Passione - Jeanette Winterson - copertina

Passione

Jeanette Winterson

Scrivi una recensione
Traduttore: M. Muzzarelli
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
In commercio dal: 12 giugno 2001
  • EAN: 9788804491156
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 7,12

€ 9,50
(-25%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il romanzo è il racconto in prima persona di Henri, cuoco nell'esercito di Napoleone, e della sua passione non corrisposta per la figlia lesbica di un gondoliere veneziano. Il resoconto di un innamorato che scava dentro se stesso per scoprire finalmente il confine segreto fra l'amore e l'ossessione, tra la favola e il sentimento autentico. Sullo sfondo dell'ascesa e del declino di Napoleone, si intreccia un'opera che fonde temi scabrosi e fantasia, esplorando i sottili meccanismi psicologici che innescano la smodata adorazione per un leader e per una donna.
4,2
di 5
Totale 10
5
5
4
3
3
1
2
1
1
0
  • User Icon

    mara regonaschi

    25/09/2018 07:37:57

    Libro ME RA VI GLIO SO. Oscillando fra storia e fantasia, sullo sfondo dell'ascesa e del declino di Napoleone, narra le diverse forme della passione, imprescindibili per l'essere umano: ossessione, adorazione, amore, infatuazione. "Amare, al punto di dimenticare se stessi anche per un solo attimo, significa essere liberi". "Se avessimo il coraggio di amare non daremmo tanta importanza alle guerre". "La passione, che è nobile, non accetta a lungo gli avanzi di un altro". "La mia passione per lei, anche se non potrà mai ricambiarla, mi ha mostrato le differenza tra l'inventare un amore e l'essere innamorati. Nel primo caso sei innamorato di te stesso, nel secondo di un'altra persona". "Forse le nostre vite si aprono a ventaglio intorno a noi e ne viviamo una sola, ma talvolta per un disguido intravediamo le altre".

  • User Icon

    _Miluna_

    13/02/2009 12:12:13

    Una parola: bellissimo!

  • User Icon

    sara

    26/04/2007 18:40:45

    Non è paragonabile a 'Scritto sul corpo', ma la Winterson è sempre la Winterson! Struggente la descrizione della Venezia di inizi 1800.

  • User Icon

    Argante72

    06/06/2006 12:00:43

    La Winterson è una delle più brave, ma qui mi pare un po' un sul genere Baricco. Troppo melenso per i miei gusti...

  • User Icon

    Alessia

    20/07/2005 14:28:51

    Mi stupisce che tutti qui paragonino Passione a Scritto sul corpo. La differenza di trama e di situazioni implica necessariamente una differenza di stile. Ogni paragone non ha senso, in questo caso: le storie sono diverse, e la trama di Passione è forte, perchè si basa su una personalità debole che ama alla follia. E riesce, nonostante questo, a non cadere mai nello scontato o nel volgare, nemmeno quando tratta la Cmapagna di Russia. Passione è bello perchè è Passione. Se si vuole una copia di Scritto sul corpo, si sbaglia libro; che si rilegga Scritto sul corpo, a quel punto: sono altri a fare libri con lo stampino, e la Winterson è meravigliosa proprio perchè è *sempre* diversa.

  • User Icon

    Sara

    16/05/2005 08:18:31

    Sinceramente mi aspettavo di più..lo stile narrativo è eccezionale come solo quello della winterson può essere,ma la trama (soprattutto nella parte iniziale)lascia un pò a desiderare..cmq in definitiva un bel libro,ma mai paragonabile a scritto sul corpo!

  • User Icon

    Cinzia

    07/02/2005 21:45:23

    Bellissimo libro,anche se il primo amore, "Scritto sul Corpo", nn si scorda mai..

  • User Icon

    Raffaele

    01/12/2004 23:59:07

    Gran bel libro da non perdere soprattuto x tutti gli amanti della Winterson: più leggerete i suoi libri, più entrerete in un mondo fatto di ambivalenze e di "gioco". E proprio un "gioco di ruoli" è questo romanzo molto intenso, che non raggiunge però la "perfezione sensoriale" di Scritto sul corpo!

  • User Icon

    hopes

    21/07/2004 10:51:12

    Forse piu' bello di "scritto sul corpo"!

  • User Icon

    Dany

    19/10/2002 19:12:24

    Semplicemente stupendo! Lo consiglio a chiunque..............

Vedi tutte le 10 recensioni cliente
  • Jeanette Winterson Cover

    (Manchester 1959) scrittrice inglese. Dopo il suo primo romanzo, Non ci sono solo le arance (Orange are not the only fruit, 1985), ha proseguito nello sviluppo di temi del femminismo in una dimensione di realismo magico, rivisitando vicende leggendarie o popolando gli sfondi storici delle trame narrate con figure fantastiche: Canottaggio per principianti (Boating for beginners, 1985, nt); Passione (The passion, 1987). Tra le opere successive si ricordano Scritto sul corpo (Written on the body, 1992), Arte e menzogne (Art and lies, 1994), il saggio L’arte dissente: scritti sull’estasi e la sfrontatezza (Art objects. Essay on ecstasy and affrontery, 1995), i romanzi Powerbook (2000), Il custode del faro (Lightouse keeping, 2004), Il cancello del crepuscolo (The daylight gate, 2012) e i libri... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali