Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
In commercio dal: 8 febbraio 2008
Pagine: 218 p., Brossura
  • EAN: 9788807720222
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Che cosa fa di un uomo un poeta? E che cos'è un poeta? E un bambino? Un provocatore? Un folle? Un profeta? Un cretino? Siamo a Pietroburgo nel 1912: percorriamo la prospettiva Nevskij con Sasa e Pasa e sentiamo che tutto si muove, sta cambiando. Non solo: si mangia pane e poesia e la parola d'ordine è Avanguardia, gettare il passato dal vapore Modernità. Sasa e Pasa arrivano dalla provincia e vogliono studiare matematica, ma non c'è tempo: bisogna pubblicare il libro che rivoluzionerà la sorte della poesia russa. Le sbornie e gli incontri all'osteria della Capra vanno di pari passo alle sbornie e agli incontri dello spirito. Corrono parallele alle comiche vicissitudini di Sasa e Pasa quelle drammatiche di Velimir Chlebnikov, il poeta per eccellenza.

€ 6,80

€ 8,00

Risparmi € 1,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luxor

    28/09/2015 16:06:01

    Un altro buon romanzo targato Nori: più complesso e lungo rispetto ad altri lavori dello scrittore parmense, ma ben congeniato, curioso e, come sempre, un po' folle. Imperdibile se non disdegnate il futurismo russo.

  • User Icon

    Daniela

    16/03/2006 11:45:20

    Splendido. Se, come me, avete amato gli altri libri di Nori, questo vi entusiasmerà.

  • User Icon

    niki

    10/02/2005 10:42:12

    Svincolato dall'alter ego Learco Ferrari, L'autore incrocia magnificamente tre vicende tra il surreale e l'iper-realistico. Una Biografia, una autobiografia e un romanzo. Alla fine i conti tornano e ci sembra effettivamente di aver vissuto attimi fugaci ma intensi per le strade di Sanpietroburgo e aver respirato l'aria, oramai vuota, dei caffè letterari e della poesia russa dei primi del novecento

Scrivi una recensione