Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Le parole non le portano le cicogne - Roberto Vecchioni - copertina

Le parole non le portano le cicogne

Roberto Vecchioni

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
In commercio dal: 26 aprile 2005
Pagine: 206 p., Brossura
  • EAN: 9788806174712
Salvato in 31 liste dei desideri

€ 5,50

Venduto e spedito da Libreria Koine

Solo una copia disponibile

+ 4,70 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Vera è una diciassettenne vitale, istintiva e un po' atipica: una "veteromane" come lei stessa si definisce, con gusti letterari e musicali diversi da quelli dei coetanei, con aspirazioni vaghe e indisciplinate. I suoi compagni la chiamano nonna e la trattano come una consulente archeologica: eppure è lei l'anima del gruppo, "ma quella persa, quella delle proposte bizzarre, inverosimili", perché Vera, più che in cerca di approvazione, è da sempre in cerca di adorazione. Ha un padre lontano, a cui scrive lettere destinate a restare senza risposta, e una madre vicina ma assente, iperattiva, sempre impegnata in nuovi e improbabili progetti. Ma l'incontro fondamentale deve ancora arrivare e sarà quello con un vecchio eccentrico linguista.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,7
di 5
Totale 12
5
5
4
3
3
2
2
1
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Claudia

    25/09/2019 13:33:56

    La scrittura di Vecchioni è sublime, ma non pretenziosa. Il libro scorre e ti riempie di bellezza ad ogni parola. Per quanto sia un po’ una storia da adolescenti, i temi che essa descrive sono universali: non parlo della filosofia che molti altri hanno già citato, forse un po’ accusando Vecchioni di averla “incastrata” in un racconto, ma della crescita della protagonista, dei rapporti profondi che si creano tra i personaggi, rapporti con la famiglia, con l’amore, con la scoperta del proprio posto nel mondo attraverso una guida, un “maestro”. Credo che questa sia la forza di questo libro, che forse accuso solo di essere riassuntivo, ma non forzato. Consiglio di leggerlo, soprattutto da ragazzi.

  • User Icon

    Rosangela

    23/08/2011 19:00:17

    Una bella trama che però, in certi punti, diventa un po' ostica; in ogni caso, bisogna leggerlo perchè consente un divertente approccio ad alcuni concetti filosofici. In tante parti, poi, si coglie la grande e affascinante poesia di Vecchioni.

  • User Icon

    maria

    09/01/2011 08:55:30

    Libro faraginoso. Frasi lunghe e piene di aggettivi ridondanti.Non si capisce la storia. Personaggi caratterizzati con una pioggia di aggettivi e non con un proprio parlato o vissuto. Non buttate i soldi, lasciate perdere.

  • User Icon

    cristina

    19/11/2009 17:52:10

    Ho trovato questo libro stupendo..un libro forte che permette di sognare ed emozionarsi...Meraviglioso come ogni capolavoro di Vecchioni!

  • User Icon

    Tommaso

    18/11/2007 14:01:42

    Bel libro, scritto da un grande personaggio che ha reso grande la musica italiana!! Molto interessante il contenuto e buono l'intreccio!! Un libro di facile lettura, leggetelo!!

  • User Icon

    Laura

    11/01/2006 16:19:27

    Non posso dire che il libro non mi sia piaciuto; mi ha commossa, stupita, ha indotto in me nuove curiosità. A mio avviso, però, un difetto non gli permette di essere del tutto un buon libro: mi è sembrato il tentativo di un saggio filosofico incastrato, disarmonicamente, in un romanzo.

  • User Icon

    luca meccheri

    14/12/2005 11:32:59

    un bellissimo libro, la storia il messaggio lo stile letterario. Anche tu come Guccini hai dimostrato di saper mettere insieme le parole senza accompagnamenti musicali....

  • User Icon

    Giorgio

    01/08/2005 01:10:09

    Sublime.

  • User Icon

    Viviana Gigantiello

    11/07/2005 09:34:02

    Grazie Roberto!!!!!!!!!! Se vi prendete cura delle parole, se talvolta le temete, se ne sentite i tonfi e il frusciare d'ali, leggetelo. E' un libro lieve e chiassoso, è una storia tenera e tenace che fa alzare lo sguardo dalle pagine all'orizzonte per guardare meglio le parole dar corpo a immagini, suoni, sensazioni risate e lacrime. Quando Vera parla ne senti l'intonazione ne cogli le incertezze e la testardaggine. E' il più bel libro che ho letto negli ultimi tre mesi e poichè ne ho letti trenta... Grazie Roberto!!!!!!!!!!

  • User Icon

    Monial

    15/06/2005 15:36:00

    Non mi è piaciuto. Se volete conoscere Vecchioni- scrittore vi consiglio " Il libraio di Selinunte" che invece è carino.

  • User Icon

    ale79

    27/05/2005 17:38:08

    oddio, cosa ci sia in questo libro che lo accomuna al"mondo di sofia" proprio non lo so... quello è intelletto, questo è "pancia", sono i vent'anni che abbiamo attraversato e che dovremmo ricordare con un po' più di affetto, per l'aria che vi abbiamo respirato e le parole che ci hanno accompagnato.

  • User Icon

    Clara Marzi

    13/01/2001 20:05:09

    Se si esclude il fatto che il libro sembra scimmiottare, in piccolo, "Il mondo di Sofia" di Jostein Gaarder,(che non è fra i miei libri preferiti) vi sono dei passaggi comunque interessanti. Mi riferisco alle riflessioni sul significato delle parole che, a mio avviso, possono essere un primo stimolo per coloro che hanno sempre considerato la glottologia una "scienza" sterile. Per me è stato così ed ho apprezzato il libro per questo. Mi sembra abbastanza irrilevante la trama, come pure piuttosto banale, se non scontato,il personaggio di Vera. Comunque, a mio parere, si può leggerlo e ricavarne qualcosa.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente
  • Roberto Vecchioni Cover

    Roberto Vecchioni nasce in Brianza da genitori napoletani, è sposato e ha quattro figli. Nel 1968 si laurea in Lettere Antiche all'Università Cattolica di Milano, dove resterà per due anni come assistente di storia delle religioni, proseguendo poi per trent'anni la sua attività di insegnante di greco, latino, italiano e storia nei licei classici. La sua attività nel mondo musicale inizia negli anni '60, quando comincia a scrivere canzoni per artisti affermati (Vanoni, Zanicchi, Cinquetti, etc.); collaborazioni che riprenderà più tardi anche per Nannini, Oxa, Patty Pravo, Adamo. Nel 1971 si propone per la prima volta come interprete delle proprie canzoni e nel '73 partecipa al Festival di Sanremo con L'uomo che si gioca il cielo a dadi. L'anno... Approfondisci
Note legali