Paura - Stefan Zweig - copertina

Paura

Stefan Zweig

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Ada Vigliani
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 19 ottobre 2011
Pagine: 120 p.
  • EAN: 9788845926341
Salvato in 87 liste dei desideri

€ 9,50

€ 10,00
(-5%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Paura

Stefan Zweig

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Paura

Stefan Zweig

€ 10,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Paura

Stefan Zweig

€ 10,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 10,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Irene Wagner, bella viennese della migliore borghesia e moglie di un noto penalista, sta scendendo rapida le scale di una casa non sua dopo aver fatto visita all'amante, un giovane pianista. Ma lì, su un pianerottolo, il fato la attende sotto le spoglie di una sordida ricattatrice. Quella donna sa tutto di lei. E Irene cede, e paga. Ma da quel momento comincia l'incubo: le richieste di denaro aumentano vertiginosamente, e lo sguardo indagatore del marito, l'avvocato Wagner, ormai la atterrisce - certo sospetta qualcosa, forse ha subodorato l'inganno. E quello che le ha fatto notare un giorno, en passant, raccontandole delle sue esperienze professionali è terribilmente vero: spesso il colpevole soffre più per la paura di essere scoperto, per l'ansia di dover nascondere il delitto, che non per il terrore del castigo; la pena, anzi, è catartica. Che fosse un tacito invito alla confessione? Maestro della suspense, Zweig pedina l'adultera, tormentata dalla ricattatrice non meno che da se stessa e divisa fra angoscia e rimorso; ne mette a nudo la psicologia, ne dipinge gli incubi, ne svela le riflessioni, tra passi falsi, decisioni sempre rinviate e scene isteriche all'amante, a torto ritenuto complice della ricattatrice: sino al coup de théâtre finale...
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,15
di 5
Totale 20
5
8
4
9
3
2
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    duke

    25/09/2019 08:11:41

    Stefan Zweig, ebreo austriaco cosmopolita, è stato un grande intellettuale europeo, oggi forse un po' dimenticato. Nel 1942 si suicidò, insieme con la giovane seconda moglie in Brasile, dove, superstite di un mondo scomparso, si era rifugiato per sfuggire alle persecuzioni naziste. È la Vienna cosmopolita di Sigmund Freud che fa da sfondo alla novella, ma è anche la Vienna del crepuscolo dell' Impero Austriaco. Dai suoi racconti sono stati tratti più di venti film. Paura fu diretto nel 1954 da Rossellini, protagonista Ingrid Bergman, e con un giovanissimo Klaus Kinski in una particina en travesti. In Italia ne circolarono due versioni: la prima, nel 1955, fedele all’originale anglo-tedesco; la seconda, nel 1958, molto rimaneggiata nel montaggio e nel finale, disconosciuta dal regista. Racconto assolutamente consigliato questo.

  • User Icon

    Gilberto C

    21/09/2019 10:32:57

    Un altro, breve, capolavoro di Zweig, campione nel creare figure di donne dense di dramma, di passione e nel farne un’analisi psicologica dettagliata, profondamente umana, compassionevole e coinvolgente. Zweig ama le sue antieroine, le capisce profondamente e, pur nel loro errore, ce le fa essere vicine e comprese. Lo stile è come sempre impeccabile, perfetto, mai retorico ma sempre appassionato.

  • User Icon

    serafini lino pasqualino

    16/09/2019 18:56:31

    bello come tutti i libri di zweig

  • User Icon

    Alessandra

    02/08/2017 14:35:43

    Racconto lungo incentrato sull'analisi psicologica della protagonista. Una scoperta, per me... Si legge tutto d'un fiato ed è davvero piacevole... Lo raccomando senz'altro...

  • User Icon

    And the Oscar goes to ....

    30/12/2015 12:49:03

    Mah. Stavolta l'ho letto tutto e ancora non mi ha soddisfatto. Do un 3/5 che con il 1/5 che avevo dato in precedenza fa una media di 2/5 che mi sembra il voto giusto.

  • User Icon

    And the Oscar goes to ....

    01/12/2015 12:08:30

    Sono proprio pochi i libri che trovo insopportabili e non porto a termine. Magari un giorno ci riproverò. Per ora 1/5.

  • User Icon

    AdrianaT.

    29/10/2015 10:13:06

    Irene, suo malgrado risucchiata dalla banalità e dalla superficialità in un vortice infernale rivelatore di incapacità nel gestire pressioni al di fuori della sua portata, condotta ad un passo dal baratro e salvata in extremis, paradigma dell'essenza femminile contrapposta a quella maschile, in un quadro lucido e sapiente. Grandioso nella sua brevità - finale da 5 stelle.

  • User Icon

    RICCARDO

    20/09/2014 23:33:06

    Scritto e tradotto meravigliosamente come moltissimi libri di Zweig. Si sente lo stato d'animo e la paura della protagonista. Tutti i romanzi di Zweig hanno una descrizione introspettiva dei personaggi che ha qualcosa di semplicemente meraviglioso. Consigliato.

  • User Icon

    spaggio

    12/09/2014 21:01:30

    Bel racconto di introspezione psicologica che rende perfettamente stati d'animo correlati alla situazione descritta. Lettura estremamente scorrevole, ritmo sostenuto,capacità letteraria di alto profilo. Un racconto lungo di godibilissima fruizione.

  • User Icon

    marco.lettore

    02/01/2014 15:02:51

    Da un lato l'atmosfera dei ricchi salotti viennesi, gaiamente illuminati per l'esaltazione festosa del mito borghese del denaro; dall'altro la necessità di evasione dello spirito umano dal materialismo tragico della realtà. La dicotomia imperante in questo breve romanzo di Zweig si riflette nel travaglio psicologico della protagonista, segno che le contraddizioni della realtà fenomenica sono poi riflesse direttamente nell'interiorità dell'individuo. Stile impeccabile, nella traduzione proposta dall'Editore. Ritmo lento, benché soltanto lievemente percettibile, vista la crescente attrazione del lettore verso il finale a sorpresa. Una lettura obbligata, per coloro che vogliano armarsi contro la mondanità col vessillo della chiarezza e della trasparenza negli affetti.

  • User Icon

    Giugi

    01/07/2013 23:15:56

    Leggermente inferiore ad altri capolavori dello stesso autore, come "Lettera di una sconosciuta", ma comunque un libro scritto con la consueta maestria. Tuto incentrato sulla descrizione psicologica della protagonista veramente molto profonda. L'assenza della trama rende il romanzo un statico, ma comunque sempre interessante ed apprezzabile, con il grande merito di essere breve.

  • User Icon

    Anna

    29/01/2013 22:06:26

    Narrazione dal ritmo incalzante per buona parte del racconto; dalla seconda metà in poi, lo stile, la penetrazione psicologica e l'abilità descrittiva tendono via via a scemare fino a spegnersi in un finale dai toni piuttosto scontati. Il tutto, in ogni caso, non inficia il piacere della lettura

  • User Icon

    Giuseppe

    14/12/2012 15:10:57

    E' il primo libro di Zweig che leggo. Confesso che non sapevo niente di lui e della sua storia (da scrittore dal successo planetario a esule in quanto ebreo, scosso dagli eventi drammatici del suo tempo, al suicidio in Brasile, al vergognoso oblio: grazie Adelphi per l'ennesimo provvidenziale "ripescaggio"!), e mi sono ritrovato davanti a un maestro, tra l'altro tradotto con altrettanta maestria. Una prosa elegantissima ma asciutta, un'analisi psicologica dei personaggi minuziosa ma mai noiosa, una storia di per se scarna e ridotta all'osso, sviluppata in un racconto neanche troppo lungo, ma in grado di coinvolgere, commuovere, turbare e dominata da un sentimento che ognuno di noi ha vissuto almeno una volta e che è in grado di riconoscere nelle parole di Zweig: il senso di colpa e la paura che tutta l'impalcatura della propria vita possa crollare di botto per una leggerezza, uno stupido errore; gli attimi di sollievo; il ritorno del mostro e la tentazione dell'abisso. Certo, il contesto in cui la storia vive è molto limitato e ristretto, il che forse rende il quadro d'insieme un po' datato. Ma se è per questo anche la San Pietroburgo di Dostojevski è "datata". La letteratura eccelsa non ha età. Leggerò altro di Zweig. Questo lo consiglio a chiunque. Tra l'altro si legge in poche ore.

  • User Icon

    Lorso57

    12/12/2012 08:32:48

    Scritto divinamente come solo un Grande Maestro può fare. Inizio folgorante, parte intermedia senza acuti particolari, finale con parziale sorpresa.

  • User Icon

    lina

    12/11/2012 00:45:49

    l'introspezione psicologica, punto forte di Zweig, è qui meno potente che in altri suoi racconti. agli amanti dell'autore consiglio NOTTE FANTASTICA, imperdibile.

  • User Icon

    Angelo Colombo

    13/10/2012 15:35:31

    E' il primo libro di Zweig che leggo e mi è decisamente piaciuto . Inoltre il finale non l'ho trovato così scontato. Ne leggerò senz'altro altri libri.

  • User Icon

    Damiano

    26/07/2012 16:22:24

    Un'altra prova di grande letteratura in piccoli spazi. Non il massimo dei voti perché la storia è un po' debole, e il personaggio del marito a mio avviso irritante. Ma la scrittura è quella dei grandi.

  • User Icon

    umberto

    02/04/2012 18:19:17

    sarà il 15° racconto di zweig che leggo, oltre al "mondo di ieri"..ma è possibile che siano tutti "uno più bello dell'altro" ?!?! Grandissimo scrittore.

  • User Icon

    Sweeney

    20/02/2012 21:40:58

    Un po' prevedibile il finale. Sottointende una morale in fondo un po' crudele: mi chiedo quanto sia lecito incutere il terrore in una persona (molto amata), spingerla quasi all'estrema decisione pur di otternerne la redenzione e l'amore. Indagine psicologica attenta, finissima. Prosa scorrevole. Bello, da leggere.

  • User Icon

    claudio

    10/11/2011 08:37:56

    Altro grande capolavoro di Stefan Zweig, questo autore che Adelphi ci restituisce dall'oblio. Sono poco più di cento pagine dedicate ad un tradimento da parte di una giovane donna dell'alta borghesia viennese, un capriccio per lei che ha un marito che l'ama, due figli piccoli e una considerevole vita sociale ed economica. La paura la prende quando una donna, brutta a vedersi, la ferma e la comincia a ricattare. In queste pagine sembra di essere al fianco di questa donna, vinta dalla paura. Fino al finale che scombussolerà tutto.

Vedi tutte le 20 recensioni cliente
  • Stefan Zweig Cover

    Nato il 28 novembre 1881 a Vienna, Zweig era figlio di un ricco industriale ebreo e per questo potè studiare con tutta libertà, seguendo i suoi gusti che lo portavano a interessarsi di letteratura, filosofia e storia.L'atmosfera cosmopolita della Vienna imperiale favorisce la sua curiosità del mondo, che si trasforma in una sorta di bulimia culturale. Come letterato esordisce con poemi in cui si percepisce l'influenza di Hofmannsthal e Rilke, di cui parla nella sua autobiografia Il mondo di ieri (Die Welt von gestern, 1942). Per Stefan Zweig "la letteratura non è la vita", ma "un mezzo di esaltazione della vita, un modo di cogliere il dramma in maniera più chiara e intelleggibile". La sua ambizione è dunque "dare alla mia esistenza l'ampiezza, la pienezza,... Approfondisci
Note legali