Categorie

Parole infinite. Lettere da Gorenleskíne

Alessandro Seveso

Editore: Croce Libreria
Collana: L'oziosapiente
Anno edizione: 2009
Pagine: 136 p.
  • EAN: 9788864020204
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Un intenso romanzo epistolare, malinconico e struggente come la colonna sonora che lo sottende, il Fado. Il plot è originale: due amiche durante un viaggio si spingono fino in Norvegia, paese che le incanta. Una delle due, anni dopo, torna e compra la casa di cui si era innamorata anni prima. Lì trova una scatola con delle lettere che sono la corrispondenza tra zio e nipote. Il tutto condito da un finale originale. L’opera di Seveso, incantevole e dolce come la prosa che la sostiene, è impregnata di una malinconia e nostalgia che sono presenti già nella forma prescelta, il romanzo epistolare, genere in cui è la distanza l’elemento predominante. Qui poi, è tutto un gioco di specchi e rimandi, perché all’interno della corrispondenza delle due amiche si inserisce la corrispondenza tra zio e nipote ritrovata nella casa in cui una delle due è andata a vivere. E proprio questa corrispondenza diventa centrale nel romanzo, costituendo una storia nella storia bellissima e accorata. C’è un uomo anziano che vive nel freddo nord, narrato ed evocato con una sapienza che ne restituisce sapori e colori, e c’è Cristina, la giovane nipote, che si innamora di un insegnante e suonatore di Fado. La loro storia d’amore è splendida e perfetta, la loro gioia intatta e pura, il loro un sogno divenuto realtà, raccontato dalla giovane nelle epistole al vecchio zio, che ne seguono tutto l’arco, dall’inizio al matrimonio alla nascita di un figlio. Dal canto suo lo zio racconta la sua vita nel suo paese, i personaggi che lo circondano, la gioia che prova per la felicità della nipote, spezzata da un destino che è in agguato. La prosa di Seveso è sapiente, la sua abilità nell’evocare ambienti ed atmosfere davvero notevole. La dolcezza e la delicatezza del suo periodare costituiscono la cifra stilistica del romanzo, un’opera assolutamente al femminile, in cui sono le donne a partire, a decidere del proprio destino, ad avere il coraggio di amare, di cambiare, di mettersi in gioco. Toccante e struggente. (Finalista Premio Nabokov 2010)

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Stefania Santarelli

    25/11/2010 20.23.27

    e-mail ricevuta da una lettrice: "Ho acquistato Parole infinite alcuni giorni fa, avevo promesso di farti avere un parere, eccomi qua: bello e inatteso. Il testo cresce pagina dopo pagina passando per un'intera gamma di malinconiche dolcezze, fino allo stupore finale. Grazie per le emozioni. Stefania

Scrivi una recensione