Categorie
Anno edizione: 1991
Pagine: 112 p.
  • EAN: 9788833954790
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello


scheda di Roccato, P., L'Indice 1991, n. 9

Ci vuole coraggio a scrivere un libro sulla noia, ma gli autori evitano il contrappasso che li vorrebbe a propria volta noiosi. È paradossale che la noia, così tormentosa, diffusa e centrale in certi stati di sofferenza anche tragicamente conclusi col suicidio, sia rimasta ai margini della riflessione psicopatologica, a differenza di altri affetti, quali l'angoscia, il dolore mentale o la depressione. Agile, puntuale, critica rassegna bibliografica, il libro, punto di riferimento obbligato non solo per lo psicopatologo ma anche per lo psicologo clinico, coglie in una prospettiva storica la concettualizzazione e la psicodinamica della noia, coi vari tentativi di definirla e soprattutto di differenziarla da depressione, derealizzazione, apatia, nostalgia, disillusione, sentimento di vuoto. I vari studiosi, spesso ignari gli uni degli altri, hanno elaborato teorie a volte brillanti (per esempio Hartocollis col suo "territorio neutrale"), a volte molto convincenti (per esempio Weinberger e Müller col loro "moderno Icaro"), a volte suggestive e proiettate verso future ricerche (per esempio i molti che sottolineano la "struttura", oltre che la genesi, "relazionale "della noia intrapsichica). Sentimento complesso, collocato fra i disturbi ed i rapporti narcisistici, la noia sembra connessa non alla perdita del desiderio, ma all'inarrivabilità del suo oggetto, troppo idealizzato.