Paradis sure terre. A French Songbook

Interpreti: Nicky Spence
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Chandos
Data di pubblicazione: 15 settembre 2016
  • EAN: 0095115189320
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

€ 21,90

Venduto e spedito da IBS

22 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione
André Caplet (1878-1925): Les Prières
Lili Boulanger (1893-1918): Clairières dans le ciel
Claude Debussy (1862-1918): Trois Mélodies de Verlaine
Cécile Chaminade (1857-1944): Mélodies
Vincitore del prestigioso titolo di Giovane Cantante dell’Anno agli Opera Awards del 2015, il tenore Nicky Spence viene accompagnato dal celebre pianista Malcolm Martineau, insignito di recente dell’OBE, in questo splendido recital incentrato sulle mélodies francesi composte negli ultimi anni del XIX secolo – un repertorio che oggi viene eseguito in concerto solo molto di rado – sul tema del futuro. Per fortuna, i raffinati salotti parigini della Belle époque si rivelarono i luoghi ideali per un gruppo di compositori dalle tendenze quanto mai innovative, come si può facilmente notare dagli spunti proiettati verso un futuro ancora tutto da immaginare delle opere scritte da Debussy nei primi dieci anni della sua carriera. Più in particolare, le mélodies basate su versi di Paul Verlaine presentate in questo disco furono probabilmente eseguite per la prima volta nella casa del suo ricco amico Ernest Chausson, anch’esso compositore, ottenendo una vera e propria ovazione grazie alla grande originalità del loro linguaggio musicale. Sia Lili Boulanger sia André Caplet si collocarono nel solco tracciato da Debussy, attingendo a piene mani dal suo brillante vocabolario armonico e dal suo innovativo stile pianistico per scrivere opere vocali che si spingono molto oltre le risorse tecniche ed espressive di semplici appassionati. Da parte sua, Cécile Chaminade seppe elaborare uno stile molto fluido, che affonda le sue radici soprattutto nelle opere di Charles Gounod e di Camille Saint-Saëns. In particolare, la Chaminade divenne una celebrità nei panorama dei salotti della nobiltà e della buona borghesia, dove si mise in grande evidenza sia come pianista sia come compositrice.