Ovosodo. Grandi Film

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Paolo Virzì
Paese: Italia
Anno: 1997
Supporto: DVD
Salvato in 47 liste dei desideri

€ 6,39

€ 7,99
(-20%)

Punti Premium: 6

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 7,99 €)

Un giovane livornese, nato a metà degli anni Settanta nel quartiere Ovosodo, orfano di madre e con un padre che entra ed esce di prigione, viene aiutato da una professoressa delle scuole medie ad accedere al liceo classico. "Che cosa dolce, crudele, ridicola... la vita".
4,5
di 5
Totale 4
5
2
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    giacomo

    07/04/2020 14:32:33

    Un classico per noi toscani. Da vedere!!

  • User Icon

    Ciro Andreotti

    03/10/2019 16:42:58

    La voce fuori campo con inflessione Toscana dell’allora esordiente Edoardo Gabriellini, che come parte dei protagonisti fece il suo debutto nell’opera terza di Virzì, ci descrive passo passo cosa significasse crescere in un rione proletario di Livorno, il medesimo dal quale era nato e scappato lo stesso regista, ma anche un quartiere descritto attraverso i suoi stereotipi, le sue manie, le sue consuetudini fatte di amicizie d’infanzia all’ombra dei cortili e di panni stesi alle finestre di condomini dall’aspetto macilento. La vita dell’adolescente Piero si snoda inizialmente fra il porto di Livorno, le letture suggerite dalla professoressa Giovanna, Nicoletta Braschi allontanata per l’occasione dall’inseparabile marito, i guai famigliari con una matrigna che lo sopporta a stento e le difficoltà per arrivare a fine mese, l’amicizia con Tommaso, alias Marco Cocci, all’epoca ancora in bilico fra la carriera d’attore e quella di cantante e leader dei Malfunk, un amico molto lontano dalla sua zona anche antropologica, e che alla fine per quanto controtendenza si scoprirà essere ricco e possidente, e i primi amori consumati con la classica insicurezza dei diciassette anni, fino a un epilogo che chiuderà il cerchio dell’adolescenza per gettare nolente o volente Piero Mansani nell’età adulta. Virzì mette molto della sua Livorno in questa pellicola agrodolce che è un atto d’amore per chi con dedizione e seppur controvoglia arriva a fine giornata, mese e vita senza piegare mai la testa, ma adattandosi a quello che la vita è pronta a offrirgli. Proprio in questo risiede quella che lo stesso Piero definisce malinconia, ovvero il senso d’impotenza e di determinismo nel quale si muove il suo personaggio pur sempre con un perenne sorriso sulle labbra.

  • User Icon

    Gostvraiter

    23/03/2019 15:29:59

    «Ovosodo» di Paolo Virzì è un valido esempio di cinema “regionale” capace di parlare a tutti, superando le barriere degli usi e costumi locali e del dialetto. Racconta la fine dell’adolescenza di un giovane livornese nato e cresciuto in un quartiere popolare (l’Ovosodo del titolo, soprannome di un rione della città toscana): le piccole trasgressioni a fianco di un compagno di scuola facoltoso, l’iniziazione amorosa e la realtà della vita in fabbrica, destino ineludibile per chi è privo di mezzi economici. Virzì è bravo a trasformare una storia tutto sommato ordinaria in qualcosa di fresco e originale, e a conferire alla commedia un’adeguata amarezza di fondo; la sua regia ha brillantezza e gli attori – all’epoca quasi tutti sconosciuti, a partire dal protagonista, il ventiduenne livornese Edoardo Gabbriellini – se la cavano proprio bene.

  • User Icon

    luans

    15/05/2014 19:21:55

    film veramente spettacolare ,dolce che ti lascia con l'amaro in bocca. storia di molti adolescenti che vivono dei problemi in famiglia che si fida troppo di un amico,molto diverso da lui ma grande trascinatore, di buona famiglia, quindi con piu' possibilita'.quando lui parte sulla nave dei potenti, l' amico rimane da solo a organizzare la sua vita da adulto con la giventu alle spallee poche scelte..

Vedi tutte le 4 recensioni cliente

1998 - David di Donatello - Miglior attrice non protagonista - Braschi Nicoletta

  • Produzione: Cecchi Gori Home Video, 2008
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 99 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area0
  • Edoardo Gabbriellini Cover

    Attore, regista e sceneggiatore italiano. Esordisce nel cinema nel 1997 con Ovosodo di P. Virzì, protagonista perfetto nell’incarnare una gioventù insoddisfatta eppure generosa nell’amara realtà quotidiana. In seguito, è nel cast di altre opere dello stesso Virzì, Baci e abbracci (1999) e Tutta la vita davanti (2008), il primo incentrato sulla volontà di migliorare la realtà provinciale in cui si vive, il secondo sulla precarietà del lavoro e della relativa condizione esistenziale. Nonostante le scarse risorse, nel 2003 debutta come regista e sceneggiatore, realizzando con B.B. e il cormorano uno spaccato malinconico che descrive il desiderio di combattere un disagio e un malessere attraverso la fuga dalla routine. Nello stesso anno è Luca in Ora o mai più di L. Pellegrini, mentre nel 2008... Approfondisci
Note legali