Editore: Rizzoli
Collana: Vintage
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 297 p., Brossura
  • EAN: 9788817078580
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Francesco

    20/08/2016 14:58:51

    Premesso che sono stato molto condizionato dalla precedente visione in dvd del film di Vicari e dall'inevitabile confronto tra le due opere, il romanzo ha alcuni innegabili pregi come la capacità di rendere il progressivo affiorare del perturbante, la triangolazione tra Giorgio e i suoi due doppi (l'omonimo tenente Giorgio, quasi assente nel film, e Francesco), la discesa agli inferi e la solo parziale risalita, assieme a due topoi di Carofiglio quali l'ossessione per il passato che non passa e la Bari fatta di poche luci e molte ombre. Eppure il libro non mi ha convinto fino in fondo soprattutto per la qualità della scrittura, a mio parere inferiore rispetto a quella dei successivi romanzi "Il bordo vertiginoso delle cose" e "Il silenzio dell'onda" ("Una mutevole verità" è un episodio minore che non porrei a confronto col resto, mentre la saga dell'avvocato Guerrieri ha un taglio tutto suo). Mi riferisco proprio a particolari scelte sintattiche e lessicali, che mi sono sembrate magari immediate nell'effetto ma non molto originali o incisive sotto il profilo stilistico. Va anche detto che "Il passato è una terra straniera" è uno dei primi romanzi di questo autore e in nuce lascia intravedere potenzialità che a mio avviso sarebbero state meglio sviluppate in seguito. In generale comunque Carofiglio dà il meglio di sé, almeno in questo libro, nel narrare più che nel descrivere. E poi l'autoindulgenza del protagonista-narratore (che nell'avvocato Guerrieri sconfina nell'ironia) qui è a tratti eccessiva nell'indurre il lettore a comprendere e a redimere Giorgio. E ci sarà un motivo se Carofiglio, che ha co-sceneggiato il film di Vicari, ha proposto o accettato alcuni mutamenti radicali della storia, come se quest'ultima avesse avuto una metamorfosi in lui anche dopo la pubblicazione del libro.

  • User Icon

    farfallina

    30/06/2013 12:31:35

    Scrittura chiara e schietta nonostante descriva la discesa negli abissi dell'animo umano. Sull'onda della scia di alcuni recenti fatti di cronaca, ho trovato allucinanti le pagine riguardanti il pestaggio in questura. La fine della storia regala comunque una speranza; nonostante una vita buia e destinata all'autodistruzione, si può sempre risorgere e migliorare alla grande. Libro che farei leggere tassativamente in tutte le scuole di ordine e grado.

  • User Icon

    ru

    02/10/2011 16:30:40

    Bel libro, ma non un capolavoro, si legge speditamente e la trama è accattivante.

  • User Icon

    Sweeney

    25/08/2011 10:11:15

    La progressiva e non del tutto incolume discesa agli inferi della malavita di uno studente modello, Giorgio Chiti, raccontata in prima persona con uno stile asciutto, una prosa sobria, rigorosa, senza sbavature ed intensa, tanto da rendere ambienti, situazioni, sensazioni in maniera così vivida da sentirsi partecipi. Personaggi delineati con pochi tratti alla loro prima apparizione ma lentamente arricchiti di caratterizzazioni nel corso della narrazione, così da diventare indimenticabili. Tocchi di ironia di volta in volta amara o quasi esilarante. Un incipit che coinvolge immediatamente e viene ripreso nel finale, chiudendo circolarmente la storia. Quando la giovinezza, vista a posteriori, è un in/felice periodo di onnipotenza dove tutto, anche il proibito sembra meravigliosamente possibile. Che fortunatamente rimane confinato in quella terra straniera che è il passato. Da leggere e rileggere.

  • User Icon

    rita

    29/06/2011 11:16:16

    appassionante, ti prende subito dall'inizio

  • User Icon

    Marco

    10/11/2010 12:16:43

    Coinvolgente e mai scontato. Bello.

  • User Icon

    paola

    08/10/2010 23:26:20

    buona la costruzione del personaggio nella suacaduta verso il crimine a piccoli passi ...buono il reclutamento , il gioco della coscienze,l' appannamento nelle dinamiche di un leader negativo,quasi un doppio,una specularita' con lo studente modello...sarebbe perfetto il tutto se non fosse quel seguito da "libro giallo"che non ha la stoffa sottile di un giallo classico!qui il colpevole e' quasi scontato da meta' libro in poi.peccato per questo aspetto.ottimo per il resto

  • User Icon

    xyzeta

    27/09/2010 16:07:16

    L'accavallarsi di due storie parallele lo rende particolarmente avvincente, nonostante trovi il tema del mondo del gioco d'azzardo decisamente ripugnante.

  • User Icon

    elda

    18/09/2010 13:21:55

    Questo romanzo di G. Carofiglio, caratterizzato da un fine lavoro di scavo psicologico, mi ha appassionato dalla prima all’ultima pagina. Lo stile è lineare ed incisivo, l’impianto narrativo ben strutturato, la trama coinvolgente. Da leggere!

  • User Icon

    luc!a

    22/11/2009 23:20:16

    Letto in un giorno. Bello. Scrittura fluida e morbida. Ottimo il modo di narrare e ancor più quello di descrivere le sensazioni e le introspezioni di Giorgio. Un 5 pieno!

  • User Icon

    Rodofo Torrisi

    25/04/2009 12:13:28

    Interessante la storia, convincenti i personaggi e un bel finale. Un buon libro. Ma il Carofiglio migliore rimane quello dei legal thriller, la sua estrazione professionale gli regala originalità e spunti narrativi. E in quei casi il cognegno è perfetto.

  • User Icon

    Salvo

    03/03/2009 16:17:46

    Il primo libro di Carofiglio che ho letto. Romanzo davvero impressionante per bellezza e profondità. Difficilmente mi dimenticherò di Francesco e Giorgio....... Complimenti all'autore

  • User Icon

    Federico Bortolan

    27/01/2009 13:19:16

    E' una bella storia. Notevole l'introspezione psicologica dei personaggi, almeno per i "due" Giorgio, proprio come si addice ad un vero noir. Efficace anche lo stile asciutto dell'autore, che ben si adatta ad una lettura veloce. E' il primo libro di Carofiglio che ho letto. Sicuramente non sarà l'ultimo!

  • User Icon

    maria

    04/11/2008 13:40:42

    Libro bellissimo!Letto in meno di 24 ore...appassionante e con tanti spunti di riflessione!Temo per l'uscita del film..potrebbe lasciare forse un pò delusi quelli che hanno letto e amato il libro..speriamo bene!

  • User Icon

    marco

    30/10/2008 17:44:37

    a me questo libro e' piaciuto molto, e ho sempre pensato che sarebbe stato perfetto trasformato in film: ora vedo che il film esce domani, stupendo! grazie della segnalazione. ciao

  • User Icon

    idrusa

    28/10/2008 23:03:44

    una figura fondamentale sul piano della struttura narrativa, in questo romanzo di grande raffinatezza e complessita', e' quella del tenente giorgio chiti: forse il "doppio" del protagonista giorgio? consiglio a tutti di leggere "il passato e' una terra straniera": e' uno di quei libri talmente densi che si presta a un'infinita varieta' di letture.

  • User Icon

    alessio

    22/10/2008 16:19:00

    premesso che sono un fan di guido guerrieri, e che per me carofiglio da' il meglio di se' come scrittore nella serie dell'avvocato, questo e' un gran romanzo: in se', e ancor piu' in confronto ai romanzi italiani contemporanei, esili esili, senza uno straccio di trama e di finale. sono contento che lo ripubblichino anche se penso che sia un'operazione commerciale collegata al film, ma chi se ne importa!

  • User Icon

    hastasiempre

    21/10/2008 18:09:01

    il passato e' una terra straniera e' un gran libro. da barese, devo aggiungere che ho riconosciuto e amato le strade e gli angoli della mia citta', piu' cupa e notturna che negli altri romanzi di carofiglio, ma non per questo meno affascinante. adesso sono curioso di vedere come l'autore tratta di questa citta' nel nuovo libro, che sta per uscire per laterza e che a quanto pare e' tutto incentrato su bari.

  • User Icon

    fede75

    21/10/2008 08:30:07

    questo e' un libro memorabile, una storia di amicizia, perdizione e salvezza in cui bene e male si sfiorano e si confondono: una storia che e' una vera sfida trasformare in un film, e non vedo l'ora che il film esca - manca pochissimo. ciao

Vedi tutte le 19 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione