Categorie

Kathy Reichs

Traduttore: I. Annoni
Collana: Best BUR
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: 382 p. , Brossura
  • EAN: 9788817088367
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    zombie49

    07/12/2016 07.23.52

    Tra il 2007 e il 2014 i cadaveri di alcune adolescenti sono trovati in zone boscose, in Vermont e in North Carolina. I corpi giacciono supini, le braccia composte lungo i fianchi, completamente vestiti, senza traccia apparente di violenza o atti sessuali. Sono accomunati da un terribile particolare: su di essi si trovano tracce del DNA di Anique Pomerleau, la serial killer canadese che anni prima, a Montreal, aveva sequestrato, torturato e ucciso alcune ragazzine. La dottoressa Brennan e il detective Ryan avevano trovato il complice, ma la donna era riuscita a fuggire facendo perdere le sue tracce. Ora Anique è tornata, e sfida Tempe seminando la morte a Charlotte. Altri nomi si aggiungono, ragazze scomparse e potenziali vittime. La storia è intrigante e ricca di colpi di scena, alcuni imprevedibili, altri meno. L’argomento in sottofondo è la violenza sulle giovani donne, che, specie se socialmente emarginate, possono scomparire nella generale indifferenza. E’ un tema particolarmente caro a Kathy Reichs, che esamina gli aspetti degli abusi non solo fisici, ma anche psicologici, fino a creare un legame perverso fra vittima e carnefice. E’ un racconto ad alta tensione semplice e lineare, in cui l’aspetto medico e l’introspezione prevalgono sulla vicenda poliziesca e d’azione, e sono queste le mie storie preferite. E’ forse il miglior libro di Kathy Reichs. Ci sono anche alcuni elementi innovativi, come il rapporto di Tempe con la madre e il dolore di Ryan x la morte della figlia tossicodipendente, anche se un po’ incongruenti: improbabile che si scoprano legami affettivi dopo anni d’indifferenza. L’unico neo sono le sgradevoli e acide osservazioni della dottoressa sulle più prosaiche abitudini igieniche e alimentari altrui, in particolare del suo collaboratore a Charlotte, il detective Slidell. La tolleranza non è una virtù di Tempe.

Scrivi una recensione