La parte più tenera

Ruth Reichl

Traduttore: R. Cravero
Anno edizione: 2002
In commercio dal: 18 gennaio 2002
Pagine: 331 p., Brossura
  • EAN: 9788879285582
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Descrizione
Ruth Reichl è la critica culinaria più famosa d'America. In questo libro ci parla della sua infanzia, di sua madre che nel giorno libero della bambinaia paga lei, una bambina spaventata, per farsi da babysitter da sola. Racconta i suoi primi passi in cucina con la signora Pavey, la domestica dal passato aristocratico, e con Alice, la cuoca caraibica che nei momenti difficili cucina le sue fantastiche mele al forno con salsa dura. Ma è a casa di un ricco buongustaio francese, fra un intingolo che pare "l'autunno distillato in un cucchiaio" e una chartreuse di pernice imponente come una cattedrale, che Ruth capisce per la prima volta cosa significhi veramente mangiare.

€ 8,10

€ 15,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Carol

    08/02/2015 15:50:37

    Intenso, intimo, ricco di episodi personali molto originali e intriganti, peccato che gli ultimi 3-4 capitoli perdano la verve iniziale e siano un po' più freddi e noiosi. Interessanti le ricette e il contesto in cui l'autrice ne viene a conoscenza.

  • User Icon

    Maunakea

    28/08/2007 18:45:10

    Primo volume dell'auotbiografia della Reichl, Tender at the Bone: Growing Up at the Table (1998), inframezzato di ricette come è giusto che sia, spigliato e divertente, non so come si possa trovare noioso, se si ama il cibo, sopratuttpo la parte iniziale riguardante infanzia ed adolescenza è davvro divertente e coinvolgente. Il difetto è che è proprio come se fosse un primo volume quindi non ha una vera e propria fine, si interrompe semplicemente ad un dato punto della storia della sua vita, per sapere il seguito e superare quella sensazione si inconclusione bisogna leggere d seguito Confortatemi con le mele.

  • User Icon

    Manuela C.

    17/11/2006 10:21:51

    Deliziosissimo!!!! Sono arrivata alla lettura di questo libro dopo aver gustato gli ultimi due della Reichl e l'ho letto tutto d'un fiato (in genere quando amo i libri che sto leggendo rallento la letura!) solo perchè sapevo che mi apettava ancora Confortatemi con le mele! E' veramnete una scrittrice Bravissima, Divertente e una grande Maestra del suo mondo! M. C.

  • User Icon

    barbaciuc

    17/02/2006 14:23:23

    Spiritoso, gradevole, fluido. Una sorta di autoanalisi attraverso gli episodi e i sapori della vita dell'autrice. L'ho apprezzato molto e letto in un... boccone. E naturalmente presto proverò alcune ricette (le + europee) proposte nel libro.

  • User Icon

    Silvia

    18/05/2004 17:08:37

    E' un racconto delizioso come le ricette che si trovano leggendo........peccato che verso la fine diventi un po' noioso.

  • User Icon

    Lou

    23/03/2004 14:50:42

    .........fantastico!! E che ne dite di "Confortatemi con le mele?" Grande!!

  • User Icon

    Dolcenera

    07/09/2003 15:58:31

    L'inizio è certamente delizioso, poi poco a poco si sgonfia come un soufflè.La fine è un flop.

  • User Icon

    Federica

    17/02/2003 10:37:21

    Bello, bellissimo. Una grande passione per la cucina, che aiuta la protagonista a trovare se stessa, pur tra mille paure e mille contraddizioni. Un rapporto difficile con una madre disturbata ed un padre chiuso, che non comprendono la scelta di vita della propria figlia, così lontana da ciò che avrebbero desiderato. I ristoranti di lusso, incapaci ad aprirsi ai cultori del gusto senza cravatta e carta di credito. Le insicurezze e le crisi di panico. Il tutto raccontato in modo semplice e ironico, e condito con accattivanti ricette.

  • User Icon

    Giorgia

    02/02/2003 20:11:52

    Un libro stupendo, magistralmente scritto. Adatto a chi ama il cibo e il vino, naturalmente, ma adatto soprattutto a tutti coloro che pensano che stare seduti a tavola sia una perdita di tempo. Una celebrazione della buona cucina fatta con ironia e una buona dose di racconti di vita. Assolutamente da non perdere.

  • User Icon

    Francesca Mariani Brega

    08/06/2002 15:00:23

    Così bello che non smetteresti mai di leggerlo!

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione