Traduttore: L. Briasco
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2016
Pagine: 512 p., Brossura
  • EAN: 9788806230364

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Avventura - Narrativa western

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 10,80

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giacomo

    09/06/2017 08:16:13

    Ho divorato questo romanzo, mi ha fatto rivivere un film western alla Tarantino con i suoi personaggi divertenti e non, con le sue città in costruzione, la polvere del deserto del Texas, Lansdale descrive il tutto perfettamente. Consigliati siamo agli amanti del far west!

  • User Icon

    Gianfranco Torre

    30/05/2017 14:12:36

    L’abilità di Lansdale sta nel creare una storia appassionante e coinvolgente da un episodio apparentemente banale, quale quello del protagonista Nat Love che guarda il sedere della moglie di un uomo meschino crudele e vendicativo. Da qui si innesca questo bellissimo libro, scorrevole e interessante, soprattutto per chi ama o si interessa a queste storie di vecchio e selvaggio west. Panoramica interessante sul modo di vivere delle persone di allora, pistoleri reduci della guerra di secessione , tribù di apache tanto crudeli quanto affascinanti e comunità di cinesi. Lansdale ci sa fare e ci regala questo spaccato di passato violento e per certi versi anche comico ma la sua grande capacità è senza dubbio quella di rendere le immagini del suo libro vive come in un film.

  • User Icon

    valter57

    30/12/2016 10:53:43

    Il massimo delle stelle per un autore che è ormai un mito della narrativa americana. Paradise Sky è la summa della capacita di JRL di affascinare, intrigare, divertire, commuovere con una storia che è anche in parte vera, quella di Nat Love, nero americano prima schiavo e poi uomo libero, in un West duro e puro che ricorda McCarthy ma anche Meyer de Il Figlio. E poi, quella sottile vena ironica e divertita che è presente nelle scene e nelle parole dei protagonisti, indimenticabili, da Cullen a Kid Red a Bronco Bob all'amata Win sino al villain Ruggert e alla giovane Ruthie. E' questo il JRL migliore, anche più della serie degli amati Hap & Leonard.

  • User Icon

    luca bidoli

    28/12/2016 14:22:14

    Un buon libro che si legge con rapidità e con il giusto pathos. Ambientato nell'America successiva alla guerra civile, narra le vicende di un ragazzo che deve fare i conti e confrontarsi con un mondo spietato e intollerante, fatto di bianchi colmi di rancore e di razzismo, di segregazione, di neri trucidati per un nonnulla, di indiani e pistoleri: c'è tutta l'epica della frontiera e di un mondo americano che si sta forgiando dietro le sue mitologie. A questo si aggiunga il carattere tipico del romanzo di formazione, della fuga e della scoperta della propria identità attraverso percorsi di appropriazione e di riconoscimento della propria diversità. Molte le figure deuteroprotagoniste, in una sequenza ben orchestrata e quasi equanime di buoni e di cattivi. E' ovvio che a trionfare sarà la virtù, ma questo è di prassi e ci sta. Una buona lettura, non eccellente, in parte per la sua prevedibilità, in parte per il poco o nullo approfondimento psicologico dei personaggi, protagonista compreso. Un buon Lansdale, insomma. Molto lontano, tuttavia, dai fuochi d'artificio di altri suoi romanzi. Tuttavia, visto quello che c'è in circolazione, da consigliare. Non ci si annoia, né ci si ammorba.

  • User Icon

    Francesco

    28/12/2016 09:38:01

    Ho trovato il libro appena sufficiente.

  • User Icon

    osvaldo fumei

    06/12/2016 18:29:43

    E' molto probabile che alcune delle orribili storie sugli schiavi siano realmente accadute; resta il fatto che la violenza e' tanta. Non ce l'ho fatta, agli stupri multipli ho buttato via il libro

  • User Icon

    Francesco

    04/12/2016 07:53:05

    Bellissimo, non sempre i libri di Lansdale hanno soddisfatto le mie aspettative, ma in questo caso le hanno appagate pienamente.

  • User Icon

    vittorio

    30/11/2016 09:34:46

    Se pensate di trovare in questo romanzo solo immense praterie, cavalli al galoppo, pistoleri a duello, tramonti infuocati, qui c’è molto di più: dialoghi affilati come lame di coltello, storie incredibili raccontate così bene da sembrar vere, personaggi da film e un eroe nero che sembra uscito dalla testa di Quentin Tarantino. In 500 pagine c’è l’America di fine 800 che si confronta con se stessa. Insomma c’è Lansdale in uno stato di forma eccezionale e questo è il suo più bel romanzo. Così fa dire l’autore al suo protagonista nelle righe finali : “Comunque, quella che vi ho raccontato finora è la storia di come sono diventato Deadwood Dick, l’ho raccontata come meglio potevo ed è tutta vera, purchè teniate presente che le parti più noiose le ho tolte. Quelle non piacciono a nessuno”. Serve altro da aggiungere? Chapeau!

  • User Icon

    Riccardo

    11/11/2016 15:55:34

    La sottile linea scura, tramonto e polvere, la foresta. Ed ora, questo: si, preferisco il Lansdale che "agisce" al di fuori di Hap & Leonard. Scrittura attraente, fluida e piacevole. Ironia a piene mani. Quel che succede alla fiamma di una candela di fronte alla bruttezza di un viso è meraviglioso

  • User Icon

    Angelo Cennamo

    01/11/2016 09:55:09

    Joe R. Lansdale e' uno scrittore texano dai mille volti, capace di intrattenere i lettori attraversando più generi letterari: horror, fantasy, noir, pulp. Il suo ultimo romanzo ha come protagonista "Nat Love", un cowboy di colore veramente esistito alla fine dell'800 nell'America deschiavizzata da Abramo Lincoln. La storia di Willie, questo il vero nome del protagonista, e' una lunga e avventurosa fuga da un marito razzista e vendicativo. Un viaggio straordinario tra duelli, sparatorie e incontri con personaggi leggendari. Il migliore tributo a un genere letterario, il western, che fa rivivere l'America verace e spietata dei romanzi di Cormac McCarthy e dei film di Sergio Leone. Ciak si gira

  • User Icon

    ALEX

    20/10/2016 15:09:40

    puro Lansdale al 100%.

  • User Icon

    Lee66

    18/10/2016 22:51:30

    Era da parecchio tempo che non leggevo un romanzo che mi entusiasmasse al punto da ricercare con ansia il momento di riprendere la lettura per sapere come continuasse la storia di Nat Love alias Deadwood Dick. Sapevo peraltro che neanche stavolta Lansdale mi avrebbe deluso e, anzi, con questo romanzo credo abbia superato sé stesso: una grande storia western, originale come una sceneggiatura di Tarantino, scorrevole e coinvolgente, a tratti forse un pò surreale ma mai banale. Una vicenda dove amicizia, tensione, vendetta e provvidenza si mischiano creando un romanzo quasi poetico e commovente di ottima fattura, vicino ai western di Cormac McCarthy ma senza la stessa crudezza e spessore, ma non per questo meno interessante. Insomma: un romanzo da leggere e confermare la grandezza di Lansdale anche e soprattutto quando non racconta le vicende di Hap & Leonard. Grandioso.

  • User Icon

    Alberta

    18/10/2016 12:28:07

    Non potete dire di conoscere gli Stati Uniti se non avete mai letto Lansdale. Anche se già ci siete stati. Autore straordinario, racconta storie di frontiera, di pionieri vecchi e nuovi. Se avete amato film come "Un tranquillo weekend di paura" o "Questa terra è la mia terra" non perdetevi questo romanzo.

  • User Icon

    Piba

    15/10/2016 10:00:48

    Che bello....sono a 300 pg. ed ho paura di finirlo. E' la prima volta che leggo Lansdale, ne leggerò sicuramenti altri. La storia narrata in Paradise Sky non la si legge...la si vive. Stupendo!

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione