I peccati di Montelupo

Alda Vercesi

Editore: Youcanprint
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 1 luglio 2014
Pagine: 200 p.
  • EAN: 9788891148063
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Autunno 1955. In un capanno diroccato, perso tra le colline dell'Oltrepò pavese, viene ritrovato il cadavere di una donna incinta. Come in un film di quegli anni, girato con pellicola in bianco e nero a bassa sensibilità, i contrasti e le durezze della provincia si dipanano in un gioco di grigi pieno di nebbia e di galaverna.

€ 10,12

€ 11,90

Risparmi € 1,78 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Silvia

    08/12/2014 19:40:59

    Libro molto bello, avvincente nella trama che odora di cose vissute: attraverso una prosa vivace e fluida si assapora il grande amore dell'autrice per le terre dell'oltrepo Pavese e una conoscenza fine e disincantata della psicologia dei suoi abitanti

  • User Icon

    attilio mangano

    08/12/2014 17:19:47

    Una storia avvincente e tenebrosa di sesso e mistero che si rivela poco per volta e ricostruisce i percorsi di una vita intera. Con questo secondo romanzo Alda Vercesi si conferma come scrittrice che ama impensierire e non smette di avvincere il lettore, un ruomanzo che merita, una vera rivelazione.

  • User Icon

    Rocco Monteleone

    08/12/2014 16:29:12

    Montelupo è un paese dell'Oltrepò Pavese, ma vi accadono cose che almeno una volta accadono in tutta la provincia italiana, sia che abbiano il colore del giallo sia che abbiano la piega di un sorriso sommesso. Negli anni cinquanta molto doveva ancora accadere alla piccola Italia agricola sia del Nord sia del Sud, ma i paesi non dormivano sonni tranquilli, come potremmo pensare. Ma ci voleva un'autrice profondamente colta e versatile per poter vedere nella nebbia del paesaggio le pene e le gioie della gente di fiume. Questi romanzi ormai non si scrivono più, presi come siamo dalla sindrome dell'audience.

Scrivi una recensione