Categorie

Robert Walser

Traduttore: E. Castellani
Editore: Adelphi
Edizione: 17
Anno edizione: 1976
Pagine: 108 p. , Brossura
  • EAN: 9788845901867

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Loris

    12/09/2014 16.12.20

    La cronaca di una passeggiata lunga un giorno permette all'autore di giocare su vari registri: invettiva, ironia, contemplazione estatica, riflessione esistenziale, nostalgia. Le ultime pagine sul far della sera hanno una particolare bellezza malinconica. Lo stile è ricercato e 'alto', con un effetto quasi straniante.

  • User Icon

    Max

    01/06/2014 14.10.10

    Ciò che conta, qui, è lo stile. Il racconto di una giornata dedicato al "passeggio", non come semplice passatempo, bensì come fonte di ispirazione in virtù di osservazioni, riflessioni, incontri assai eterogenei e apparentemente privi di nesso, che hanno però nello stile della scrittura il loro denominatore comune. Tra le righe, Robert Walser ci raccomanda di non prenderlo troppo sul serio, perché la leggerezza è, dopotutto, la chiave vera della vita.

  • User Icon

    Tenca 46

    28/10/2013 11.33.11

    Che dire di questo (breve) libro o (lungo) racconto ? In una bella giornata di sole il protagonista inizia una passeggiata con animo sereno e gioioso. Sembra quasi un adolescente che vede con ottimismo tutto ciò che lo circonda fiducioso sulle meraviglie che la vita gli riserverà. Incontra persone, descrive paesaggi, situazioni piacevoli e anche meno piacevoli, ma senza mai abbandonare lo stile leggero e lievemente ironico che contraddistingue tutto il racconto. Poi, verso il finale, qualche riflessione in più, il ricordo di un momento di felicità lasciato colpevolmente fuggire e questo finale: "Ho raccolto fiori solo per deporli sulla mia infelicità?" mi domandai, e il mazzolino mi cadde di mano: M'ero alzato per ritornare a casa: era già tardi, e tutto si era fatto buio." Già questo finale, a mio avviso, è emblematico sulla qualità del libro.

  • User Icon

    Ellery

    23/07/2013 14.53.11

    La Passeggiata è un racconto veramente sorprendente di Robert Walser, lungo nemmeno 100 pagine, in cui l'autore ci fa immergere in un mondo magico e incantato, quello della sua mente solitaria. All'inizio pare di assistere ad un semplice elenco di ciò che il protagonista incontra durante il suo cammino, ma poi si rimane estasiati dallo stile usato e dalle immagini vive che lo scrittore riesce a creare, dalla sua sottile ironia e dal suo grido disperato e allo stesso tempo gioioso e malinconico, quello di una persona che tenta di trovare il suo posto nel mondo, cercando di trarre l'essenza di tutto ciò che lo circonda, con una incredibile sensibilità, che lo vede però sempre e solo come consapevole spettatore esterno, un escluso. La bellezza delle cose, delle persone e luoghi in cui si imbatte durante la passeggiata sono per lui fonte di incanto continuo, sembra che il protagonista scopra tutto ciò che lo circonda come se lo vedesse per la prima volta, in un'allegoria della vita veramente efficace, in cui non mancano i momenti meno entusiasmanti delle difficoltà di tutti i giorni. Si passa da attimi di vero entusiasmo ed euforia ad altri depressivi, e seguendo l'armonia del linguaggio ricercato si arriva fino al calare della sera e al finale che ho trovato davvero commovente nella sua semplicità. Indispensabile approfondire la biografia e le altre opere di Walser, dopo questa lettura.

  • User Icon

    tiziano

    21/02/2013 22.37.12

    Non è, forse, con questo enigmatico impasto di sorpresa, contemplazione, imbarazzo, raccapriccio e, a volte, disprezzo che ammiriamo personaggi, oggetti e paesaggi lungo la nostra "passeggiata" umana? Un esempio perfetto di questo atteggiamento aperto e nello stesso tempo idiosincratico, testimoniato dallo sguardo unico e profondo dell'artista: Robert Walser. Un'opera immensa, di piccolo formato.

  • User Icon

    anita

    12/09/2012 16.49.05

    noioso e inutile... descrizioni così lunghe da farti venire voglia di abbandonare il libro dopo ogni frase.

  • User Icon

    filippo nox

    18/04/2012 20.53.47

    Una lunga passeggiata dove un affollarsi di stimoli razionalmente mal conciliabili si combinano perfettamente rappresentando la metafora della scittura di questo autore. Una lettura breve ma piacevole. Consigliato!

  • User Icon

    Nino

    12/02/2011 17.37.59

    La vita è una passeggiata. E' una camminata a testa alta dinanzi a ciò che si incontra. Gli incontri e scontri della vita sociale e naturale. Riflessivo, ironico, spensierato, visionario, malinconico, realista. Un'occhiata aldilà della siepe. Un continuo distaccarsi dalla realtà, che ci immerge in un mondo fatto di pensieri e pregiudizi, opinioni silenti e diverbi accesi. Elegante e poetico. Ottima la traduzione.

  • User Icon

    nicoletta

    09/10/2010 20.24.49

    Un piccolo gioiello di gratitudine per l'autore che ce lo ha donato. Una lettura che ti avvolge con la sua spensierata altezza, con i giochi di parole che sembrano non essere stampati data la loro leggera giocosità. Lo rileggo ogni volta che il mio animo ha bisogno di essere nutrito dalle deliziosi immagini che la Passeggiata riesce sempre e continuamente a darmi. Leggetelo

  • User Icon

    Marco Piras Keller

    17/11/2009 10.44.47

    Capolavoro cui anche la traduzione rende giustizia, con due soli appunti al bravissimo Emilio Castellani, il traduttore (figura mai abbastanza apprezzata o deprecata quando sia il caso). Un'osservazione riguarda la resa in italiano. La scelta fatta dal traduttore di apostrofare sempre quando le regole scrittorie dell'italiano lo consentano. La lettura del testo a me suggerirebbe una resa che, piuttosto, porti a fermarsi sulle parole, anche sull'ultima sillaba, quasi nel rispetto del ritmo della passeggiata. Particolarmente trovo questo inciampo a pag 90 con "quest'ultimi" cui avrei molto preferito "questi ultimi", che 'rallenta il passo'. Un appunto al curatore (che è sempre il traduttore). Nella Svizzera interna, quella alemanna, normalmente detta Svizzera 'tedesca' (ma non si dica mai a uno svizzero alemanno che è tedesco o che parla tedesco) lo sport nazionale è il 'laufen' (soprattutto 'correre' in tedesco, ma per gli svizzeri è solo 'passeggiare'). Robert Walser affronta questa sua passeggiata 'descrittoria' con lo stesso incedere del normale camminare, con l'esperienza di una vita, di generazioni che nel passeggiare hanno quasi un obbligo sociale. Voglio dire che tutto il testo andrebbe percorso con questa coscienza, del ruolo che la 'passeggiata' ha per uno svizzero alemanno. Molto si potrebbe aggiungere, ma qualcuno se ne sarà già occupato di questo aspetto.

  • User Icon

    Amaranta

    10/05/2009 03.41.31

    Conoscevo questo autore e questo racconto è perfetto, anche dal punto di vista formale (a discapito di chi lo trova incoerente e discontinuo)perchè risponde ad una precisa condizione del poeta di fine '800.

  • User Icon

    antonio d'agostino

    21/03/2008 17.43.39

    bellissimo e disarmante!

  • User Icon

    Paolo

    15/10/2007 22.34.55

    Grande

  • User Icon

    Marta

    13/05/2007 11.17.40

    Una piccola perla. Questo racconto è un'allegoria della vita intesa come perpetuo vagabondaggio, con le sue tristezze e i suoi entusiasmi, capace di percepire la meraviglia anche nelle cose più piccole e marginali, nonostante le avversità di cui ogni esistenza è costellata. Un invito a non perdere la capacità di stupirsi di fronte alla varietà del mondo, a sentirsene profondamente parte. Lo stile è ironico, talvolta al limite del visionario, sempre ricercatissimo (ottima traduzione!).

  • User Icon

    Elisa

    10/12/2006 21.20.51

    Un racconto un po' noioso,secondo il mio modesto giudizio,discontinuo e a tratti incoerente. NON MI è PIACIUTO.

  • User Icon

    Michela

    07/06/2006 12.30.02

    Libro molto bello. E' corto ma sembra non finire mai. E' ideale per accompagnare altrove i pensieri di tutti i giorni.

  • User Icon

    Salvatore Romano

    25/08/2001 18.09.40

    Una passeggiata impossibile durante la quale l'autore si incontra con personaggi famosi, i più disparati. Una passeggiata positiva, di pensieri positivi, che riesce a rallegrare il lettore, a predisporlo favorevolmente alla vita. Un piccolo toccasana per ridare un pò di fiducia. Salvatore Romano

Vedi tutte le 17 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione