Categorie

Curatore: E. Ghezzi
Editore: Bompiani
Collana: Panta
Anno edizione: 1996
Pagine: 424 p.
  • EAN: 9788845227141
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it € 7,25


scheda di Campogrande, N., L'Indice 1997, n. 8


Variopinta e - a tratti - straordinaria collezione di brevi scritti intorno alla musica, mesostici e poesie di musicisti, libretti per teatro musicale più la riproduzione di una partitura-disegno di Bussotti e quella di una letterina di Moe Tucker, dei Velvet Underground, che si dichiara onorato dell'invito a partecipare all'antologia ma rinuncia perché non saprebbe che cosa scrivere. Il tratto comune della stragrande maggioranza degli interventi è che sono molto poco significativi e, se non sai chi è colui che scrive, che musica inventa, qual è il suono della sua chitarra o della sua fisarmonica, non sei troppo invogliato a leggere le sue considerazioni estetiche o i suoi racconti metropolitani o le sue piccole poesie; e i profili finali, curati da Alessandro Achilli e Maria Pia Valdes, sono tracce, ma non possono risolvere il problema. D'altra parte per conoscere tutti gli autori, da Ingeborg Bachmann a Steve Beresford, da Eugene Chadbourne a Chris Cutler, da Barry Gifford a Kim Gordon a Robin Holcomb a Allen Ravenstine forse bisogna essere nati in qualche anno speciale, o forse bisogna essere Enrico Ghezzi. Va a finire che le cose intriganti sono quelle di Adorno e Laurie Anderson, Battiato e Bernstein, Cage, Eno e Gainsbourg e Gillespie e Gould e Klemperer e Jagger, che, se non sempre hanno un loro spessore, quanto meno godono di riflesso dell'aura dell'autore. Ma così - ed è un peccato - alla fine del volume si ha l'impressione di avere avuto a che fare soltanto con musica già ascoltata.