Editore: Dalai Editore
Anno edizione: 2011
Pagine: 238 p., Rilegato
  • EAN: 9788866202417
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Le paludi pontine sono terra di città nuove, "trionfali" e desolate, che nessun turista visitava fino a ieri. Sono un alveare di contadini, gente che parla in romanesco e ricorda in veneto, spediti lì dal Duce - quello "buono", quello che mieteva il grano - a bonificare stagni e pantani. Che poi, mica la voleva, lui, Littoria. Lui si accontentava di qualche borgo rurale, perché gli italiani sono un popolo di agricoltori. Ma alla fine ci si è affezionato, e anche ora che si chiama Latina il suo fantasma ci si aggira sempre, di notte, a bordo d'un rumorosissimo Guzzi 500-Falcone sport. Controlla che tutto vada bene e che la gente del posto non combini troppi casini. Perché "di là" vogliono caricarlo pure dei peccati loro. In fondo è a causa sua che abitano quel brandello di Lazio. Perfino il sindaco è un uomo suo. Ai tempi lo avevano nominato federale, "federale facente funzioni" a essere precisi, e adesso che una classifica del Sole-24 ore ha piazzato Latina fra le peggiori città del Paese, per migliorarne l'immagine ha partorito un'idea folgorante: i trapianti di cuore. I trapianti sono una cosa ultramoderna e si fa una grandissima figura, sostiene. E c'è infine Palude che ne ha bisogno, Palude che quando era ancora in forze ti alzava con una mano sola, se non stavi zitto. Adesso ha il cuore stanco. Peccato solo che sia un operaio rosso e comunista. Ma non importa, è deciso: il trapianto si farà. Per procurarsi un donatore basta in fin dei conti spargere una latta d'olio sopra la Pontina...

€ 8,75

€ 17,50

Risparmi € 8,75 (50%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 17,50 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    virginio

    23/10/2012 23:39:15

    Non è un racconto lineare e scorrevole, è un caos di vissuto. Desacralizza con una punta di cattiveria la figura di Maria Goretti, non si sa perchè; non ha nulla a che fare con il bel romanzo "Canale Mussolini"

  • User Icon

    Leo Rho

    15/03/2012 20:34:10

    Un gran bel libro (forse a primo acchito sconclusionato) ma freschissimo, pregno di avvenimenti e personaggi picareschi ma anche maledetti, con una trama che definirei sinistra, ma decisamente accattivante. Struttura a libri interni assai ben congeniata; letteralmente "da film" il personaggio centrale dell'opera, il Palude. Tutto ciò e si un'accozzaglia, ma di grandissimo spessore e godibilità. Consiglio vivamente a chi ama stile, azione, introspezionne, ironia, tutto meravigliosamente ACCOZZATO insieme.

  • User Icon

    Maila

    28/11/2011 09:46:19

    un'accozzaglia di personaggi,un susseguirsi di frasi brevissime,continui salti temporali tra presente e passato..tante idee(alcune buone)ma molto confuse.Mi aspettavo un prologo a Canale Mussolini,ma non ha nulla a che vedere con quel capolavoro.Una delusione.

Scrivi una recensione