Editore: Mondadori
Collana: Oscar moderni
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: IX-117 p., Brossura
  • EAN: 9788804667964
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 6,48

€ 12,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luca Aquadro

    31/07/2017 20:40:45

    Qual è la parte di un libro che più di tutte espone il lettore-medio alla tentazione di saltarla? Facile. La descrizione. Ecco, se siete particolarmente maldisposti nei confronti delle sequenze descrittive, avete l'occasione di saltare... un libro intero! Cosa che, di per sé, potrebbe avere anche la sua dignità. Però. Qual è la precondizione di una descrizione? Osservare, o, meglio, sentire, nel senso di... usare i cinque sensi per indagare qualcosa. Quindi una descrizione, che a prima vista è qualcosa di molto astratto e teorico, nasce da qualcosa di molto concreto e sensibile. Descrivere qualcosa significa quindi obbligarsi a uno sforzo di concentrazione prima fisica e poi mentale. Cioè significa conoscere. O meglio. Provare a conoscere. Ed eccoci al nostro signor Palomar. Di poche parole, ma curioso, anzi, maniacalmente curioso. E nel libro il signor Palomar, in altrettanti brevi capitoli, ci descrive 27 diverse cose, da un'onda a un geco all'universo. Qualcuno ha voluto vedere nel signor Palomar lo stesso Calvino. Cosa probabilmente vera e legittima. Ma se Palomar fosse ognuno di noi nel momento in cui, citando Dante, cerca "virtute e (soprattutto) canoscenza"? Come avrebbe detto il grande Bufalino: "Leggere, leggere, leggere!" "Per questo non abbiamo niente da insegnare: su ciò che più somiglia alla nostra esperienza non possiamo influire; in ciò che porta la nostra impronta non sappiamo riconoscerci." (p. 95) "... sarà il tempo a logorarsi e ad estinguersi in un cielo vuoto (...) nel gelo d'un ordine immobile." (p. 112) E tutto partendo dal tentativo fallito di descrivere un'onda... Chi è che diceva che le descrizioni si possono saltare?

Scrivi una recensione