suo lutto elaborato in strategie di sopravvivenza, si trasforma in letteratura nell'istante in cui assurge a valore universale, uscendo dagli angusti confini dell'autobiografismo. È un libro da leggere, da meditare, per imparare la difficile arte di sopravvivere. Si badi bene, non per vivacchiare stancamente, in balia della propria sofferenza o della rabbia sterile, ma per vivere, nonostante tutto vivere, al di sopra dei drammi e delle sofferenze della vita, con leggerezza profonda e con pensosa speranza.

Leggi di più Leggi di meno
Paolo
Recensioni: 4/5

Un libro doloroso ma capace di trasmettere un profondo senso di speranza: piano piano emerge la consapevolezza che tutto quello che poteva e doveva essere fatto, è stato fatto. Il passato trova il modo di chiudersi, di risolversi, di completarsi, senza lasciare nodi insoluti, domande irrisolte, richieste inattese. Così questo romanzo, che parte dall'evento più terribile che si possa immaginare - la morte di un figlio - diventa un profondo, accorato, sincero, potente, inno alla vita.

Leggi di più Leggi di meno
Roberto
Recensioni: 1/5

Solitamente quando si legge qualcosa di sentito ci se ne rende subito conto e credo che questo sia insieme il valore e il disvalore di questo libro. Il libro infatti, costruito come un diario, narra in modo disperato e straziante una discesa nel cuore di chi ha perso qualcuno. Nella presentazione del libro è scritto che "molti lettori si identificheranno in questa storia". Quindi, incuriosito, l'ho letto. A mio parere questo libro si riduce ad un lungo sfogo, ad un flusso di coscienza, ad un insieme di parole - troppe, forse - che stancano e annoiano. La storia è troppo fine a se stessa, la disperazione diventa rabbia verso tutto e tutti, e alla fine si perde il vero obiettivo: cosa si vuole raccontare? Il pericolo è quello di aver raccontato la propria storia solo per stare meglio ma senza farla diventare la storia di tutti. La storia, certo, ci ispira tanta pietà, ma un libro non va giudicato per la storia che ha dietro, ma per quel che comunica e questo libro resta spiacevole e alla fine non riesce nemmeno a creare empatia appiattendo ogni sentimento. Si perde il senso del tutto perché resta il racconto senza freni di qualcuno che ha affrontato una perdita. Sfortunatamente in tanti abbiamo affrontato delle perdite e perdere un figlio è quella peggiore; ma non tutti per questo motivo pubblichiamo un libro. Ciò che è pubblico dovrebbe essere di più larga veduta. Peccato quindi che tanto dolore e tanta rabbia non abbiano creato una grande opera; i presupposti c'erano, il risultato è assente.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(1)
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore