La pallida ipocondria della Luna

Stefano Falotico

Editore: Youcanprint
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 1 settembre 2014
Pagine: 80 p.
  • EAN: 9788891157348
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Questo è un libro maledetto di onirismo, immerso nella notte ove le tetre cupidigie delle streghe cattive mordono l'innocenza nel bramoso, puro, straziante, peccaminoso tentarle. Notti fosche in cui il plenilunio, torbido e minaccioso, solfeggia melanconico in aride stagioni lunari dall'abbagliante (im)mortalità. Notti selvagge e creaturali, nelle quali un bambino, rinato miracolosamente, gelidamente gracchierà il mormorio del suo dolore da non morto. Come un esangue vampiro a cibarsi della vita rubatagli, dello scellerato, brutale sortilegio che, infettandolo nell'animo avvelenato da un mostruoso, indefinito altrove, scheggiato dall'abissale, inquietante, spettrale spazio-tempo ininterrotto e urlante, proprio dall'"incubatrice" di quel che parve un imbattibile, nerissimo incubo senza mai fine, s'allev(i)erà in una purificatrice vendetta mistica, leggiadramente strofinato in vertiginose, liriche strofe oltre i confini dell'immaginazione più rifulgente, vellutata e limpidamente libera da ogni graffiante cupezza mortifera, tagliente e attanagliante. Una travolgente, poderosa, salvifica catarsi, un'immensa rinascita, nata proprio dal dolore del non esser mai davvero nati. Abrasivamente sospesi in una dimensione profondissimamente ammantata di luccicante evanescenza, avvolta d'estatica morbidezza languida e ipnotica, sofferta di labbra sue incorniciate, per l'eternità, nei sogni infranti d'un infante al di là della vita stessa sua e nostra gridante...

€ 6,80

€ 8,00

Risparmi € 1,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Manuel

    20/01/2017 20:28:41

    Trasportante e magnifica opera trascendentale che come neve al sole si scioglie mentre lo si legge lasciandoti incantato senza possibilità di pensare ad altro che non sia finirlo lasciando un'emozione ripagabile solo da un altro libro di questo straordinario autore.

  • User Icon

    67shanti

    04/02/2015 00:38:19

    La storia, apparentemente, è semplice: c'è un detective assoldato per la ricerca di un ragazzo scomparso, la mandante è sua madre. Niente però è come appare e tutto si svolge in una visione onirica, in un percorso dove vengono sondati i moti dell'animo dei personaggi, è lo scontro e la catarsi di un'anima pura violata per sempre nella sua illibatezza da un'anima crudele, alla bramosa ricerca solo di soddisfare il proprio appagamento personale. Il piacere di leggere questo libro, però, non è solo nello sciogliersi della trama, perché la lingua usata per narrare è pura poesia, il gusto è saper assaporare le liriche di Stefano Falotico, mente creativa e fervida, che ha saputo creare un modo di comporre assolutamente unico dove ci si può perdere affascinati in luoghi inviolati di noi stessi e dell'immaginazione, "poeta maledetto" da conoscere, da scoprire.

  • User Icon

    dario

    19/01/2015 17:01:09

    devo dire che è stata un esperienza nuova e bella...un pò come la prima scopata ti diverti ma sai che potevi fare meglio,in questo caso io potevo fare meglio nel senso che non ero proprio pronto ad una lettura del genere,visto che la "poesia" mi è un pò lontana. Però mi è piaciuto nel complesso,penso che in futuro lo leggerò una seconda volta per una comprensione più matura.

  • User Icon

    giancarlo buzzi

    01/12/2014 13:21:27

    Ecco un libro veramente speciale, scritto in modo non convenzionale a volte difficile, ma che ti prende dall'inizio alla fine. Un viaggio nella mente e nello spirito del detective alla ricerca di un certo Stan, uno scomparso, su incarico di una signora vestita di nero: in realtà l'anima del protagonista. Una ricerca che inevitabilmente deve terminare in un bosco scuro, ma penetrabile, sino ad incontrare una casa diroccata: in realtà la vita del protagonista, Thomas. Un viaggio sorprendentemente lucido, sincero, descritto dall'autore con linguaggio cinematografico; una trama che viene abbandonata spesso per seguire i sensi di colpa, le angosce e le paure del protagonista che poi sembra scuotersi da questo abbandonarsi al suo esame di coscienza per ritornare alla trama e proseguire e fermarsi di nuovo.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione