Categorie

Georges Simenon

Traduttore: L. Frausin Guarino
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
Pagine: 166 p. , Brossura
  • EAN: 9788845924941

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    02/10/2015 16.34.05

    Questo romanzo fu scritto da Simenon nel periodo in cui visse negli Stati Uniti e infatti nel libro Everton è una cittadina Dell'Arkansas, una delle tante che si trovano in quel grande paese e che finiscono con l'assomigliarsi tutte, con case non ricche, ma dignitose, il cinema in centro, l'immancabile campo da baseball in periferia. Sono realtà urbane così diverse da quelle rurali della Francia di cui l'autore ci ha fornito tanti ritratti talmente veritieri da essere palpabili, ma non c'è invece grande differenza per gli abitanti, magari più ristretti nelle loro case degli europei, con una mentalità meno radicata, trattandosi di una nazione ancora giovane, ma con lo stesso grigiore quotidiano. In questo tempo ripetitivo vive il protagonista, rimasto solo con il figlio figlio da quando questi aveva sei mesi a seguito dell'abbandono della moglie. Casa e lavoro, lavoro e casa tutti i giorni e ogni tanto una capatina per una partita da un amico, che vive solo e di cui sa ben poco. È l'unica fuga da una realtà in fondo monotona, a parte l'amore quasi ossessivo per quell'unico figlio che ogni tanto esce la sera, ma poi ritorna da quel genitore che l'attende in ansia. Un giorno però, anzi una sera, non fa ritorno e non intendo aggiungere altro della vicenda per non togliere il piacere a chi lo leggerà. Galloway, così si chiama il protagonista, vivrà un'ossessiva stagione nel tentativo di tenere unito ciò che si è spezzato e di capire il perché di un gesto. Il solito capolavoro di Simenon? Certamente, anche quando gioca fuori casa.

  • User Icon

    dublino80

    26/07/2015 00.04.50

    Bello davvero. Costruito benissimo, la storia di un mite orologiaio nella provincia usa, la vita che scorre tranquilla nonostante le delusioni. e poi il dramma il figlio introverso ma buono che si scopre uno spietato serial killer, il suo tentativo di comunicare con lui. I media che lucrano sulla sua tragedia, gli abitanti che lo guardano con sospetto, l'avvocato e la sua profonda solitudine e infine un tentativo per razionalizzare il tutto, per trovare una continuità nella propria famiglia. davvero ottimo libro. sembra una storia di oggi. da leggere.

  • User Icon

    Leonardo Banfi

    01/06/2014 10.17.36

    Un noir classico alla Simenon, impeccabile nel linguaggio e nella costruzione. I personaggi sono veri, carico di emozioni, ribellione, da leggere anche se non il migliore dell'Autore del Noir.

Scrivi una recensione