Paolo Grassino. La sostenibile visibilità dell'assenza. Catalogo della mostra (Roma, 18 maggio-30 giugno 2017). Ediz. italiana e inglese

Traduttore: Tom Kruse
Curatore: Lorenzo Respi
Editore: Gangemi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 2,41 MB
  • Pagine della versione a stampa: 63 p.
    • EAN: 9788849248739
    pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

    Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

    Disponibile anche in altri formati:

    € 15,99

    Venduto e spedito da IBS

    16 punti Premium

    Scaricabile subito

    Aggiungi al carrello Regala

    non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

    Descrizione
    Catalogo della mostra presso la galleria AnnaMarraContemporanea dal 18 maggio al 30 giugno 2017 Nonostante la mediazione della pratica dell'arte e il medium della tecnica e dei materiali, Paolo Grassino non perde mai di vista né il mondo reale che lo circonda né la società con le sue contraddizioni; anzi, ne trae gli spunti per criticare il presente e per offrirne la sua originale interpretazione. Rappresentare banalmente ciò che esiste è un atto di poco significato per l'artista, perché ciò che esiste è già sotto i nostri occhi, e quindi lo possiamo vedere e sperimentare direttamente; ancora meno significante è riprodurlo fedelmente, riducendo l'arte a un mero esercizio di stile. Dove questo accade, c'è assenza di arte. E Paolo Grassino lo ha capito perfettamente mettendo in scena la sua sostenibile visibilità dell'assenza. Notwithstanding the mediation of how he practices art and the medium of his technique and material, Paolo Grassino never loses sight of the real world that surrounds him or of society and its contradictions; rather, these serve as his muses as he criticizes the present and offers his original interpretation. Representing banally what exists is, for the artist, an act with little meaning, because what exists is right in front of him, and so we can see and live it directly; still less meaningful is a faithful reproduction of what we see as it reduces art to a mere exercise in style. Where this happens, there is an absence of art. And Paolo Grassino understands this perfectly here he presents us his sustainable visibility of absence.