L' orgoglio degli Amberson

The Magnificent Ambersons

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Magnificent Ambersons
Regia: Orson Welles
Paese: Stati Uniti
Anno: 1942
Supporto: DVD
Salvato in 25 liste dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 7,05 €)

La storia degli Amberson, una ricca famiglia degli Stati Uniti, che negli anni della nascente industrializzazione non riesce ad adattarsi al cambiamento.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    azzurro

    13/05/2020 13:39:59

    Grandissimo capolavoro di Orson Welles, anche se martoriato dal montaggio effettuato senza il consenso e la partecipazione di Wlles.

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Dynit RKO, 2014
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 88 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Italiano (Dolby Digital 2.0 - mono);Inglese (Dolby Digital 2.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Area2
  • Orson Welles Cover

    Regista statunitense. Seguendo i frequenti trasferimenti del padre, ingegnere e inventore, studia alla Washington School, e poi alla Todd School di Woodstock. Frequenta quindi i corsi di disegno e pittura al Chicago Art Institute e scrive un piccolo saggio su Nietzsche (come riporta lo studioso J. Naremore), rivelando, a soli sedici anni, altissime doti intellettuali. Poco dopo parte per l'Europa, deciso a trovare uno sbocco professionale alla sua passione per il teatro, già coltivata durante gli studi con la messa in scena del Giulio Cesare di Shakespeare, che gli era valsa un premio universitario a Chicago. Esordisce al Gate Theatre di Dublino, recitando Shakespeare e Goldoni, proponendosi anche come regista in una nuova versione del Giulio Cesare, e persino come disegnatore di scene e di... Approfondisci
  • Tim Holt Cover

    "Attore statunitense. Dopo l'esordio in Amore sublime (1937) di K. Vidor, costruisce la sua carriera sul western, con ruoli secondari in Ombre rosse (1939) e Sfida infernale (1945) di J. Ford, ma anche da protagonista in alcuni film minori. Fuori dal western, recita in L'orgoglio degli Amberson (1942) di O. Welles e in Il tesoro della Sierra Madre (1948) di J. Huston a fianco di H. Bogart. Dall'inizio degli anni '50 le sue apparizioni si fanno sporadiche; il suo ultimo film è This Stuff'll Kill Ya! (Questa cosa ti ucciderà!, 1971) di H.G. Lewis." Approfondisci
  • Joseph Cotten Cover

    Attore statunitense. Dopo esperienze minori alla radio, passa alle scene shakespeariane grazie a O. Welles, che lo fa recitare nel Giulio Cesare. Esordisce sullo schermo in Quarto potere (1941) sempre grazie a Welles, che lo dirige successivamente in L'orgoglio degli Amberson (1942) e Terrore sul Mar Nero (1943). Faccia pulita e aspetto quasi anonimo, conferisce una carica sotterranea e decisa ai suoi personaggi. In coppia con J. Jones ottiene un notevole successo in Da quando te ne andasti (1944) di J. Cromwell, riconfermato da Duello al sole (1946) di K. Vidor e più avanti da Il ritratto di Jenny (1949) di W. Dieterle, che gli vale il premio come miglior attore a Venezia. Si rivela capace di assumere tonalità caratteriali in L'ombra del dubbio (1943) di A. Hitchcock e in Il terzo uomo (1949)... Approfondisci
  • Dolores Costello Cover

    "Attrice statunitense. Lavora fin dalla tenera età alla Vitagraph, dove il padre Maurice è uno degli attori più prestigiosi, e insieme alla sorella Helene gira film brevi. Nel 1924 G. White scrittura entrambe per i suoi Scandals (Scandali) dove vengono scoperte e notate da un talent scout della Warner che le porta a Hollywood. La carriera di Helene si arresta poco dopo, mentre quella di Dolores decolla con l'interpretazione di donne tradite dalla vita, come Orchidea in Mannequin (Modella, 1926) di J. Cruze o Annie in Diritto d'amare (1926) di M. Curtiz. Sul set di Il mostro del mare (1926) di M. Webb lavora con J. Barrymore; i due si innamorano e si sposano poco dopo. Bella ed elegante, regala ai suoi personaggi una femminilità snob che ben si addice alla commedia sofisticata. La sua più memorabile... Approfondisci
Note legali