La pavoncella

Emanuele Gagliardi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 235 KB
Pagine della versione a stampa: 190 p.
  • EAN: 9788866901808

€ 4,99

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Quando, nel novembre del 1975, muore Pier Paolo Pasolini e Pino Pelosi, il "ragazzo di vita" che lo ha assassinato, confessa, l'opinione pubblica e i media condividono l'idea del crimine maturato negli ambienti della prostituzione omosessuale. Il ritrovamento, a una settimana di distanza, dei cadaveri seminudi di due alti dirigenti dell'ENI, però, non fa escludere a politici e forze dell'ordine che esista un collegamento tra questi cadaveri eccellenti e l'assassinio di Pasolini, che stava lavorando, prima della morte, ad un romanzo-inchiesta sulle lotte di potere all'interno del settore petrolchimico. Il commissario Umberto Soccodato, però, non crede alla pista politica e indirizza le sue ricerche verso le donne legate alle due vittime. Anche se Pasolini non è direttamente coinvolto, sarà proprio lui a indicare a Soccodato come dipanare l'intricata matassa
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Elena Grilli

    22/04/2017 16:09:17

    La Pavoncella è un romanzo che mette a proprio agio chi ama il genere poliziesco tradizionale. Il commissario Soccodato indaga su una serie di delitti, arrivando ad una soluzione che non è particolarmente recondita né complessa, anche considerando l’esiguo numero di personaggi e di moventi possibili. Non è un genio, piuttosto un funzionario sufficientemente motivato a fare bene il proprio lavoro. È accomunato a Maigret, oltre che dalla pipa, anche dalla tendenza a rimuginare dentro di sé le valutazioni sul caso e da un metodo più imperniato sull’analisi psicologica che sugli indizi materiali. Un filo di antipatia lo rende un personaggio umano, con le sue rimuginazioni intrise di una morale borghese di cui va fiero, i suoi richiami a una giustizia divina che sembra convinto di poter correttamente interpretare e il suo innocuo gusto sadico nel mettere in difficoltà l’interlocutore. Il romanzo cattura dalle prime righe, con un grande potere seduttivo sul lettore. L’ambientazione è interessante da un punto di vista storico e il modo con cui le morti di Enrico Mattei e Pierpaolo Pasolini vengono legate senza forzature all’interno della trama è indice di solide conoscenze storiche dell’autore. Lettura davvero piacevole e consigliata.

| Vedi di più >
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali